IL MERCANTE DI VENEZIA (S. Mastrobuoni)

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
 
Titolo Originale: The Merchant of Venice
Paese: GB/Italia/Lux/USA
Anno: 2004
Regia: Michael Radford
Sceneggiatura: Michael Radford
Durata: 124''
Interpreti: Al Pacino,Lynn Collins, Jeremy Irons,Charlie Cox, Joseph Fiennes, Zuleika Robison

Il giovane Bassanio, che vuole corteggiare la bella Porzia, ereditiera di Belmonte, chiede aiuto al suo amico Antonio, il mercante di Venezia,che ha appena investito tutte le sue ricchezze in una spedizione commerciale. I due si rivolgono allora a un noto usuraio, l’ebreo Shylock  che concede il prestito con la clausola che se al tempo stabilito non fosse ripagato il debito, Antonio avrebbe perso una libbra della carne del suo corpo. Il bel Bassanio parte quindi per raggiungere Porzia, ma la fortuna di Antonio volge al peggio e Shylock pretende il pagamento del debito...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
La tragedia viene rappresentata di rado per il suo antisemitismo medioevale, ma il prologo del film ambientato nel ghetto, ci suggerisce un atteggiamento di comprensione verso gli ebrei perennemente umiliati e perseguitatati.
Pubblico 
Adolescenti
Per alcune nudità
Giudizio Artistico 
 
Buona regia di M. Radford ed ottima recitazione di Al Pacino. Una Venezia medioevale molto ben costruita

“Il mercante di Venezia” non è probabilmente una delle opere più riuscite di Shakespeare perché tutto sommato la vicenda narrata è un po' triste e nemmeno il grande poeta inglese riesce ad uscire dallo stereotipo dell’ebreo usuraio e infingardo. Shylock, magistralmente interpretato da Al Pacino, è l’ usuraio, nella Venezia del 1600, insultato e schernito da Antonio (Jeremy Irons) e dai veneziani, che condannavano l’usura e discriminavano il popolo ebraico (dal veneziano, l’origine della parola “ghetto”). Tuttavia nel momento della necessità Antonio ricorre a lui vestendo gli abiti dell’amicizia. Shylock, pieno di rancore, concede il prestito ma pone una condizione disumana, come disumano è stato il trattamento che egli ha ricevuto per lungo tempo da Antonio. Di tutt’altra natura è il sentimento che lega Antonio a Bassanio (Joseph Fiennes) e che trascendendo dal testo shakesperiano diventa quasi un’attrattiva omosessuale: difatti Antonio è pronto a correre il rischio solo per giovare al giovane Bassanio che con i quattrini avuti da Shylock (e nave e piccola corte al seguito) spera di conquistare la bella Porzia (Lynn Collins). Come in altre opere di Shakespeare anche qui si svolgono due vicende parallele che sul finire confluiscono:   c’è il corteggiamento della ricca, bella e intrigante  Porzia che si concederà solo a chi saprà risolvere l’enigma dei 3 forzieri, che svela il cuore e le aspettative dei pretendenti; questo costituisce l’espediente per stuzzicare lo spettatore con la genialità e arguzia del poeta inglese. Mentre l’amore di Porzia e Bassanio raggiunge l’apice, a Venezia si consuma il doppio dramma umano: Antonio che perde tutto in mare e viene arrestato dai creditori e Shylock che, persa la figlia scappata da un padre possessivo per godere della vita, si rivale con rinnovato rancore su Antonio. Si giunge così al processo, dove, nonostante la legge a favore di Shylock, con nuovi espedienti, ragionamenti, cavilli e travestimenti (con cui Porzia interviene in favore dell’amato e del suo amico), la sorte si rivolta contro l’ebreo che perde definitivamente tutto. I buoni, bravi e belli finiscono ancora una volta per vincere mentre l’ebreo è sempre più emarginato e reietto.  

Buona la regia di Michael Radford che trasporta sullo schermo un testo teatrale conservando le caratteristiche del palco (scene ristrette, dialoghi in primo piano...). Sempre magistrale la recitazione di Al Pacino, buone anche le recitazioni di Jeremy Irons, Lynn Collins, Joseph Fiennes; molte buone le recitazioni dei personaggi minori che però nei testi di Shakespeare hanno sempre una loro “utilità” e un loro carattere (Kris Marshall, Zuleikha Robinson...). Molto bella la scenografia ricostruita tra le acque della laguna di Venezia, le calli e i ponti, senza dimenticare la nebbia e l’atmosfera rarefatta.

Autore: Stefano Mastrobuoni


Share |