MADAGASCAR

New York. Zoo Centrale Alex il leone, Marty la zebra, Gloria l'ippopotamo, òMelma la giraffa e un plotone  di pinguini si esibiscono ogni giorno per il diletto degli spettatori. Anche se il pasto è abbondante e la "mutua" paga tutte le visite specialistiche, c'è chi non è contento. I pinguini, inquadrati in una disciplina militare organizzano una fuga, seguiti dalla zebra. Il leone e gli altri compari non hanno nessuna intenzione di abbandonare le comodità dello zoo, ma per cercare il loro amico decidono di uscire anche loro. Non sanno ancora che di avventura in avventura andranno a finire fino in Madagascar.....

Valori Educativi



La forza di coesione di un gruppo di amici supera difficoltà esterne e crisi interiori

Pubblico

10+

Linguaggio a volte scurrile

Giudizio Artistico



Sceneggiatura over-semplificata, animazione non sempre all’altezza degli ultimi standard

Cast & Crew

Produzione

Dreamworks

Produzione

Sceneggiatura

Mark Burton

Sceneggiatura

Billy Frolick

Sceneggiatura

Eric Darnel

Sceneggiatura

Tom McGrath

Sceneggiatura

La Nostra Recensione

La Dreamworks può vantare nella sua più recente produzione  film con valide sceneggiature che hanno contribuito a creare un nuovo tipo di film animazione adatto per tutte le età come Shreck e Shreck 2 ma anche animazione classica orientata verso i più piccoli, come Shark Tale.Madagascar si colloca sulla linea di quest'ultimoe non occorre andare a scovare   messaggi più o meno sublimati in un film che ha il solo scopo di divertire senza troppe pretese.
Si può comunque isolare il centro emotivo della vicenda nella forte solidarietà fra i quattro amici dello zoo e nella convivenza fra le varie specie di animali vista come una metafora dell'armonia multirazziale, sopratutto quando i quattro esemplari della fauna  Centro Africana si ritrovano nel Madagascar in mezzo a una popolazione di simpatici anche se un po' isterici lemuri.

Il divertimento è assicurato anche perché gli autori attingono ai più classici trucchi del repertorio della Walt Disney: i personaggi sembrano essere fatti di  gomma ( si allungano o si allargano in funzione delle traversie che si trovano a superare) e ogni occasione è buona per  ruzzolare, inciampare, urtare qualcosa in modo maldestro.
Non mancano momenti di tensione drammatica come è sempre successo nei film del grande  Walt: il leone Alex, lasciato il "civilizzato" zoo, riscopre il suo istinto carnivoro e perfino il suo amico Marty diventa quello che è: una appetitosa zebra. Alex cerca di sopprimere questi impulsi negativi  isolandosi da  tutti anche se, il gruppo degli amici si muoverà compatto in suo soccorso .

Se è giusto non pretendere molto da un film per bambini e ragazzi, non si può non osservare che l'animazione, rispetto agli standard a cui ormai la produzione americana ci ha abituato, è stata fin troppo stilizzata. Molto approssimativi sono gli esseri umani, nelle poche scene in cui compaiono. Non esistono inoltre dei veri e propri protagonisti, ma questi animali che parlano ci appaiono come tante macchiette,  caratterizzati tramite  qualche tic o curiosa inclinazione.

La sceneggiatura, semplice nella lettura come dovrebbe essere, è incline a ripetersi (le allucinazioni dell'affamato leone, che vede improvvisamente nei suoi amici tante squisite bistecche, da trovata divertente si tramuta in noiosa ripetizione).

In complesso si tratta di un film per tutta la famiglia, anche se occorre notare quello strana tendenza di cercare di far ridere i bambini con elementi quali  puzzette o altre allusioni alle funzioni  corporali: tendenza nata con Shreck e che si è rapidamente moltiplicata nei film seguenti.

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Titolo Originale MADAGASCAR
Paese USA
Etichetta
Scrivi per primo un commento a “MADAGASCAR”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti

madagascarposter