CINDERELLA MAN UNA RAGIONE PER LOTTARE

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
 
Titolo Originale: Cinderella man
Paese: USA
Anno: 2005
Regia: Ron Howard
Sceneggiatura: Akiva Goldsman, Clifford Hollingsworth
Durata: 144'
Interpreti: Russel Crowe, Renee Zellweger, Paul Giamatti, Graig Bierko, Paddy Considine

New York. La Grande Depressione. Jim Braddock è un irlandese che ha avuto una certa fortuna come pugile ma poi ha dovuto smettere per una ferita alla mano. Per mantenere la moglie e i suoi tre figli cerca  ingaggi saltuari come scaricatore di porto e quando anche questa occasione manca, si umilia a chiedere denaro agli amici.
Poi, la fortuna cambia direzione: riesce a ritornare sul ring e una serie di vittorie gli danno una certa serenità di vivere. Fino al giorno della grande sfida con il campione dei pesi massimi Max Baer: il botteghino lo da per perdente 10 a 1 ma lui ha volontà da vendere...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Gli affetti familiari e l'onestà come forza interiore per affrontare grandi avversità
Pubblico 
Adolescenti
Per il realismo dei prolungati combattimenti sul ring, con dettagli di schizzi di sangue e volti tumefatti
Giudizio Artistico 
 
Il regista Ron Howard (ex Happy Days) ha raggiunto la sua piena maturità professionale e Russel Crowe ha trovato ancora una volta la chiave giusta per rappresentarci il mite ma tenace pugile irlandese

Molti film sono stati scritti sulla Grande Depressione. Essa costituisce la grande prova con la quale si è forgiato lo spirito americano o almeno il suo mito, caratterizzato  dalla consapevolezza che la vita non concede sconti  e che si vince solo contando sulle proprie forze, con tenacia e determinazione. 
 Il regista Ron Howard e il premio Oscar Russel Crowe si sono di nuovo messi assieme dopo il successo di A beautifull mind  per raccontare  la vittoriosa  battaglia di un individuo: contro le avversità: allora contro i fantasmi della propria mente, ora contro la povertà. Se il primo film culminava con il massimo dei riconoscimenti personali, il premio Nobel per l'economia, qui l'evento topico è la sfida con il più giovane e atletico campione dei pesi massimi in carica, avvenuta il 13 giugno del 1935; una sfida-simbolo per la moltitudine degli immigrati nel Grande Paese, per tutti quei proletari che ancora vivevano mendicando un qualsiasi lavoro a giornata (fa impressione la sequenza dove si vede Central Park affollato delle baracche dei senzatetto).

In un modo possibilmente ancora più intensa che nel film precedente è la solidarietà fra marito e moglie e con i figli. Essa costituisce la forza trainante per superare le avversità: se nel precedente lavoro è la moglie a sostenere il peso della lunga riabilitazione del marito, ora è Crowe-Braddock a ricavare dai suoi impegno verso la famiglia  le energie per le sue sfide epiche (rimasto più di un anno lontano dal ring, è ora più anziano dei suoi contendenti) e a mostrare  quella forza di volontà e determinazione che gli altri non hanno.

Braddock nel film (ma anche nella realtà, perché così è accaduto), una volta raggiunta una certa agiatezza, decide di restituire allo stato i soldi del sussidio che aveva ricevuto fino a poco tempo prima: un gesto di solidarietà ma anche un orgoglioso spirito di indipendenza.

Ron Howard ha fatto strada come regista: se finora poteva venir  qualificato come un discreto professionista con un'impostazione classica, ora ha manifestato una  sua originale personalità realizzando, grazie ad un abilissimo montaggio, lunghe sequenze di combattimenti sul ring che lasciano inchiodati alla sedia. Ottima anche la scelta estetica di utilizzare tonalità color seppia, per restituire la stessa profondità di campo del bianco e nero dell'epoca. 

I combattimenti sono prolungati e violenti: è sconsigliabile la visone ai più piccoli e ai più impressionabili. Si comprende però che questa  chiave realistica  è stata impiegata dal regista per simboleggiare la vita dura di quei tempi e  al contempo per evitare il pericolo di  scivolare  nella  favola edificante..

Russel Crowe ha trovato anche questa volta la chiave giusta per rappresentarci un uomo mite, onesto e riflessivo che trova nella famiglia le ragioni della sua determinazione  per vincere.
Quando viene spinto all'angolo del ring, crivellato di colpi da un avversario più dotato di lui, Russel-Jim ci mostra uno strano ghigno, quasi beffardo, come a mostrare all' avversario la sua impossibilità di soccombere, la sua superiore capacità di superare qualsiasi difficoltà.

Autore: Franco Olearo


Share |