OGNI MALEDETTO NATALE

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Ogni maledetto Natale
Paese: ITALIA
Anno: 2014
Regia: Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo
Sceneggiatura: Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo
Produzione: LORENZO MIELI E MARIO GIANANI PER WILDSIDE CON RAI CINEMA
Durata: 95
Interpreti: Alessandro Cattelan, Marco Giallini, Corrado Guzzanti, Alessandra Mastronardi,Valerio Mastandrea, Laura Morante, Francesco Pannofino, Stefano Fresi

Massimo e Giulia s’incontrano per caso una sera a Roma. Fra loro è subito colpo di fulmine ma si profila un problema: il Natale è vicino e come da tradizione, entrambi debbono festeggiarlo in famiglia. Giulia invita Massimo per la vigilia presso la sua famiglia, in un paese della Tuscia ma l’impatto è devastante: il padre e i fratelli di lei risultano essere poco più che dei cavernicoli e Massimo decide di passare il giorno di Natale presso la maestosa casa dei suoi, ricchi imprenditori del settore alimentare, che raggiungono ogni anno il picco delle vendite proprio in questo periodo. Ma anche nella famiglia di Massimo ci sono non pochi problemi da risolvere

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Il film dà per scontato che il Natale non ha alcun valore religioso e il riunire tutta la famiglia intorno alla stessa tavola viene mostrata come una forma di pura ipocrisia
Pubblico 
Tutti
Giudizio Artistico 
 
Ottima interpretazione di Laura Morante. Per il resto la sceneggiatura non riesce ad amalgamare i tanti a solo dei comici presenti.

Nell’antichità, al 25 dicembre era abbinato il solstizio d’inverno, il giorno più buio dell’anno.  Per questo l’imperatore Aureliano nel 25 dicembre del 273 a.C dedicò un tempio al Sol Invictus, per festeggiare la rinascita del sole. Alla stessa data venne abbinata la nascita di Gesù, a sottolineare l’inizio di un’era luminosa.

Giacomo  Ciarrapico, Mattia  Torre e Luca  Vendruscolo, gli autori di questo Ogni maledetto Natale, hanno voluto al contrario sottolineare solo gli aspetti negativi di questo giorno, non solo per la sua oscurità ma sopratutto per mettere alla berlina  l’allineamento acritico di molti di noi a consuetudini forzate, alla schiavitù degli auguri per tutti, al pranzo con parenti che non si vedono da anni.  Il terzetto si era già fatto notare per il suo stile anarchico e dissacratorio in Boris (sia la trilogia seriale che il film) e ora che la grande festa si avvicina e altri autori stanno per mandare nelle sale allegri film per tutta la famiglia, decidono di sferrare un attacco al Natale che viene definito, fin dalle prime battute, come: “il giorno più spaventoso dell’anno”.

Il pool di attori ingaggiati per questo film è davvero impressionante, il gotha dell’attuale commedia italiana: Marco Giallini, Valerio Mastrandrea, Corrado Guzzanti, Francesco Pannofino, Stefano Fresi, Laura Morante ma diciamo subito che il film fa acqua da tutte le parti.

Lo spunto è molto esile (il confronto fra due famiglie , una burina e l’altra arricchita) e l’intesa fra i due innamorati (Alessandro Cattelan e Alessandra Mastronardi) è particolarmente inconsistente: si vede molto bene che la loro funzione è solo quella di fungere da collante ai due capitoli della trama per lasciar spazio agli sketch imbastiti dagli attori primari.

Qualche gag risulta divertente ma si tratta di tanti a solo anarchici che fanno leva su certe stereotipizzazioni ormai abusate, come prendere in giro i burini della provincia laziale o la  parlata senza la “r” del maggiordomo cinese di Corrado Guzzanti. Ciò che più danneggia il film è però la mancanza di focus, l’incapacità di amalgamare la comicità con una satira di costume ben diretta. L’aver costruito il film all’interno di due famiglie poste agli antipodi sembra quasi una soluzione politically correct per prendersela con tutti e con nessuno.

Per contrasto, Fuga da Natale – 2004 con il comico Tim Allen aveva un obiettivo ben preciso: attaccare lo spirito consumistico che stravolge ormai da tempo questa festività per riscoprirne i  valori più umani: stare tutti insieme e ricordarsi di essere più generosi.

Nella soluzione adottata dai nostri tre autori,la satira, se c’è, è diluita all’interno delle singole battute, impiegata in modo strumentale per cercar di far ridere di più, invece che  costituirne l’asse portante.

 Un applauso senza condizioni va a Laura Morante, che invece di costruire un personaggio sopra le righe, impersona una credibile signora alto-borghese, elegante sensibile, ma un po’ isterica. Un realismo che finisce per costituire l’unica vera satira del film

Autore: Franco Olearo


Share |