TUTTA COLPA DEL VULCANO

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Eyjafjallajökull
Paese: Francia
Anno: 2013
Regia: Alexandre Coffre
Sceneggiatura: Laurent Zeitoun, Yoann Gromb, Alexandre Coffre
Produzione: Quad Productions, TF1 Films Productions, Scope Pictures
Durata: 92
Interpreti: Valérie Bonneton, Dany Boon, Denis Ménochet, Albert Delpy, Bérangèere McNeese

Alan e Valérie, divorziati da anni, sono in viaggio sullo stesso aereo per recarsi in Grecia al matrimonio di Cécile, la figlia ventenne. L’eruzione del vulcano finlandese Eyjafjallajökull rende impossibile la circolazione aerea e li costringe ad atterrare in Germania. I due ex coniugi si ritrovano così a condividere un rocambolesco viaggio on the road, che riporterà a galla sentimenti passati.

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Due ex coniugi riescono a fare alla loro figlia il più bel regalo di nozze: quello di rimettersi insieme
Pubblico 
Maggiorenni
Turpiloquio, violenza, scena di sesso
Giudizio Artistico 
 
Una remarriage comedy (in voga negli anni ’30 e ’40) che finisce per sprecare in parte il proprio potenziale narrativo a favore di uno stile slapstick, divertente, ma un po’ superficiale.

La commedia francese diretta da Alexandre Coffre prende come spunto l’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull, che nel 2010 costrinse a terra migliaia di persone, per esplorare il rapporto tra due ex coniugi il cui matrimonio si è concluso molto male, tra rancori e recriminazioni. Non ci vuole molto a capire che in realtà, nonostante le ostilità, i due provano ancora affetto e attrazione l’uno per l’altra.

Mentre Alan, dopo il divorzio, si è rifatto una famiglia, Valérie vive sola, anche se non ha mai avuto problemi a trovarsi un uomo. Se Alan è più composto ed educato, Valérie è esplosiva e provocatrice. Con due personaggi così (interpretati da due attori che insieme appaiono ben rodati), il divertimento è assicurato.

Acerrimi nemici, Alan e Valérie non possono fare a meno di rivangare il passato e accusarsi reciprocamente. Quando le circostanze li portano a condividere molto tempo insieme ma seppellire l’ascia di guerra, anche temporaneamente, diventa un’impresa impossibile. Le situazioni sono portate quasi al limite dell’assurdo tra ferimenti, auto distrutte, aerei e furgoni rubati. Dopo un susseguirsi di azioni distruttive, assurde e pericolose che li portano in realtà ad avvicinarsi, i due ritrovano la passione di un tempo in un hotel in Slovenia, dove hanno fatto sosta per la notte. Valérie indossa il suo vecchio abito da sposa, che avrebbe dovuto portare alla figlia, perché ha perso i vestiti durante una delle loro disavventure. Non si sa se sia l’abito a far riaffiorare i ricordi di quello che è stato il loro matrimonio, ma i due si riscoprono attratti l’uno dall’altra, e accantonano per qualche ora rancori e dissapori. Inseguiti dalla polizia di tutta Europa, i due riusciranno ad arrivare in Grecia, giusto in tempo per assistere al matrimonio della figlia. Alla cerimonia è presente anche la compagna di Alan, alla quale Valérie non manca di svelare che ha passato una notte con l’ex marito. Insomma, le ripicche in fondo non sono finite e, nonostante Alan e Valérie si siano riappacificati, Alan non è un uomo libero e il suo tradimento, svelato da Valérie, rischia di mettere in pericolo l’unità della sua attuale famiglia.

Sul finale i toni sono stemperati e l’obiettivo comune è raggiunto: non mancare al giorno più importante per Cécile, quell’unica figlia che li unisce ancora e che è frutto dell’amore che è stato. Cécile ha sofferto tutta la vita per il rapporto ostile tra i due genitori e il regalo più bello che loro possano farle è essere insieme lì, per lei. Alan canta una canzone alla figlia, dedicandogliela. Quando la voce gli si rompe per l’emozione, interviene Valérie, per cantare insieme a lui e supportarlo. Cécile non ha mai visto i genitori fare qualcosa insieme per lei e ne è commossa. Quello che rimane del matrimonio di Alan e Valérie, in fondo, è visibile agli occhi di tutti: l’amore per quella figlia e il bene che è stato in passato e che non si può cancellare.

Nonostante la buona prova degli attori e alcune scene divertenti, il rapporto tra i due ex coniugi è lasciato in sospeso: la compagna di Alan perdonerà il tradimento? Alan tornerà dall’ex moglie? Valérie vorrà stare davvero con Alan o la notta passata insieme ha rappresentato solo un revival nostalgico?

Tutta colpa del vulcano si presenta come una remarriage comedy (commedia hollywoodiana degli anni ’30 e ’40, che vede protagonisti due ex coniugi che ritornano insieme), ma finisce per sprecare in parte il proprio potenziale narrativo a favore di uno stile slapstick (tipo di comicità basata sul linguaggio del corpo) divertente, ma un po’ superficiale.

Autore: Eleonora Fornasari


Share |