UNSANE

Titolo Originale: Unsane
Paese: USA
Anno: 2018
Regia: Steven Soderbergh
Sceneggiatura: Jonathan Bernstein, James Greer
Produzione: EXTENSION, NEW REGENCY PICTURES, REGENCY ENTERPRISES
Durata: 97
Interpreti: Claire Foy, Joshua Leonard, Jay Pharoah

Sawyer Valentini è una giovane donna che si è trasferita da poco da Boston in una città della Pennsylvania, dove ha trovato un impiego come analista in un’azienda finanziaria. Resta spesso da sola perché non ha fatto ancora molte conoscenze e si accorge che le ansie che l’avevano spinta a cambiare città la stanno ancora ossessionando. Decide quindi di recarsi da una psichiatra e di raccontarle come sia stata vittima di uno stalking opprimente che non le ha più consentito di ritrovare l’equilibrio. Recatasi il giorno dopo all'Highland Creek Behavioral Center, una clinica psichiatrica, per una seconda seduta, viene trattenuta con la forza con la prospettiva di restarci almeno una settimana. Sta quasi rassegnandosi a questa insolita prigione quando si accorge che uno degli infermieri è proprio l’uomo che l’aveva perseguitata…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
I protagonisti, sia i violenti che le vittime, non mostrano alcun arco di trasformazione positivo ma restano inchiodati alle loro debolezze
Pubblico 
Maggiorenni
Scene di violenza, ambientazioni angosciose, turpiloquio (in USA: restricted, UK: VM15))
Giudizio Artistico 
 
Soderbergh conferma la sua grande perizia narrativa inclusa la sua capacità innovare i propri mezzi tecnici.

Sawyer, nella sua veste di analista finanziaria, risponde per telefono in modo sprezzante a una cliente che non è contenta dell’analisi pessimistica che è stata fatta sui suoi investimenti; osserva un collega di spalle che si alza per uscire: le ricorda qualcuno. Viene convocata nell’ufficio del nuovo capo che si mostra soddisfatto del suo lavoro e la invita ad andare con lui per due giorni a una convention a Las Vegas. La proposta suona ambigua e Sawyer si affretta a congedarsi. Nell’intervallo di pranzo telefona alla mamma ma il colloquio è frettoloso com’è frettoloso il pranzo. Nelle prime sequenze Soderbergh mette a fuoco il protagonista, un insolito personaggio femminile, ruvido e anaffettivo e l’atmosfera di sospetti che caratterizzerà il resto del film. Se infatti il tema centrale, quello del protagonista che resta intrappolato in una clinica, costretto a assumere forti sedativi, è stato affrontato in tanti, troppi film (vorrei citare qui solo Changeling di Clint Eastwood), Soderbergh sembra non esser interessato a trovare un punto fermo alla storia, ma preferisce impiegare un caleidoscopio cangiante di temi che lasciano poco spazio allo spettatore per assestarsi su uno schema prevedibile.

Sawyer sembra avere delle instabilità psicologiche dopo l’esperienza traumatizzante dello stalking e per almeno metà del film non riusciamo a comprendere se le minacce che lei denuncia di subire dall’infermiere che per lei è lo stesso che l’ha perseguitata a Boston, siano reali o parto della sua mente malata.  Ma anche questo tema cambia nella seconda parte e prende il sopravvento la necessità di trovare una via di fuga da una minaccia reale. La reclusione forzata della donna sembra obbedire a una abusata meccanica di suspence, ma poi il tema si tinge di colori socio-politici e il film diventa una denuncia sulla facilità con cui le cliniche internano i presunti pazienti per intascare i soldi delle assicurazioni, in stretta linea di continuità con il suo precedente Effetti Collaterali, dove il regista denunciava la logica di puro profitto che muove certe industrie farmaceutiche e l’uso troppo disinvolto di farmaci anti-depressivi.

Soderbergh rende tutti questi temi, che potrebbero scivolare nel meccanismo del film di genere, interessanti grazie soprattutto ai personaggi ben caratterizzati e alle loro interazioni.  Lo stalker assassino non è solo un bruto da cui difendersi, ma quando Sawyer si trova a tu per tu con lui, nella stanza di isolamento dove è stata rinchiusa, si rivela l’atipicità e la debolezza di quest’uomo, che agisce come un adulto ma che ha la mente cristallizzata in poche certezze ossessive,  frutto della sua immaginazione. Questo Unsane diventa una descrizione lucidissima di questo istinto di possesso tutto maschile.

Allo stesso modo i dirigenti della clinica non sono solo dei cinici approfittatori ma quando la madre di Sawyer arriva per reclamare la liberazione di sua figlia, manifestano una insolita intelligenza manipolativa. Quando, per dare testimonianza della loro credibilità, invitano la madre a controllare tutte le referenze positive ricevute dalla clinica via Internet, vengono i brividi a pensare quanto sia facile oggi venir condizionati da ciò che appare sulla rete. 

Soderbergh non lascia nessuno spazio allo spettatore che gli consenta di adagiarsi su uno schema semplicistico di buoni contro i cattivi; se lo stalker è irrimediabilmente uno psicopatico, il comportamento di Sawyer può essere solo parzialmente giustificato dalle pressioni subite; la vediamo rispondere male a un cliente, licenziare con gusto una sua collaboratrice, cercare di consumare una veloce soddisfazione sessuale, sempre litigiosa e pronta ad afferrare il primo coltello che trova. La conclusione che si può ricavare da questo film è antropologicamente sconsolante: i comportamenti dei vari personaggi principali sembrano determinati esclusivamente dalle loro pulsioni alle quali ubbidiscono in modo automatico senza che traspaia in loro, durante lo sviluppo degli eventi, alcun segno di trasformazione Essi  restano se stessi, con i loro vizi, dall’inizio fino alla fine; solo un personaggio, un afroamericano internato anche lui presso la clinica, mostra segni di umanità, preoccupandosi di fare coraggio a Sawyer durante la sua difficile prova.

Soderbergh vince con questo film un’altra sfida professionale. L’idea di utilizzare per le riprese nient’altro che un cellulare, l’Iphone 7, risulta vincente perché il pubblico, abituato a rispecchiarsi nei suoi selphie, trova in questa tecnica di ripresa così mobile un alto senso di realismo che aumenta l’atmosfera angosciosa che il regista ha voluto creare.

Autore: Franco Olearo


Share |