LION - LA STRADA VERSO CASA

 
Titolo Originale: Lion
Paese: Australia, Stati Uniti, Gran Bretagna
Anno: 2016
Regia: Garth Davis
Sceneggiatura: Luke Davies
Produzione: SEE-SAW FILMS, AQUARIUS FILMS, SUNSTAR ENTERTAINMENT
Durata: 129
Interpreti: Dev Patel, Rooney Mara, Nicole Kidman

Saroo ha quattro anni e vive con la mamma e i fratelli in un paesino del Khandwa, una regione dell’India centrale. Un giorno, per aiutare il fratello in uno dei tanti lavoretti con cui la poverissima famiglia si sostiene, finisce per sbaglio su un treno che lo porta a Calcutta, a milleseicento chilometri da casa. Lì si perde e per due anni è costretto a vivere prima per strada e poi in orfanotrofio. Fino al giorno in cui viene spedito in Australia, adottato da una ricca famiglia senza figli. Venti anni dopo, il passato rimosso riaffiora nella mente di Saroo, che decide di mettersi alla ricerca delle proprie origini…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film fa riflettere sull’importanza delle relazioni umane attraverso gli occhi di chi come fratello, figlio, amico e compagno, ha sperimentato la solitudine più profonda e sottolinea, senza nessuna retorica, l’ingiusta distribuzione della ricchezza che ancora esiste nel mondo
Pubblico 
Adolescenti
Scene di forte tensione psicologica
Giudizio Tecnico 
 
Il regista australiano Garth Davis, al suo debutto cinematografico, si presenta con una pellicola struggente e ben girata, che ha meritatamente fatto incetta di candidature e di consensi

Il regista australiano Garth Davis, al suo debutto cinematografico, si presenta con una pellicola struggente e ben girata, che ha meritatamente fatto incetta di riconoscimenti e di consensi.

Nella prima parte, il film sembrerebbe quasi un omaggio dickensiano se non fosse che, fin dalla prima scena, veniamo a sapere che il racconto non solo è realmente accaduto ma che è tutt’altro che inverosimile che capiti una storia così in un Paese bellissimo e spietato, al tempo stesso, come l’India. La storia vera di Saroo, infatti, come ci rivela la scritta sul fotogramma finale, è anche quella di 80.000 bambini che scompaiono ogni anno. Una storia che si ripete migliaia di volte e quasi sempre senza lieto fine. A differenza di quella del piccolo Saroo, che ha invece avuto la fortuna e la forza (come quella di un leone, appunto) per poterla raccontare.

Dopo essere sopravvissuto alla fame, alla sporcizia, alla solitudine, e soprattutto alla cattiveria degli adulti, Saroo trova in Australia una famiglia disposta ad accoglierlo e a volergli bene. Qui il piccolo “riparte da zero” e insieme a lui anche il film sembra farlo: da una storia di sopravvivenza veniamo introdotti nel dramma familiare di un’adozione, con tutte le sue problematiche (che nel caso specifico esplodono con l’arrivo del fratello adottivo di Saroo, Mantosh, anche lui indiano e con gravi problemi psichici).

Paradossalmente Lion è un film dove si parla poco ma si racconta molto. I dialoghi sono molto asciutti, soprattutto nella prima metà del film (per forza di cose visto che il piccolo Saroo conosce una manciata di parole e solo in hindi, mentre a Calcutta si parla il bengali) ma nonostante questo sono molteplici gli spunti di riflessione offerti. Tra gli altri, il film propone il tema archetipico del ritorno a casa come riscoperta della propria identità, determinata sì dalle proprie origini ma anche del cammino percorso, che in un modo o nell’altro ci segna e ci disegna; riflette poi sull’importanza delle relazioni umane attraverso gli occhi di chi come fratello, figlio, amico e compagno, ha sperimentato la solitudine più profonda. Infine il film sottolinea, senza nessuna retorica, l’ingiusta distribuzione della ricchezza che ancora esiste nel mondo, invitandoci a riflettere e a rivalutare necessità e priorità delle nostre vite borghesi.

È un film che merita di essere visto perché ha la capacità di toccare il cuore e far vibrare corde nascoste dentro ognuno di noi. C’è la concreta possibilità di terminare la visione con il proposito di diventare persone migliori.

Autore: Gabriele Cheli


Share |