AMORE 14

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: AMORE 14
Paese: Italia
Anno: 2009
Regia: Federico Moccia
Sceneggiatura: Federico Moccia, Luca Infascelli, Chiara Barzini
Produzione: Marco Belardi per Lotus Production
Durata: 95'
Interpreti: Veronica Olivier, Beatrice Flamini, Flavia Roberto, Raniero Monaco Di Lapio, Giuseppe Maggio, Pamela Villoresi,

Carlotta, detta Caro, nell'estate del suo tredicesimo anno, ha ricevuto il suo primo bacio. Ora che inizia l'anno scolastico e si ritrova con le sue inseparabili amiche, Clod e Alis, l'argomento ricorrente è: "come sarà la prima volta? Quando avverrà?". Nel dubbio va in giro per le librerie a documentarsi e proprio mentre sta ascoltando un disco vede un ragazzo molto carino, Massi, che la ricambia con un sorriso; potrebbe essere lui il ragazzo da mettere in testa alle sue classifiche...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Le adolescenti che tratteggia Moccia pare abbiano una sola cosa in mente e nessun tipo di interesse culturale o sportivo
Pubblico 
Pre-adolescenti
Alcuni riferimenti sessuali
Giudizio Artistico 
 
I protagonisti sia maschili che femminili , sono più belli che bravi; la regista troppo discreta non riesce a coprirli. Bella colonna musicale.

Federico Moccia, più che uno scrittore e più che un regista, è un ottimo uomo di Marketing.
Chi per mestiere si occupa di promuovere un prodotto si pone sempre la stessa domanda: come posso penetrare nella mente del mio potenziale acquirente, presentargli qualcosa di allettante di piacevole, di facilmente fruibile perché si decida all' acquisto?
Amore 14 non è un film sulle quattordicenni, ma è un "come mi piacerebbe che la mia vita fosse" secondo l'idea che Moccia si è fatto del suo pubblico, desideroso di sfruttare anche questa volta fino in fondo l'empatia che sembra perdurare fra lui e il volubile mondo degli adolescenti.

L'allegria contagiosa della protagonista e delle sue amiche, gli abbracci e i bacini, i sogni ad occhi aperti, i ragazzi che si muovono intorno a loro, tutti carini e simpatici, la possibilità di vestirsi in ogni occasione all'ultima moda visto che  c'è sempre qualcuno pronto a pagare (l'amica facoltosa con la business card dei genitori); il diario per le confidenze, il PC per chattare , l'Ipod per ascoltare la musica, il telefonino per comunicare, il punteggio da dare ai ragazzi, i  nonni simpaticissimi e i genitori poco impegnativi perché troppo sciocchi per capire cosa le sta passando veramente per la testa; tutto questo costituisce il mondo fantastico di Caro, reale come può esserlo uno spot pubblicitario.

Ma le favole, anche le più belle,  perdono il loro potere incantatore  se si astraggono troppo da riferimenti reali.    Tutte le fiabe hanno un loro lato oscuro, un risvolto crudele.

Amore 14 non lascia trasparire nessuno di quegli aspetti che rendono l'età della prima adolescenza complessa e spesso tormentata, argomenti  che invece sono stati affrontati nelle opere di altri autori.

Mancano in questo film l'insicurezza, l'incertezza nel comportamento tipica di questa età (sono bella, sono brutta? Ci vado o non ci vado?..), tema ben trattato in  Come te nessuno mai di Gabriele Muccino . 
L'amicizia è molto importante in quest'età, ci si organizza per clan e possono nascere spesso incomprensioni, delusioni e tradimenti   (Caterina va in città, di Paolo Virzì)

Molte di loro vivono con un solo genitore in contesti poco sereni,  contesi fra il padre e la madre (Thirteen, di Catherine Hardwick, ma anche Diario di Classe, il bel docu-reality andato in onda nel 2008 su Raitre) .

I ragazzi non sono sempre quelli belli e carini di Moccia:  il terribile serial TV I liceali in onda su canale 5 nel 2008 mostrava  senza mezzi termini la voglia dei maschi di approfittare delle  ingenuità delle loro compagne di classe.

Se si può perdonare a Moccia la scelta stilistica di aver  tratteggiato un quadro idilliaco e irrealistico del mondo della prima adolescenza, ben più grave è l'immagine che fa trasparire di queste ragazze: totalmente sessuo-centriche e poco più che ochette decerebrate.

La nascente sessualità è vista come tema pressoché esclusivo: leggono con avidità le riviste Teen che trattano invariabilmente il tema della prima volta;  l'unica lezione a cui partecipano volentieri è quella autogestita dove si riuniscono fra ragazze per ascoltare quella che di loro "ha più esperienza"; non cercano neanche l'amore romantico ma semplicemente il partner più giusto per compiere quella "doverosa iniziazione".

Manca totalmente in loro l'interesse per la cultura, per lo sport, l'adesione a qualsiasi forma di volontariato associativo, la voglia di affermarsi in qualche disciplina; la loro progenitrice, la Vic del Il tempo delle mele (1981) aveva almeno la passione per la musica e la danza mentre la  Caterina di Caterina va in città  cercava di farsi strada come corista.

I protagonisti sia maschili che femminili , sono più belli che bravi; il regista ha fatto forse del suo meglio per cercare di farli recitare  e la sua regia discreta non cerca di  coprirli, proprio perché ha puntato tutto sull'effervescenza della loro auspicata  spontaneità.

Moccia realizza con questo suo quarto film l'operazione più rischiosa: esce dallo schema sicuro del  lui e lei innamorati per tratteggiare  un'intera categoria di adolescenti e in questo modo il suo pensiero, il suo giudizio diventa più scoperto; il pubblico da lui prediletto può ora identificarsi o non identificarsi più facilmente. Uno stratega di marketing come lui deve stare attento; il rapporto idilliaco con il suo pubblico target potrebbe incrinarsi.

Autore: Franco Olearo


Share |