HOW I MET YOUR FATHER

202210 episodi di 25 min14+   Young Adult

Dopo il successo di How I met your mother ecco il suo sequel a prospettiva inversa. Ritroviamo la stessa allegria ma i personaggi risultano appiattiti su un formato ormai standardizzato. Manca l'alternanza fra allegria e momenti di riflessione tipica del precedente serial. . Su Disney+

Nel 2050 una signora di mezza età, di nome Sophie è in collegamento remoto con suo figlio, decisa a raccontargli come ha conosciuto suo padre. Si ritorna quindi alla New York del 2022 e in particolare al bar dove era solita incontrarsi con i suoi amici. Il bar è gestito da Sid, di origine indiana, lieto di fare questo mestiere, anche se molto diverso da quello di Hannah, la sua ragazza, che è un medico chirurgo; situazione che li costringe spesso a stare lontani. Infatti, proprio quella sera , Sid chiede la mano ad Hannah, lei accetta con gioia ma subito dopo riceve una telefonata e deve partire. Al bar è presente anche Valentina, che lavora in un atelier di moda, con la quale Sophie condivide l’appartamento e che quella sera presenta a tutti il suo nuovo ragazzo. Si tratta di Charlie, un inglese di nobili origini, che ha lasciato la famiglia per seguire Valentina a New York. Completano il gruppo due, per il momento, single: Jesse, di mestiere musicista, che non si è ancora ripreso dall’essere stato abbandonato da Meredith, la ragazza con la quale era solito presentarsi ai concerti e sua sorella adottiva Ellen, che ha inclinazioni lesbiche e che si è da poco lasciata con la sua compagna. Sophie non è la più fortunata in amore, rispetto ai suoi amici: ha un incontro con un ragazzo, di origine indiana Ian, tramite Tinder e la  loro relazione sembra progredire ma improvvisamente una doccia fredda: Ian, che è un biologo marino, deve trasferirsi in Australia per un anno…


Valori Educativi



Giovani uomini e donne vedono l’amore come un’insieme di sentimento del momento e attrazione sessuale ma sono incapaci di progettare un impegno duraturo

Pubblico

14+

Riferimenti sessuali espliciti e molti comportamenti disinvolti

Giudizio Artistico



Il serial non si preoccupa di sviluppare i singoli personaggi con la propria originalità ma si concentra nel costruire situazioni comiche in un ambiente young adult ormai canonizzato da molte sitcom.

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Questo serial, non fa mistero, fin dall’inizio, di essere quello che è: uno spin-off di How I met your  Mother (in sigla: HIMYM) . Inizia in modo simile, con una madre che racconta al figlio come ha conosciuto suo padre, solo che ora siamo nel 2050 e il colloquio non avviene dal vivo, ma a distanza, tramite connessione video. La videochiamata non  è l’unico aspetto che è stato sottolineato come segno dei tempi (il serial precedente era ambientato nel periodo 2005-2014): i primi incontri alla ricerca di un ragazzo non si fanno più all’interno della cerchia degli amici ma attraverso Tinder; a New York non c’è più l’abitudine di chiamare un taxi ma piuttosto Uber; in metropolitana si usa la Metrocard (che non funziona mai), in casa si usa Alexia, delle adolescenti sono potenti influencer e ci viene mostrato (terribile) come si possono organizzare incontri amorosi anche a distanza. I personaggi, per rispondere a certe critiche subite dal serial precedente, sono ora multietnici ed è presente anche la componente LGBT.

A parte questi aspetti di contorno, il format e lo spirito non sono mutati: amici che si incontrano al bar, perché il bar è la loro casa e l’amicizia è un surrogato dell’affetto familiare; si raccontano le loro avventure amorose e tifano tutti per colui o colei che sembra aver trovato l’amore oppure perché, per il suo successo professionale, si è aperta una grossa opportunità, pronti a convertire il tutto in una battuta spiritosa che inneschi le risate registrate che caratterizzano la sitcom. Si tratta di un prolungamento/aggiornamento di HIMYM? La risposta è si nella forma ma non nella sostanza. E’ come se, con il passare delle sitcom (bisogna infatti partire almeno da Fiends), certi comportamenti si fossero standardizzati, nella fattispecie, comportamenti da young adult.

Tanto sesso innanzitutto, come possiamo sentire nei loro discorsi ma anche nei fatti, a giudicare da come esternano il loro entusiasmo dopo che hanno trovato colui o colei che ritengono sia il partner giusto. Al contrario tanta fragilità: è sufficiente una diversa di opinione su  una questione che riguarda entrambi o un accenno al proprio partner precedente per gettare un’ombra sul loro rapporto. C’è una proporzione inversa fra l’entusiasmo con cui si buttano a capofitto in una nuova relazione e il timore, l’indeterminatezza nel definire la stabilità del rapporto che si è creato. Significativo è il colloquio che si svolge fra l’inglese Charlie e Valentina, che convivono ormai da tempo, nell’episodio quattro. Debbono andare a una festa e Charlie chiede a lei come poterla presentare agli altri: “la mia bella, la mia fidanzata, la mia wonder girl?” Lei è perplessa: convivono da tempo ma secondo lei non hanno ancora deciso di stare insieme.  Lui è particolarmente dispiaciuto: in fondo ha attraversato l’oceano per stare con lei e insiste: “possiamo dire che stiamo insieme più o meno?” . Lei risponde: “Certo che stiamo insieme più o meno però siamo giovani, simpatici e spontanei anche se non so se questa sera tornerò a casa con te”.

Questo HIMYF ha quindi codificato una forma di insostenibile leggerezza dell’essere dove l’impegno di volersi sentire giovani allontana ogni assunzione di responsabilità verso l’altro. Anche il precedente serial mostrava personaggi con questo comportamento ma aveva il beneficio (e un maggior senso realistico) di presentare personaggi con un atteggiamento diversificato nei confronti della vita e delle relazioni sentimentali. Se Barney si concentrava nel mettere in pratica le sue “tecniche di abbordaggio”, Marshall e Lily sapevano di non poter fare a meno l’una dell’altra e desideravano solo sposarsi.

In questo nuovo serial, al contrario, è come se tutti i personaggi fossero stati uniformati all’interno di una codifica di che cosa è lo young adult . Una codifica utilizzata come fonte di una serie ininterrotta di situazioni comiche. Il serial precedente non era esente da riflessioni anche più mature e profonde a cui non erano esenti momenti di malinconia; in quest’ultimo lavoro c’è come un obbligo si risultare sempre moilto divertenti. Occorre aggiungere che ogni episodio è spesso un racconto a se stante e manca lo sviluppo orizzontale, la trasformazione di un personaggio. Una episodicità che caratterizza tutta la storia. Molti dei repentini tradimenti a cui assistiamo lungo lo sviluppo degli episodi, non trovano sufficiente giustificazione se non nella ricerca di costruire un colpo di scena per vivacizzare situazioni che si ripetono troppo frequentemente.

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Paese  USA
Tematiche (generale)
Tipologia
Titolo Originale How I Met Your Father
Scrivi per primo un commento a “HOW I MET YOUR FATHER”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti