COME L’ACQUA PER GLI ELEFANTI

2011122 min14+  

Sono gli anni della Grande Depressione: dopo la morte dei suoi genitori, Jacob Jankonski, studente di veterinaria di origine polacca, decide di abbandonare tutto e cambiar vita; il caso o il destino lo portano sul treno del circo dei fratelli Benzini. Diretto con pugno di ferro dal collerico August (Waltz), il circo vive perennemente sull’orlo del fallimento e per tentare un rilancio viene acquistata l’elefantessa Rosie, affidata alle cure di Jacob e destinata ad accompagnare l’esibizione di Marlena, stella del circo e moglie di August. Tra Jacob e Marlena, intanto, nasce una storia d’amore che condurrà August fino alla pazzia…

Il circo ha sempre costituito un ottimo elemento per raccontare storie di  splendore e ombre, dura realtà e splendida illusione, ma questo film non è all'altezza dei suoi predecessori, con poca tensione ed interesse


Valori Educativi



Storia di un adulterio, sia pur in condizioni estreme.

Pubblico

14+ Alcune scene di violenza, una scena sensuale. Alcuni animali vengono picchiati

Giudizio Artistico



Una storia che si vorrebbe dal passo classico, ma che invece finisce per essere solo vecchia, con poca tensione e interesse. Persino il sempre bravo Christopher Waltz fatica a dare al suo personaggio qualcosa che vada oltre la schematicità di un cattivo da operetta

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Il circo, luogo di fascino e tragedia, è lo sfondo di una storia che si vorrebbe dal passo classico, ma che invece finisce per essere solo vecchia, con poca tensione e interesse.
Introdotta da una superflua cornice, la vicenda del giovane quasi-veterinario Jacob (Robert Pattinson, in deficit di carisma quando è lontano dal personaggio del vampiro Edward che lo ha reso famoso) si muove lungo binari fin troppo prevedibili, ma che, in ultimo, scartano dalla “necessaria” tragedia che ha fatto  grandi alcune pellicole dedicate all’arte dello spettacolo vagante. Basti ricordare tra tutte Il più grande spettacolo del mondo, dramma d’amore, amicizia e sacrificio che sfruttava al meglio tutte le figure tipiche del circo.

Non che nel film di Lawrence mancassero  gli ingredienti per costruire una storia quantomeno avvincente: una donna affascinante e ferita, un antagonista pericoloso e imprevedibile, un ambiente misterioso, un momento storico irripetibile. Gli autori, tuttavia, tendono ad abusare delle fortunate coincidenze che permettono al protagonista di muoversi nell’arena della vicenda e affidano lo snodo finale a una serie di elementi esterni che rendono “superfluo” il protagonista.
Il climax della storia ne perde in spettacolarità ed emozione, lasciando la sensazione di aver gustato un piatto magari non cattivo, ma decisamente privo di personalità.
Anche la storia d’amore tra Jacob e Marlena fatica a conquistare il cuore dello spettatore limitandosi a lucrare su una serie di cliché senza che i personaggi acquistino una loro unicità che ce li renda memorabili.
Persino il sempre bravo  Christopher Waltz fatica a dare al suo August qualcosa che vada oltre la schematicità di un cattivo da operetta e anche questo contribuisce a togliere epicità a una storia che dalla sua ambientazione, tra Depressione e Proibizionismo, ruba troppo poco (se non forse le infinite e bellissime mise di Reese Witherspoon) per riuscire a darsi un carattere autonomo.

Scivola via poco sfruttata anche la possibile metafora del circo come simbolo di una società capitalista già in crisi, luccicante in superficie, ma marcia all’interno, capace di creare “stelle della pista” in pochi giorni e poi di dimenticarle e distruggerle in altrettanto breve tempo (i lavoranti di troppo vengono buttati giù dal treno del circo nottetempo per evitare di pagare i debiti, il bellissimo cavallo di Marlena, una volta azzoppato, diventa cibo per i felini ).
In definitiva, un’occasione mancata per rinverdire i fasti di un genere che in altre circostanze ha saputo trovare nel mondo effimero e sorprendente del circo il luogo ideale per raccontare storie di dolore e riscatto, splendore e ombre, dura realtà e splendida illusione. 

Autore: Luisa Cotta Ramosino

Altre Informazioni

Titolo Originale WATER FOR ELEPHANTS
Paese USA
Etichetta
Scrivi per primo un commento a “COME L’ACQUA PER GLI ELEFANTI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non ci sono ancora commenti

acquaelefantiposter