LA STELLA DI ANDRA E TATI

201729 min10+   GuerraCampi di concentramento

Una visita di liceali ai campi di sterminio diventa l’artificio letterario per raccontare la storia vera di Alessandra e Tatiana Bucci. Sono due bambine rispettivamente di 4 e 6 anni. Vivono a Fiume con la madre e la nonna, la zia e il cuginetto: sono ebrei. Il loro papà è al fronte. Il 29 marzo 1944 vengono deportati ad Auschwitz. I bambini vengono subito separati dai grandi, marchiati con un numero sul braccio e portati nel Kinderblock, la baracca dei bambini. L’affetto vicendevole e la compassione della guardiana permetteranno loro di sopravvivere fino alla liberazione del campo e di ritrovare i loro genitori.

Due bambine di 4 e 6 anni si ritrovano deportate in un campo di concentramento. Questo cartone animato diventa un ottimo strumento per raccontare la Shoah ai pre-adolescenti. Su RaiPlay


Valori Educativi



Gli affetti familiari, la solidarietà fra le vittime, gli aguzzini che ritrovano in loro un po’ di umanità, sono i valori che portano luce al buio di una storia che non può essere dimenticata

Pubblico

10+

Il cartone evita le scene più esplicite ma le sofferenze di due bambini potrebbero impressionare i più piccoli

Giudizio Artistico



Ben scelta la storia vera delle due bambine internate per i risvolti positivi che porta con sè. Il parallelismo con il bullismo di oggi appare un po’ forzato

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Considerato il primo film di animazione europeo per raccontare ai bambini la Shoah, La stella di Andra e Tati porta sullo schermo in modo semplice ma con grande profondità, una delle pagine più drammatiche dello scorso secolo.

La sceneggiatura si basa sul racconto omonimo per bambini, scritto da Alessandra Viola e Rosalba Vitellaro e pubblicato da De Agostini.

La narrazione mantiene il punto di vista delle protagoniste e questo lo rende un prodotto molto efficace per i bambini a cui è indirizzato.

La storia è intersecata a quella di una classe di liceali che, in gita scolastica, va a visitare Auschwitz. Il montaggio alternato fa passare lo spettatore da un’epoca all’altra e cerca di costruire un parallelo. Forse un po’ troppo azzardato l’accostamento tra i bulli della classe e i kapo nazisti: se la matrice della violenza è sempre l’odio tra persone, sono decisamente diverse le modalità e la gravità dei due diversi atti.

Nonostante ciò, risulta interessante la trasformazione del “capo” di questi bulli: la visita ai block, la vista dei cumuli di effetti personali sequestrati agli ebrei appena arrivati al campo di concentramento, provocano in lui un cambiamento di mentalità e di comportamento.

L’aggiunta di alcuni filmati d’archivio delle sorelle Bucci durante i titoli di coda, sicuramente è di aiuto nel comprendere come il film, seppur d’animazione, sia la ripresentazione della storia vera di due bambine e della loro famiglia.

I disegni sono della medesima illustratrice del volume pubblicato (Annalisa Corsi): il tratto essenziale,  la colorazione vivace aiutano  la comprensione anche per i più giovani dei fatti narrati che restano irrimediabilmente drammatici.

Gli  sviluppi della storia  sono accompagnati da una voce fuori campo: quella di una delle bambine che, divenuta grande, ricorda quegli avvenimenti e li propone agli spettatori.

Ne risulta un prodotto pregevole. Indicato  a partire dai preadolescenti perché riesce a mostrare il grande dramma dello sterminio pianificato e perpetrato dai nazisti nei campi di concentramento e lo fa con delicatezza, non perché venga edulcorata la dimensione di violenza, ma perché questa viene lasciata sullo sfondo rispetto alla storia (dolorosa ma carica di affetti) della famiglia Bucci.

Il valore della solidarietà tra le vittime, dell’amicizia, dell’affetto familiare trovano ampio spazio nel film. Valori, questi, che hanno permesso di alimentare nei protagonisti quella speranza che va oltre ogni speranza e che ha consentito loro, non solo di superare prove estreme, ma anche di mostrare come agire per il bene abbia ridonato un po’ di calore umano in quei contesti dove l’umanità sembrava ormai perduta

Autore: Francesco Marini

Altre Informazioni

Titolo Originale STELLA DI ANDRA E TATI
Paese ITALIA
Etichetta
Tematiche (generale)
Tematiche-dettaglio
Scrivi per primo un commento a “LA STELLA DI ANDRA E TATI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti