IL RACCONTO DEI RACCONTI

2014125 min18+  

La regina di Selvascura desidera ardentemente avere un bambino. Per farla contenta, il re uccide un drago marino per estrargli il cuore, unico rimedio alla sterilità secondo le parole di un mago. Il re muore nell’attuare l’impresa ma la regina resta incinta. Sedici anni dopo la regina non riesce a tenere lontano suo figlio dal figlio della sua fantesca che, nel cucinare il cuore del mostro marino, era rimasta incinta anch’essa. I due ragazzi sono gemelli, frutto dello stesso incantesimo e la regina medita l’uccisione dell’ intruso.. Il re di Altomonte cela un segreto: alleva nelle sue stanze una pulce che a furia di mangiare prima diventa gigantesca e poi muore. Sua figlia desidera sposarsi mentre il re, che non vuole lasciarla andar via, indice un torneo di abilità fra i pretendenti, sicuro che nessuno potrà vincere. Appende la pelle delle pulce morta nella sala del trono e invita tutti gli uomini del paese a indovinare quale sia l’animale che ha una simile pelle.. Il re di Roccaforte è un lussurioso e una volta si invaghisce di una donna al solo ascoltare la sua voce. Quando poi riesce a portarla nella sua camera da letto si accorge con orrore che si tratta di una vecchia e la caccia via. La donna incontra una maga che le fornisce una giovinezza temporanea e in questo modo riesce a farsi sposare dal re..

Dalle fiabe di Alessandro Basile, Matteo Garrone trae un film sontuoso e barocco. La piacevolezza estetica non è però accompagnata da un’uguale passione  per le storie  e interesse per i  personaggi 


Valori Educativi



Il film prospetta un’umanità prigioniera dei propri istinti e delle proprie passioni, incapace di amare e di rispettare le libertà altrui

Pubblico

18+

Alcune scene impressionanti, nudità e sequenze sensuali

Giudizio Artistico



Grandissima cura nei costumi e nella ricostruzione di un seicento fiabesco ma i racconti non emozionano e i personaggi destano poca empatia

Cast & Crew

Our Review

Nella favola La cerva fatata di Alessandro Basile, ripresa dal film , il cuore dell’orco marino che avrà il potere di mettere incinta all’istante la regina di Selvascura, viene cucinato da una vergine, come è stato prescritto da un santone di passaggio per quel regno. Il potere di questo cuore è però tale che la stessa fantesca che è intenta a cucinarlo, al solo respirare i fumi che provengono dalla pentola, resta gravida. Fin qui la fiaba e il film di Garrone coincidono. Ma si separano subito dopo perché così prosegue la favola: “non solo uscì incinta lei, ma si gonfiarono anche tutti i mobili della casa. E dopo pochi giorni, partorirono; il letto fece un lettino, la cassa una cassetta, le sedie fecero le sedioline, il tavolo un tavolino, e il vaso da notte un vasino verniciato così bene che era un gioiello”.

Riproporre una simile quadretto sarebbe stato sicuramente molto divertente ma avrebbe modificato profondamente lo spirito con cui Garrone ha rivisitato Lo cunto de li cunti , opera in vernacolo napoletano di questo autore seicentesco, pubblicato postumo fra il 1634 e il 1636.  Matteo Garrone è stato giustamente elogiato per aver portato alla ribalta Alessandro Basile, scrittore poco conosciuto anche da noi, a cui va il merito di aver diffuso antiche favole popolari come  Cenerentola, la bella addormentata nel bosco e Il gatto con gli stivali che saranno poi riprese dai fratelli Grimm, ma il criterio  con cui il regista ha scelto e riadattato le tre favole che ha portato sullo schermo non sono affatto espressione di uno scrupolo filologico ma di una personale preferenza per certe tematiche. Garrone non tenta di far parlare in napoletano i protagonisti, come nel testo originale, soluzione già adottata  in Gomorra, non sceglie le fiabe più burlesche, ambientate fra i popolani del borgo, ma adatta solo storie di re e regine. Trascura le tante, belle storie d’amore che ci ha proposto l’autore (basterebbe pensare a Cenerentola) ma si concentra su amori malati, ossessioni sensuali e pretese impossibili come quella dell’eterna giovinezza. Al contrario l’autore sembra aver sentito l’attrazione per alcune tendenze attuali della produzione internazionale, quando insiste su scene splatter e nell’’impiego frequente di nudi femminili che rimandano alle corti di altri re, in particolare  quelle di Il trono di spade. 

Nessun protagonista è padrone del proprio destino, ma resta prigioniero di inclinazioni che sono più forti di lui.

I due ragazzi nati da donne diverse ma gemelli perché frutto dello stresso incantesimo, non riescono a restare separati mentre la madre cerca ossessivamente di avere suo figlio tutto per se. Il re di Altomonte non vuole sua figlia tutta per se ed escogita ogni trucco per evitare che si sposi, salvo poi commettere un errore che costringerà la figlia ad andare in sposa a un orco ributtante. Due sorelle non riescono a stare separate anche quando una delle due va in sposa al re di Roccaforte e l’assurda pretesa dell’eterna giovinezza porta una delle due a farsi scorticare viva nella speranza che la pelle possa ricrescere.

In questi scenari dark, non c’è mai un lieto fine e se c’è, è frutto del sacrificio o della morte di qualcuno.

La vita è solo un faticoso gioco di equilibrio (emblematico il finale, dove un equilibrista cammina su una corda tesa tra i torrioni di Castel del Monte) fra forze contrastanti che noi non abbiamo voluto ma che ci sovrastano.

Il film eccelle per la ricchezza dei costumi, le ambientazioni in suggestivi castelli pugliesi e siciliani e la grande cura nella messa in scena. Lo stile visivo adottato non potrebbe esser più diverso rispetto al precedente Gomorra, ma in qualche modo i due lavori si assomigliano: in entrambi ci sono forze che sovrastano i protagonisti (come nell’episodio dei due giovani che provano a  violare le leggi della camorra) , e in entrambi l’autore mostra di nuovo la sua debolezza: “una certa mancanza di empatia e di com-passione nel descrivere i personaggi e i loro drammi.” (dalla recensione di Paolo Braga su Gomorra in questo www.Familycinematv.it) 

Autore: Franco Olearo

Details of Movie

Titolo Originale Il racconto dei racconti
Paese ITALIA
Etichetta
Be the first to review “IL RACCONTO DEI RACCONTI”

Your email address will not be published. Required fields are marked *

There are no reviews yet.

raccontoracconti