CONTRABAND

2012109 min18+  

Chris è riuscito con fatica a lasciarsi alle spalle il mondo del narcotraffico, ha un lavoro onesto e si cura della sua famiglia. Il suo giovane cognato si imbarca in un'impresa più grande di lui e fa saltare un affare di droga organizzato dallo spietato Tim Briggs, Chris è costretto a rientrare in campo per rsaldare il debito: in poche ore e con l'aiuto del suo migliore amico Sebastian, dovrà mettere insieme una banda per far arrivare clandestinamente da Panama milioni di banconote contraffatte...

Chris ha messo la testa a posto,  ma non fa più il contrabbandiere, ed è interamente dedito alla famiglia. E’ costretto tuttavia a fare un ultimo “trasporto” per togliere dai guai  suo cognato e la cosa non sembra dispiacergli molto. Un action movie ben fatto ma discutibile


Valori Educativi



Il film sembra compiacersi delle prodezze truffaldine del protagonista, senza esprimere alcun giudizio morale

Pubblico

18+ Abbondante turpiloquio, alcune scene violente

Giudizio Artistico



Un film di serie B del genere action-thriller ben fatto, con personaggi ben caratterizzati

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Contraband è un film di azione e da questo punto di vista è ben fatto. Nelle due ore in cui si svolge la storia non c’è  un momento di respiro e i colpi di scena si susseguono senza sosta. Occorre aggiungere che il film, ambientato fra il porto di New Orleans, gli interni di una nave portacontainer e il canale di Panama (viene fatto un ampio uso di panoramiche dall’alto) ricostruisce  bene la vita sul mare dei marinai delle navi mercantili, tutti ben caratterizzati. Ma trasporto vuol dire anche contrabbando e una serie di loschi figuri (che  invece restano sempre a terra) si aggirano famelici per scovare e portare a termine nuovi affari sporchi, pronti a corrompere chiunque sia necessario.

La storia però nel suo complesso non riesce a mantenersi  coerente e perde progressivamente di credibilità nelle sue due ore di sviluppo. L’inizio è classico: Mark  ha messo la testa a posto, non contrabbanda più e si dedica alla sua bella moglie e ai due figli con un onesto lavoro di installatore di allarmi.

Ma il giovane cognato si è messo nei guai: ha cercato di spacciare droga, ha dovuto buttare in acqua la merce all’arrivo dei doganieri ed ora la sua vita è minacciata dai suoi mandanti che pretendono un risarcimento.  Mark sa che anche la moglie e i figli sono in pericolo se il problema non verrà risolto, decide quindi di fare per l’ultima volta il  “vecchio mestiere” e si imbarca su una nave per Panama.

Da questo punto in poi la situazione non farà che complicarsi e il focus  del film  progressivamente si sposta: non interessa più come si comporterà il  “buono” nei confronti dei “cattivi” ma in che modo Mark saprà essere così abile da sostituirsi ai suoi persecutori nell’accaparrarsi alcuni lucrosi oggetti di contrabbando.  

Alla fine la storia del brava ragazzo che si è riscattato da un passato criminale si è dissolta nelle nebbie del porto: resta solo un simpatico contrabbandiere che si arricchisce con i suoi traffici e riesce anche a vendicarsi, tramite una denuncia ingiusta, di un capitano troppo sospettoso.

Ci sono nel film varie scene di violenza ma non sono dettagliate né sanguinose. Ciò che abbonda e traborda senza sponde è il turpiloquio.

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Titolo Originale Contraband
Paese USA Gran Bretagna Francia
Etichetta
Scrivi per primo un commento a “CONTRABAND”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non ci sono ancora commenti

contrabandposter