FORTUNATA

2017103 minDiseducativo  

Fortunata, una giovane donna che vive in una borgata romana, va sempre di fretta. La mattina deve lasciare la figlia Barbara di otto anni dalle suore perché si deve recare nelle abitazioni dove l’hanno chiamata per fare la parrucchiera a domicilio. E’ separata dal marito Franco, un uomo ruvido che ogni tanto va a trovarla cercando pretesti per molestarla sottrargli la figlia. Riesce a confidarsi solo con Chicano, un amico fin dall’infanzia, bipolare e tossico, che deve accudire una madre, un tempo un’attrice famosa, malata di Alzheimer. Il tribunale ha prescritto che Barbara debba incontrarsi con uno psicoterapeuta infantile, Patrizio, per monitorare i traumi che ha subito a causa della separazione. Durante le sedute, Fortunata fa amicizia con Patrizio, che sembra comprendere la sua situazione…

Fortunata è una esuberante ragazza di borgata romana che ha molti problemi anche perché se li crea da sola. Un racconto eccessivo in molti aspetti che sottende una visione dell’uomo vittima impotente delle proprie passioni


Valori Educativi



Il film presenta personaggi che sono dei gusci vuoti, in preda alle loro passioni, condizionati dal loro passato. Un tentativo di suicidio e un episodio eutanasico. Non emerge alcun personaggio positivo

Pubblico

Diseducativo

Turpiloquio, scene di incontri sessuali con nudità. Il tentato suicidio di una bambina. Un caso di eutanasia. Il film viene sconsigliato per l’antropologia che viene rappresentata, esseri umani non liberi, con un destino determinato dal loro passato e dominati dalle loro passioni

Giudizio Artistico



Ottima prestazione di Jasmine Trinca e Edoardo Pesce. Il regista è bravo a dirigere gli attori ma non riesce a convogliare in un flusso ordinato i troppi spunti della sceneggiatura

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Il duo coniugale Margaret Mazzantini (sceneggiatura) e Sergio Castellitto (regia) si è avventurato questa volta nel mondo delle borgate romane. Lo fa puntando tutto sul personaggio di Fortunata, presente in quasi tutte le scene, in primissimo, in medio e in piano lungo, quando corre, urla, ride, piange, balla, dorme con la figlia accanto o si unisce a un uomo. Una Jasmine Trinca estroversa, sovrabbondante di vitalità, popolare nel vestire e nei modi, degna erede della Silvana Mangano del film Bellissima. Ma la stessa grande attrice nostrana doveva, in alcuni film, stare attenta a non strafare, a non gigioneggiare con la sua esuberanza. Sembra invece che Sergio Castellitto abbia assunto questo atteggiamento come cifra narrativa, sviluppando una serie ininterrotta di momenti di gioia a cui seguono repentinamente delle sventure, gesti di affetto annullati da momenti di crudeltà e di incomprensione. Se Fortunata lavora sodo per risparmiare i soldi per avere un salone da parrucchiera tutto suo, appena riceve un prestito dagli usurai cinesi, lo spende per giocare alla lotteria. Se l’amico d’infanzia Chicano riesce a farla ridere in momenti di vera amicizia, poi non è capace di prendersi cura della piccola Barbara quando gli viene affidata e scoppia la tragedia. Lo psicoterapeuta Patrizio ha un giusto atteggiamento controllato e professionale e sta facendo realmente del bene, con le sue sedute, alla bambina, ma poi si innamora passionalmente di Fortunata, trascura la bambina  e perde la sua capacità di controllo (il personaggio meno riuscito).

Quando si perviene a un momento di calma, ecco che vengono aggiunti (quasi una forma di orror vacui della sceneggiatura) drammi dell’infanzia che sembravano dimenticati. L’unico che resta coerente a se stesso, pur nelle sua sgradevolezza è Franco, il marito di Fortunata (Edoardo Pesce). Un vigilante, manesco che tratta male la ex-moglie perché non accetta il suo carattere così libero ed esuberante e la vorrebbe sottomessa alle sue volontà.

Il regista è sicuramente bravo nel far recitare gli attori ma lui stesso non riesce a incanalare in un flusso unitario l’abbondanza di stimoli che provengono dalla sceneggiatura, incluse alcune citazioni colte tratte dalla tragedia di Antigone declamate dalla madre di Chicano, ex attrice ora con l’Alzheimer, segno premonitore di ciò che sta per accadere.

Al di là delle osservazioni sugli aspetti artistici del film, ci sono altre considerazioni da fare, che rendono il film sgradevole.

Ancora una volta ci troviamo di fronte alla presenza ingombrante ed opprimente della psicologia. La trama si preoccupa di raccontarci i drammi giovanili dei singoli personaggi coinvolti, perché da quegli elementi deve venir compresa (e giustificata) tutta la persona. L’attribuzione stessa di “persona” è impropria per questi personaggi, se intendiamo un essere umano capace di autodeterminarsi, di scegliere i propri obiettivi e di combattere i propri difetti. Ci troviamo invece di fronte a esseri in preda ai propri impulsi, che oscillano in base agli eventi esterni e ai propri umori. Con questa lettura si comprende meglio la vocazione alla morte presente nel film. C’è un episodio odioso di eutanasia nei confronti di un proprio caro e la stessa piccola Barbara, che non sa gestire i rapporti con la madre, non trova altra soluzione che tentare il suicidio.

Un’ ultima annotazione: il regista traccia un quadro insolito delle realtà delle borgate romane: la presenza ordinata ma forte della comunità cinese. Li vediamo muoversi all’unisono in un esercizio collettivo di danza, praticare l’usura con il sorriso sulle labbra e poi grazie a un forte solidarietà interna, espandere con determinazione i loro negozi.

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Titolo Originale Fortunata
Paese ITALIA
Etichetta
Scrivi per primo un commento a “FORTUNATA”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti

fortunataposter