FEDELTA’

20226 episodi di 40 min16+   Amore e FamigliaCrisi Matrimoniale

Un ritratto di uomini e donne nella fascia young adult  che restano single (anche se sposati) e ancora un po' adolescenti con tutte le loro aspirazioni incompiute, i desideri irrealizzati,  insicurezze e  fragilità. Su Netflix

Carlo e Margherita sono sposati da quasi sei anni; lui è uno scrittore di romanzi e fra una pubblicazione e l’altra insegna in una scuola di scrittura creativa. Lei è socia di un ufficio immobiliare ma si sente sottoutilizzata perché è laureata in architettura e non riesce trovare uno sbocco alla sua passione per l’arredamento. Vivono a Milano in un piccolo casa in affitto ma lei spera di riuscire a comperare un bell’appartamento che ora è in vendita in una zona signorile di Milano. Un’iniziativa che avrebbe sicuramente stabilizzato la loro relazione ma un giorno lei inizia a sospettare che Carlo abbia un’intesa con una delle sue giovani alunne…


Valori Educativi



I protagonisti sembrano incapaci di costruire rapporti sentimentali responsabili e, come adolescenti a cui il tempo delle decisioni definitive sembra ancora lontano, fluttuano seguendo l’istinto del momento. Un ritratto crudo ma probabilmente vero degli young adult di oggi

Pubblico

16+

Numerose scene di incontri amorosi con nudità

Giudizio Artistico



La storia di amore-tradimento fra i due protagonisti non riesce a nascondere la sua impostazione letteraria ma ha il merito di fornirci il ritratto di una generazione fragile e irrimediabilmente single

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Non sono pochi i film e i serial TV che stanno uscendo (una volta era sottinteso in “sala” oggi sottintendiamo in “streaming”), molti dei quali italiani e che si pongono in osservazione degli uomini e delle donne young adult, cioè di quelli che ormai lavorano, che convivono (raramente sono  sposati), non hanno figli  e che si trovano ad affrontare la crisi dei 10 anni di vita insieme (SupereroiLasciarsi un giorno a Roma e  ora Fedeltà).

Questo serial in particolare, ci racconta di Carlo e Margherita che sono formalmente sposati ma in realtà il loro atteggiamento è quello tipico della convivenza.  Sposarsi vuol dire costruire un progetto di vita insieme e impegnarsi a fondo per realizzarlo.  Un progetto per il quale ha un senso essere in due e non in uno. Tipicamente la complementarietà dei sessi porta al progetto di metter su famiglia e ad allevare i figli che verranno (ma anche i figli adottati beneficiano della complementarietà uomo-donna) o realizzare altri progetti (ad esempio umanitari o culturali). In questo serial ci troviamo di fronte a una realtà diversa: Carlo è Carlo con il suo lavoro, Margherita è Margherita con il suo lavoro; si ritrovano di sera perché è piacevole essere compagni di cena e compagni di letto.

Con dei presupposti così fragili la storia si ingarbuglia presto a causa di terzi incomodi che si inseriscono nella loro vita ma non si tratta del classico tradimento (su questo fronte The Affair resta insuperato) . Si tradisce il proprio coniuge/partner quando si incontra un’altra persona con la quale l’intesa appare più profonda con la quale non si desidera altro che passare il resto della vita insieme. Le situazioni che i due protagonisti si trovano ad affrontare si posizionano invece, molto più banalmente, nella sfera del desiderio capriccioso. Carlo si trova davanti a un’allieva dal visetto carino che lo considera il suo indispensabile pigmalione e che finisce per innescare la sua vanità di irresistibile seduttore di menti. Margherita esprime al contrario desideri più carnali nei confronti del suo prestante fisioterapista. “Non ho pensato, ho seguito il mio istinto, Ho fatto quello che mi andava di fare ed è successo”: è il modo sbrigativo con cui Margherita giustifica il suo comportamento davanti alla madre. Carlo e Margherita appaiono come due adolescenti fuori tempo massimo; è come se questa insostenibile leggerezza del loro esistere rendesse tutte le loro decisioni equivalenti, mosse dal lieve vento del desiderio del momento.

Se la storia dei due protagonisti appare poco giustificabile se considerata in sé stessa, la prospettiva cambia se valutata nell’ambiente milanese in cui si svolge, che è di fatto la parte meglio realizzata.

Non si tratta di una Milano da cartolina, come ci viene presentata in molti film o serial italiani di recente produzione (Milano ha soppiantato ormai da tempo Roma come città italiana di riferimento) ma di una Milano giovane, una Milano intellettuale, che si muove fra gallerie d’arte, presentazioni di libri presso editori, bar dove si consuma fra amici l’happy hour. E’ in questo contesto che la storia trova un senso.  Sono molte le sequenze dove i due protagonisti si fermano a conversare con i rispettivi amici/amiche perché sono loro che costituisco un riferimento solido e immutabile (è obbligatorio citare Friends), mentre le relazioni amorose appaiono poste a un secondo livello, subordinate alle ultime scelte che vengono fatte in termini professionali e ai nuovi ambienti che di conseguenza vengono frequentati.

Se lo sviluppo della storia sentimentale dei due protagonisti con il suo finale provocatorio, sembra tradire una certa impostazione letteraria, e in questo modo, non centra pienamente l’obiettivo di fornirci un ritratto-tipo degli young adult di oggi, lo è molto di più lo spaccato costruito intorno a una Milano giovane, impegnata nell’imprenditoria artistica e letteraria; una Milano, come ci informano le statistiche, dove il 44% dei residenti è single. Molto nella parte sono i due protagonisti Michele Riondino e Lucrezia Guidone, sostenuti da un’pttima sceneggiatura e se al contrario, a giudizio di molti critici,  Carolina Sala nella parte della studentessa e Leonardo Pazzagli in quella del fisioterapista appaiono sbiaditi, in realtà ciò è legato proprio al tipo di personaggio che debbono interpretare: Carolina è sopratutto una bambolina che fa intenerire il suo maestro mentre Leonardo è un toy boy che svolge l’unico compito di stimolare i sensi di una Margherita in cerca di rivalsa.

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Paese ITALIA
Tematiche-dettaglio
Tematiche (generale)
Tipologia
Titolo Originale Fedeltà
Scrivi per primo un commento a “FEDELTA’”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti