eXIstenZ

Siamo in un futuro non meglio identificato. Di sicuro tutti hanno il pallino dei giochi basati sulla realtà virtuale.
Attraverso una "bioporta" che molti si sono fatti praticare sulla schiena, gli elettrodi del controller di gioco (costruito ormai con materiale biologico, altro che elettronica!) si innestano direttamente nella spina dorsale. Da quel momento la finzione appare ai nostri sensi come pura realtà. Inevitabilmente anche la realtà finisce per sembrare finzione, o meglio, nessuno è più interessato alla "noiosa realtà" perché la finzione costruita da noi stessi è molto più stimolante.

Valori Educativi



Si gioca sul dubbio e l’incertezza con una visione pessimistica del nostro futuro

Pubblico

18+

Per scene di violenza spesso raccapriccianti o disgustose. Una scena d’amore senza nudità

Giudizio Artistico



Efficace meccanismo di suspence

Cast & Crew

La Nostra Recensione

llegra Geller, famosa autrice di giochi, è la star del momento. Durante la prova in anteprima a porte chiuse di eXistenZ, il nuovo gioco da lei progettato , Allegra riesce fortunosamente a sfuggire ad un attentato del partito dei "realisti", di coloro cioè che sono decisi a combattere questa nuova droga. Inizia una rocambolesca fuga di Allegra aiutata da Ted, sua improvvisata guardia del corpo. Ma questo inseguimento stà accadendo realmente o è parte del gioco?

Molti sono ormai i film di fantascienza che trattano il tema della finzione che sembra realtà e della realtà che pare finzione. "Total recall" del 1990, "Strange days" del 1995, "Matrix" del 1999, lo stesso "Nirvana" del 1997 del nostro Gabriele Tornatore e "Truman show" del 1998.
I film di fantascienza hanno sempre qualcosa di profetico: nel caso specifico vi è il fondato timore di arrivare ad un giorno in cui sarà possibile accedere alle parti più segrete del nostro sistema nervoso per poter così iniettare realtà virtuali che ai nostri sensi appariranno come perfettamente reali (in Matrix, il punto di attacco con generatore di realtà virtuale era dietro la nuca, in eXistenz dietro la schiena, ma poco importa).
Inevitabili i risvolti politici ed etici: chi disporrà di questa arma micidiale potrà controllare ed assoggettare il resto dell'umanità, oppure, come in eXistenZ, le persone che si abituano a "giocare" finiscono per perdere ogni interesse per la realtà, troppo noiosa e complicata.
Fra i film citati, eXistenZ è forse il meno riuscito: il regista è molto abile nel farci restare nell'incuriosita attesa che ci venga rivelato ciò che è stato vero e ciò che non lo è stato, ma manca un movente "nobile" al film, che sia diverso dall'autocompiaciuto divertissment.

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Titolo Originale eXIstenZ
Paese Canada/GB
Etichetta
Scrivi per primo un commento a “eXIstenZ”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti

esistenza