INSIDE OUT 2 (F.M.)

202496 minTutti   AmiciziaPerdono

La Pixar riporta la sua animazione ai livelli più alti raccontando la tempesta emotiva di una ragazza entrata nella pubertà. In Sala

Dopo nove anni dal primo episodio, arriva in sala il sequel di quella che si prospetta come una saga cinematografica d’animazione firmata Disney-Pixar: Inside out 2. La storia riprende dal momento in cui si era fermata: alle porte dell’adolescenza di Riley. Con il compiere dei 13 anni scocca l’ora della pubertà ed ecco che accade un terremoto nella sua testa: viene distrutta la vecchia “console” di gestione delle emozioni e ne viene montata una di più grande. A Gioia, Tristezza, Paura, Disgusto e Rabbia si aggiungono, senza preavviso, Ansia, Noia, Invidia e Imbarazzo. E saranno proprio queste quattro, guidate dalla prima, a prendere il controllo della situazione fino ad esiliare le cinque precedenti.


Valori Educativi



Il messaggio del film è positivo: ogni persona ha una sua complessità e la ricerca di quell’equilibrio interiore non è una cosa immediata e semplice, ma necessita di un lavoro prolungato su sé stessi. Sembra però che tutte le persone agiscano solo d’impulso, senza filtri, mosse solo dalle proprie emozioni…

Pubblico

Tutti

Giudizio Artistico



Come nella migliore delle tradizioni Pixar (che, per la verità, sembrava si fosse un po’ persa per strada negli ultimi anni), l’animazione è tornata ad un livello molto alto: tanto per la qualità grafica, quanto per la sceneggiatura ben strutturata e capace di sorprendere e divertire davvero molto.

Cast & Crew

Regia

Sceneggiatura

Meg LeFauve

Sceneggiatura

Dave Holstein

Sceneggiatura

Our Review

Inside out 2

La storia, come nel precedente capitolo, si sviluppa su due piani: il livello inside, ovvero il viaggio che Gioa e le altre quattro emozioni allontanate devono fare per ritornare alla console di comande nella testa di Riley, mentre Ansia e le ultime tre arrivate gestiscono la situazione. Il livello out, ovvero la fine della scuola della bambina e il camping estivo di hockey su ghiaccio come occasione per conoscere il mondo del liceo che la aspetta dopo le vacanze.

Come nella migliore delle tradizioni Pixar (che, per la verità, sembrava si fosse un po’ persa per strada negli ultimi anni), l’animazione è tornata ad un livello molto alto: tanto per la qualità grafica, quanto per la sceneggiatura ben strutturata e capace di sorprendere e divertire davvero molto. Anche il doppio piano di lettura (uno più scherzoso per i più piccoli e uno più impegnato per gli adulti) riserva momenti di riflessione non banali: non può mancare un encomio al personaggio di Ansia.

Anche il messaggio del film è positivo: ogni persona ha una sua complessità e la ricerca di quell’equilibrio interiore non è una cosa immediata e semplice, ma necessita di un lavoro prolungato su sé stessi.

Tre considerazioni da appuntare, però, in calce. Forse, nella consulenza psicologica per la realizzazione della sceneggiatura, la corrente clinica scelta non considera la libertà una facoltà umana importante: sembra infatti che tutte le persone agiscano solo d’impulso, senza filtri, mosse solo dalle proprie emozioni… che non sia una visione un po’ riduttiva dell’essere umano?

Si conferma, poi, il trend Disney degli ultimi anni di predilezione del “femminile” con pochissimo spazio per personaggi maschili, dei quali nessuno significativo. Infine, è il primo film d’animazione della storica casa di produzione statunitense con una ragazza che veste l’hijab. Se sia per compiacenza del pubblico o per politicamente corretto, non è dato sapere.

Autore: Francesco Marini

Details of Movie

Etichetta
Paese  USA
Tematiche-dettaglio
Tematiche (generale)
Be the first to review “INSIDE OUT 2 (F.M.)”

Your email address will not be published. Required fields are marked *

There are no reviews yet.