CODA – I SEGNI DEL CUORE

2022111 min14+   Amore e Famiglia, Diversamente abileAmore fra fratelli

Nella famiglia della giovane Ruby, tutti i componenti, tranne lei, sono non udenti. E’ difficile per lei conciliare la sua passione per il canto con l’aiuto continuo che deve dare alla famiglia. Un film scritto con il cuore, vincitore di tre premi Oscar.  Si Sky

Gloucester – Massachusetts. La diciassettenne Ruby si alza ogni mattina alle 3 per unirsi ai suoi genitori e il fratello maggiore e andare a pescare con il loro battello. La sua presenza è di importanza vitale perché tutti i componenti della sua famiglia, tranne lei, sono non udenti. Tornati a riva, Ruby deve correre a scuola ma il suo rendimento è modesto perché segue male le lezioni a causa della stanchezza. A Ruby piace Miles, un suo compagno di scuola e quando lui sceglie, come attività extrascolastica, il canto, anche lei si scrive. In fondo cantare le è sempre piaciuto e il sui maestro si accorge presto del suo talento ma ora Ruby non sa più come conciliare il suo impegno con la famiglia…


Valori Educativi



Una famiglia unita che dà priorità all’affetto reciproco, consegue il bene di tutti. Un comportamento sessualmente disinvolto da parte del fratello di Ruby

Pubblico

14+

In U.S.A. PG 13 a causa di un linguaggio sessualmente esplicito (anche se nel linguaggio dei muti) e uso occasionale di droga

Giudizio Artistico



Tre premi Oscar 2022: Miglior Film, Miglior sceneggiatura non originale, miglior attore non protagonista. Tutti bravi gli attori. Una costruzione a volte artificiosa della complessità del racconto

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Questo film è un adattamento del francese La famiglia Bélier del 2014. E’ una gloriosa tradizione del cinema francese trattare problematiche socialmente sensibili, la diversità, la malattia (Quasi amiciLo scafandro e la farfalla, .Quasi nemiciLe invisibiliParlami di te)  Ce lo ricordava Luisa Cotta Ramosino recensendo il film sul nostro giornale telematico. L’adattamento di un film straniero nel proprio paese non è affatto facile ne è la prova più recente Noi, che avrebbe dovuto essere la versione italiana per la RAI della serie TV: This is us ma che è stata annullata per mancanza di audience. L’atterraggio in U.S.A. della famiglia Bélier (ora famiglia Ricci) ha avuto decisamente più successo (tre premi Oscar 2022) e anche se non sono trascurate le problematiche sociali della condizione di non udente, più l’enfasi è più sui sentimenti, sul cuore dei componenti di una famiglia e lo spettatore farà bene a tenersi pronta una buona dotazione di fazzoletti.

L’ambientazione è cambiata ed è familiare a uno spettatore statunitense: la pesca in Atlantico dal porto di Gloucester (basterebbe ricordare La tempesta perfetta)- Vengono di molto accresciute le difficoltà che la famiglia Ruby deve affrontare: Ruby viene derisa  dalle compagne di scuola, un brutto malinteso con Miles che li allontana a lungo, le difficoltà del padre per riuscire a sbarcare il lunario,  la scazzottata al bar del fratello a cui è stato mancato di rispetto, le incomprensioni della madre per alla vocazione di Ruby per il canto  ma tutto questo costituisce una costruzione artificiosa , mentre sono altri i momenti più autentici che il film riesce a regalarci.  Il primo è costituito dall’impiego di attori e attrici realmente non udenti. Tutte le tematiche del diverso, del restare escluso dai più, nel lavoro quotidiano come nei momenti di svago della vita della comunità dei pescatori, acquistano un maggior realismo. Non si tratta di attori improvvisati ma sono  tutti membri del Deaf West Theatre. I colloqui a due di Ruby con la madre, e poi con il padre per comprendere i reciproci problemi e riconfermare il loro affetto, sono i punti forti del film. C’è però qualcos’altro che resta impresso nello spettatore e che non riguarda più il tema della diversità ma che assume connotazioni universali ed era già presente nel film francese. La coesione familiare e la prima storia romantica di Ruby.

I quattro componenti della famiglia “fanno squadra” sanno essere compatti non solo perché sono uniti nel lavoro e perché Ruby è indispensabile nella sua funzione di traduttrice verso il mondo dei suoni,ma perché i genitori di Ruby sono una coppia che si ama  (anche con una certa esuberanza sessuale, come veniamo a sapere) e che quell’amore è la colonna su cui si regge l’unità familiare.

Anche il primo approccio all’amore di Ruby è trattato con delicatezza. Il maestro del coro vuole che lei e Miles cantino ponendosi uno di fronte all’altro: in fondo debbono cantare un duetto amoroso. Ma Ruby si sente a disagio e alla fine decidono di cantare schiena contro schiena. E’ un gesto di pudore che non si vedeva sullo schermo da tantissimo tempo.

Com’è facile immaginarsi, il film giunge a un lieto fine. Un lieto fine molto particolare: non è derivato da un felice sviluppo degli eventi, di circostanze favorevoli; è l’inevitabile conseguenza dell’amore che fluisce all’interno della famiglia Rossi.  Se c’è amore oblativo tutti ricevono il bene di cui hanno bisogno

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Paese  USA
Pubblico
Tematiche (generale)
Tematiche-dettaglio
Scrivi per primo un commento a “CODA – I SEGNI DEL CUORE”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti