IL SESTO SENSO

Malcom Crowe è un terapista specializzato in psicologia infantile. Nella scena iniziale lo troviamo in casa con la sua giovane moglie, intento a godersi un momento di svago dopo aver ricevuto, per i suoi meriti professionali, un premio dalla città di Philadelphia.. La serata è però turbata dall’intrusione violenta di un giovane psicopatico che dopo esser stato inutilmente in cura da Malcom per alcuni anni, ora è deciso a vendicarsi di lui considerandolo responsabile della sua impossibile guarigione.

Valori Educativi



Intenso, anche se infelice, rapporto di Malcom con sua moglie.

Pubblico

14+

Per alcune scene altamente impressionanti

Giudizio Artistico



Il film è "solo" un thriller, ma fatto estremamente bene

Cast & Crew

La Nostra Recensione

Sei mesi dopo ritroviamo il dottor Crowe impegnato a prendersi cura di un altro paziente: il piccolo Cole di 9 anni. Apparentemente sembra un ragazzo normale, dolce e sensibile, ma il suo sguardo tradisce uno stato di angoscia e paura che lo attanagliano giorno e notte. Il dottore impegna tutta la sua pazienza professionale per aiutare il ragazzo; su di lui pesa ancora l’insuccesso con il giovane che mesi fa lo aveva minacciato.

Il caso lo coinvolge talmente da finire per trascurare sua moglie; lei  finisce lentamente per allontanarsi da lui, accettando le attenzioni di un giovane compagno di lavoro. La pazienza e la progressiva confidenza che il dottore è riuscito a conquistarsi presso il ragazzo fanno si che Cole sia finalmente pronto a rivelargli l’origine dei suoi incubi: egli "vede" i fantasmi dei morti uccisi violentemente. Essi non hanno pace perché sono stati strappati alla vita in modo improvviso e sentono la necessità di informare i loro cari dei segreti che si sono portati con se. Solo Cole, che ha la capacità di vederli, può aiutarli.. Malcom spiegherà a Cole come convivere con questa sua facoltà ipersensoriale, in modo che possa vederlo come un dono speciale che egli ha avuto, utile per gli altri e per se. Il ragazzo ricambierà dandogli utili suggerimenti su come per riuscire a riconciliarsi con sua moglie.

Il film presenta alcuni ingredienti tipici del thriller: lo spavento è assicurato dalle apparizioni repentine dei fantasmi dei morti che esibiscono tutte le loro ferite.

Esso si inserisce, soprattutto nella parte finale del film, nel filone del romanticismo d’oltretomba ora molto di moda in epoca New Age; suoi riferimenti sono "Ghost" o, "Aldilà dei sogni più audaci " e "My name is Joe Black".

Possiamo anche dire che è un giallo, nella misura in cui siamo inviatati a individuare degli indizi che ci porteranno verso il bel colpo di scena finale.

L’abilità del regista sta proprio nell’attirare la nostra attenzione sulle scene più spaventose facendoci quindi far trascurare (almeno per i meno smaliziati fra noi) alcuni dettagli che ci avrebbero potuto far intuire il colpo di scena finale.

Il film non è però solo un’abile sincretismo fra vari generi; ha anche la sua poetica che è rappresentata dall’angoscia della paura e della solitudine, così felicemente incarnata nel piccolo Cole e dalla struggente tristezza dell’amore di Malcom per sua moglie che si dissolve lentamente ed ineluttabilmente (solo alla fine sapremo il perché).

A creare l’atmosfera contribuiscono anche le inquadrature della città di Philadelphia, delle strade prive di persone e delle case così freddamente allineate: ricordano l’ambientazione del film "La donna che visse 2 volte"dove anche in quel caso le fredde e barocche strade di S. Francisco contribuivano a racchiudere il mistero di una donna che risultava morta misteriosamente ed ora misteriosamente riapparsa.

Il film è stato correttamente vietato ai minori di 14 anni a causa delle scene ad alta tensione e alle visioni di fantasmi che appaiono con le loro orripilanti mutilazioni.

Autore: Franco Olearo

Altre Informazioni

Titolo Originale The Sixth sense
Paese USA
Etichetta
Scrivi per primo un commento a “IL SESTO SENSO”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non ci sono ancora commenti

sestosensoposter