Non classificato

Il film non fa parte di nessuna categoria

LAZZARO FELICE

Inviato da Franco Olearo il Dom, 06/03/2018 - 17:38
Titolo Originale: Lazaro Felice
Paese: Italia/Francia/Svizzera/Germania
Anno: 2018
Regia: Alice Rohrwacher
Sceneggiatura: Alice Rohrwacher
Produzione: TEMPESTA, POLA PANDORA, AD VITAM PRODUCTION, AMKA FILMS PRODUCTIONS CON RAI CINEMA
Durata: 130'
Interpreti: Adriano Tardiolo, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno, Sergi López, Natalino Balasso, Nicoletta Braschi

In una comunità di contadini isolati dal mondo al punto da non sapere che la mezzadria è stata abolita e che quindi la marchesa De Luna li sfrutta senza vergogna, Lazzaro è un giovane di una bontà talmente disarmante da vincere il cinismo del giovane marchesino Tancredi, che con la madre si reca in visita alla proprietà. L’amicizia che nasce tra i due è però bruscamente interrotta dalla scoperta del Grande Inganno della marchesa e da un misterioso incidente da cui Lazzaro si “risveglia” quando tutto è cambiato. Per ritrovare Tancredi e i suoi amici di un tempo il giovane deve compiere un lungo viaggio verso la città, che si rivelerà un mondo più duro e un inganno ancora più grande di quello della marchesa…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film esprime il valore disarmante della bontà del protagonista e la storia si pone sempre dalla parte degli umili e dei buoni, destinati ad essere perennemente ingannati e sfruttati. La religione è dipinta come un ennesimo strumento di oppressione
Pubblico 
Adolescenti
Alcune scene di tensione
Giudizio Artistico 
 
Palma d'oro per la miglior sceneggiatura a Cannes 2018 ma le forzature non mancano e certi meccanismi del racconto sono un po’ troppo prevedibili: fanno sentire ancora di più la fatica di oltre due ore di film
Testo Breve:

Il giovane Lazzaro è di una bontà disarmante e riesce a restare sereno in un mondo diviso fra sfruttati e sfruttatori. Premio per la miglior sceneggiatura a Cannes 2018. Un fiaba sofisticata non facile da seguire

Il nuovo film di Alice Rohrwacher (che a Cannes ha vinto il premio per la Miglior Sceneggiatura) è un racconto sospeso tra realismo nel ritrarre un mondo rurale fuori dal tempo e la dimensione della fiaba, incarnata dal suo protagonista, Lazzaro (molto convincente Adriano Tardiolo nell’interpretarne la disarmante bontà), che, come dice la stessa regista, “chiede allo spettatore di tornare innocente”.

Lo chiede forse perché in questa storia dalla parte degli umili e dei buoni destinati ad essere perennemente ingannati e sfruttati (un po’ scontato il parallelo tra i contadini di inizio film e gli immigrati della seconda parte della storia) le forzature non mancano e certi meccanismi di racconto un po’ troppo prevedibili fanno sentire ancora di più la fatica di oltre due ore di film.

La sensibilità della Rohrwacher nel ritrarre la piccola comunità dei mezzadri è indubbia, così come la capacità di costruire una narrazione fatta di volti e piccoli gesti, mettendo in scena relazioni solo apparentemente semplici (in un certo senso ha ragione la cattiva marchesa a dire che i contadini sfruttati a loro volta sfruttano il povero e sempre disponibile Lazzaro). La forzatura di un isolamento inverosimile, però, chiede una sospensione dell’incredulità non sempre facile da mantenere tanto che in un certo senso è benvenuto il forzoso svelamento.

Da un certo punto in avanti, poi, con il salto temporale dopo cui Lazzaro “risorge” e comincia ad esplorare un mondo cambiato (nell’apparenza ma non nella sostanza, come vedremo), l’intento di costruire una parabola laica (la religione, infatti, è invece dipinta come un ennesimo strumento di oppressione) è esibito. Lazzaro, un po’ san Francesco e un po’ Gesù che piange su una città indifferente e cerca invano di rimettere a posto le cose, è l’eroe di un racconto che procede solo a patto di accettare varie incongruenze.

La critica sociale trasparente (i contadini “salvati” e trasferiti in città restano comunque degli emarginati costretti a vivere di espedienti e ovviamente non mancano le banche cattive) però rende più scontata la seconda parte del racconto, che si regge sullo sguardo innocente e positivo del suo protagonista, destinato però a subire continue delusioni, fino al drammatico epilogo.

             

Autore: Luisa Cotta Ramosino
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

TREDICI (Prima Stagione)

Inviato da Franco Olearo il Sab, 06/02/2018 - 21:19
Titolo Originale: 13 Reasons Why
Paese: USA
Anno: 2017
Sceneggiatura: Brian Yorkey
Produzione: July Moon Productions, Kicked to the Curb Productions, Anonymous Content, Paramount Television
Durata: 13 puntate di 50' su Netflix
Interpreti: Dylan Minnette, Katherine Langford, Alisha Boe, Christian Navarro:

Una high school è sconvolta dalla notizia che Hannah Baker, una ragazza dell’ultimo anno, si è suicidata. Gli insegnanti cercano di aiutare gli studenti a superare lo shock e a tornare alla normalità delle attività scolastiche ma i genitori di Hannah decidono di intentare una causa contro la scuola perché ritengono che la loro figlia sia stata vittima di bullismo. Intanto Clay, un ragazzo timido e introverso, da sempre innamorato di Hannah, riceve una scatola con tredici audiocassette. Sono state incise dalla ragazza per spiegare i motivi del suo suicidio. Ogni lato della cassetta è dedicato a uno dei suoi compagni/compagne di scuola che non hanno saputo aiutarla nel momento in cui più ne aveva bisogno. Clay inizia ad ascoltare le cassette ma ne resta sconvolto anche perché viene a sapere che altri hanno ascoltato le registrazioni e si stanno organizzando per evitare che certe responsabilità che Hannah ha denunciato non vengano rese note....

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Un cupo pessimismo sull’uomo e sul mondo pervade la fiction : tutti i protagonisti sono chiusi in se stessi, privi di un minimo di generosità e di coraggio, i violenti hanno la meglio e la decisione di suicidarsi non trova adeguate controargomentazioni
Pubblico 
Maggiorenni
Scene di violenza con dettagli splatter, stupro di due ragazze adolescenti, alcool e droga. Il suicidio è presentato come una soluzione che viene impiegata per riscattare le incomprensioni subite senza che vengano prospettate soluzioni che aprano all'alternativa della speranza
Giudizio Artistico 
 
Una sceneggiatura modesta genera dialoghi spesso poco interessanti e una certa lentezza e ripetitività caratterizza ogni puntata
Testo Breve:

In un liceo, il suicidio di una ragazza genera un senso di colpa in tutti i compagni che l’hanno conosciuta. Un serial dai toni cupi che cerca di attirare l’attenzione con scene particolarmente crude

La fiction TV Tredici (in originale: Thirteen Reasons Why) ha avuto un buon successo e la piattaforma Netflix, che la rende disponibile, ha organizzato una campagna di promozione sulla qualità dei suoi programmi puntando su questo serial. Lo stesso Alessandro D’Avenia, in un suo articolo apparso sul Corriere della Sera del 21 maggio 2018, pur criticando, ovviamente, l’insensatezza di avere tredici ragioni per suicidarsi, ha colto il pretesto di questo successo per sottolineare come la narrazione sia uno strumento insostituibile per gli adolescenti perché “la finzione narrativa è la basilare realtà virtuale che simulando problemi, paure, paradossi, ci prepara ad affrontarli”. Se ciò è vero per la narrazione in generale, nel caso di Tredici ci sono dei problemi da tenere in conto e non sono pochi. 

Iniziamo con il pubblico a cui la fiction è destinata. Netflix, prima dell’inizio di ogni puntata, avvisa a chiare lettere che la fiction è vietata ai minori di 14 anni (violenza, linguaggio, alcool, droga, due scene di stupro) ed è da sconsigliare  a   persone inclini alla depressione. Si tratta di avvisi che all'atto pratico hanno ben poco effetto, anzi probabilmente quello opposto e come ha sottolineato lo stesso D’Avenia “saranno proprio loro (i minori), a guardarla”, perché un programma che tratta dei loro problemi e che può essere visto anche con l’ausilio di un semplice cellulare, sfugge facilmente a qualsiasi (eventuale) controllo. La scena nella quale Hannah si suicida dentro la vasca da bagno tagliandosi le vene poteva essere accennata: non era necessario che si vedesse la lametta da rasoio penentrare nella carne facendo uscire sangue a fiotti: si è dato in questo modo alimento alle curiosità più morbose. Il problema del pubblico a cui è rivolto va comunque al di là delle immagini che vengono mostrate e riguarda anche la sfera psicologica: la struttura stessa del racconto (una ragazza che si suicida lasciando una testimonianza registrata su tutte le volte in cui non è stata aiutata)  lascia spazio a quello che è un tipico atteggiamento delle persone più fragili psicologicamente: chi si sente trascurato o poco ascoltato potrebbe vedere il suicidio come un metodo per riuscire, finalmente, ad attirare su di sé l’attenzione di tutti.

Un altro problema che traspare da questa fiction è la cupa immanenza. La vicenda si svolge all’interno di un circuito chiuso casa-scuola e per i  ragazzi esiste un solo mondo, quello costituito dalle loro relazioni reciproche: gli adulti (i genitori, gli insegnanti) sono pressoché inutili e perfino patetici, quando chiedono ai ragazzi di confidarsi con loro e di raccontare qualcosa di loro stessi. Un altro film ambientato in una High School, High School Musical, pur rientrando nel genere di puro intrattenimento, finisce per risultare più realistico perché pone l’accento  su due tipiche tendenze del periodo adolescenziale che aiutano i ragazzi a uscire da se stessi e dal loro piccolo mondo: la necessità di capire cosa “faranno da grandi” e la scoperta dell’amore. L’amore è quel processo misterioso dove si scopre che la propria felicità dipende da un altro e questo fatto ci costringe a uscire da noi stessi e a prendersi cura dell’altro. Al contrario, nessuna di queste due trascendenze è rilevante in Tredici. La scuola appare l’unico universo possibile e delle due relazioni sentimentali presenti (quella di Jessica con Justin e di Hannah con Clay), la prima ha una forte caratterizzazione sessuale (sopratutto da parte di lei, che cede anche al vizio di bere) mentre la seconda, che non va oltre le parole e un bacio, non raggiunge mai il livello della generosa  apertura di sé all’altro perchè entrambi soffrono di pesanti blocchi psicologici.

Il terzo problema che manifesta questa serie è di tipo antropologico: i personaggi che sono stati costruiti appaiono alla fine poco realistici, tanto da far supporre un difetto di sceneggiatura più che una voluta scelta di rappresentare una definita tipologia di persone. C’è in loro sempre qualcosa che li trattiene, anche nei i ragazzi e nelle ragazze migliori, dall’avere un grammo di generosità e di coraggio. Sono tutti dei pusillanimi rispetto agli avvenimenti che accadono. Perchè, quando due ragazzi si picchiamo di santa ragione davanti alla scuola e uno dei due è ormai a terra e l’altro infierisce sul suo corpo inerte senza pietà, nessuno dei compagni che fanno pannello intorno a loro interviene? Perché Zach, un ragazzo con cui Hannah è entrata in confidenza, quando riceve da lei un biglietto con la richiesta di aiuto e comprensione, lo getta via senza prendere altre iniziative? “Anch’io sono un ragazzo solo e ho avuto paura”: così si giusticherà in seguito. Perché la stessa Hannah, quando si trova, per puro caso, nella stessa camera da letto nella quale un ragazzo inizia a violentare Jessica che giace sul letto ubriaca, non interviene, non inizia a strillare come farebbe qualsiasi ragazza per attirare l’attenzione delle altre persone presenti alla festa, ma anzi scappa via?  Possibile che in quella scuola non esista un solo essere umano, adulto o adolescente, che abbia il coraggio di affrontare quelle situazioni che si stanno deteriorando?

Nel blog del Parental Television Council americano, oltre ai tanti commenti contrari alla fiction, un solo genitore (un insegnante) ha dichiarato di averla vista assieme alla figlia 14-enne. Egli conferma  la necessità, durante la visione, della presenza di un genitore ma al contempo ritiene giusto che questo serial abbia avuto il coraggio di denunciare la consuetudine al bullismo che si è ormai radicata anche nelle scuole più rispettabili, come quella frequentata da sua figlia e gli attribuisce un valore educativo.

In realtà una denuncia in se’ non è sufficiente. Se un ragazzo/una ragazza è oggetto di bullismo, deve sapere che può rivolgersi ai genitori o agli insegnanti e il conforto che può ricevere da una fiction  di questo genere, è lo scoprire che c' è la speraza di uscire dalla sua sgradevole situazione.

Nulla di tutto ciò traspare da Tredici: i violenti continuano  a picchiare, gli stupratori trovano nuove ragazze  per i loro fini, le vittime non hanno il coraggio di denunciare le angherie subite per timore di esser ulteriormente prese in giro, i genitori sembrano vivere in un altro mondo e gli insegnanti preferiscono dimenticare quel poco che hanno capito per non avere seccature e tornare alla tranquilla routine quotidiana.

Autore: Franco Olearo
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

IL MIRACOLO

Inviato da Franco Olearo il Lun, 05/28/2018 - 08:31
Titolo Originale: Il Miracolo
Paese: ITALIA
Anno: 2018
Regia: Niccolò Ammaniti, Francesco Munzi, Lucio Pellegrini
Sceneggiatura: Niccolò Ammaniti, Stefano Bises, Francesca Manieri, Francesca Marciano
Produzione: Sky Italia, Wildside, Arte France, Kwaï
Durata: 8 puntate di 50' su Sky Atlantic dall'8 maggio 2018
Interpreti: Guido Caprino, Elena Lietti, Sergio Albelli, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno

Le forze speciali fanno incursione nel bunker del boss Molocco. Lo trovano sul pavimento, coperto di sangue. In cucina, una piccola statua della Madonna. Il Primo Ministro Pietromarchi viene portato in una piscina dismessa dove è stata trasferita la statuina. Qui il generale dei Carabinieri Votta gli fa vedere come dagli occhi della Madonnina sgorghi senza interruzione sangue umano e non ci sono trucchi: si tratta di un fenomeno che va contro ogni legge della fisica. Si decide di mantenere segreta la scoperta e viene costituita una equipe di specialisti incaricata di analizzare il fenomeno. Fra i loro c’è Sandra, un’ematologa dell’Arma, che ne raccoglie un campione e lo somministra alla madre, gravemente malata. Intanto Marcello, un prete di periferia, conduce una vita disordinata, si indebita al gioco e frequenta prostitute ma è un vecchio amico del Primo Ministro, che lo convoca per aiutarlo a decifrare il fenomeno della statua che piange…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il serial cerca di attirare lo spettatore con pseudo tematiche di fede che in realtà sono espressione di superstizione e fanatismo settario
Pubblico 
Adolescenti
Nudità, comportamenti estremi diseducativi
Giudizio Artistico 
 
L’autore usa troppo spesso l’espediente di stupire lo spettatore con comportamenti fuori norma ma poi si trova in difficoltà a ridare coesione al racconto nella sua globalità. Ottima recitazione da parte di tutti
Testo Breve:

Una statua della Madonna lacrima abbondantemente sangue. Si tratta di un miracolo o di qualche sconosciuto fenomeno fisico? I protagonisti coinvolti reagiscono in modo diverso ma Ammanniti ha difficoltà a tirare le fila di questo  giallo del dubbio e della superstizione che lui 

Come sono realizzati i serial delle Pay TV? Sono orientati a un pubblico più selezionato rispetto alla più ampia audience delle TV generaliste e sono in genere “strani”.  Rompono gli schemi più ovvi, anzi amano scioccare gli spettatori con comportamenti insoliti, presentare personaggi eccentrici come The Young Pope di Paolo Sorrentino, per limitarsi alle fiction di produzione italiane, e porsi spesso in un’aristocratica posizione al di sopra del bene e del male. Questo serial TV Il Miracolo di Niccolò Ammaniti, qui sceneggiatore e regista, chiaramente progettato da SKY per un mercato internazionale, non è da meno. La first lady italiana, impegnata ad accompagnare suo marito a un ricevimento ufficiale, non disdegna di accoppiarsi nella toilette delle signore con un uomo appena conosciuto; l’uomo con i capelli lunghi che vediamo, quella stessa notte,  girovagare per le strade in cerca di una prostituta e che si mostra totalmente dipendente dal vizio del gioco, lo scopriamo, la mattina successiva, indossare l’abito talare e celebrare la messa, perché si tratta di un sacerdote.  Non si tratta solo di un gioco al mistero, con colpi di scena che pur ci sono, ma di destabilizzare i riferimenti dello spettatore, per portarlo, quasi una forma di catarsi, su terreni inesplorati, come la scoperta di una statua della Madonna che piange ininterrottamente sangue umano, al di là di qualsiasi legge fisica.  Forse Ammanniti ha voluto invitarci a indagare angoli inesplorati del mistero della fede cristiana?  Ovviamente no. Chi ha una fede ben coltivata, sa bene che il miracolo, se ufficialmente riconosciuto, è espressione della misericordia divina nei confronti di chi l’ha invocata con cuore sincero, non si tratta del fenomeno da baraccone come quello di una statua che “piange” nove litri di sangue all’ora (ma la sigla iniziale dove sono presenti immagini prese dal vivo di processioni di devozione alla Madonna, sembrano polemicamente far riferimento a un presunto eccessso di superstizione in certi riti cattolici).

Si tratta piuttosto di un’altra fiction TV basata sul principo del “what if”, del  “cosa accadrebbe se” in voga in molti lavori, sopratutto stranieri. Basterebbe citare Leftover (che iniziava raccontandoci che il 2% della popolazione mondiale era inspiegabilmemte sparita) oppure il francese Les Revenants, dove alcune persone morte da qualche tempo ritornano in vita, accompagnate da strani fenomeni fisici. Ammanniti era la persona giusta per un racconto del genere, perchè spesso nei suoi romanzi (Che la festa cominci, Anna) ci aveva già raccontato eventi staordinari che sconvolgevano persone ordinarie.

In questo Il Miracolo veniamo a conoscere personaggi con atteggiamenti diversi: il più controllato e razionale è  il primo ministro Pietromarchi (Giulio Caprino) che di fronte a un fenomeno inspiegabile e a una crisi politica che si sta profilando, riesce ancora a dominare gli eventi; anche il generale dei Carabinieri Votta (Sergio Albelli) è pronto ad applicare tutte le classiche metodologie investigative per far luce sulla genesi del mistero, pur presentando un saggio rispetto verso un fenomeno che, se interpretato in forma di miracolo, finirebbe per portare uno scossone in un’Italia che mantiene, nonostante tutto, tradizioni di fede. Una figura totalmente fuori registro  è padre Marcello (Tommaso Ragno), che passa dalla schiavitù nei confronti di una sensualità incontrollata, alla ricerca di mortificazioni di stampo medioevale. Sbiadita anche la figura di Sandra (interpretata da  Alba Rohrwacher, qui fuori della parte, forse perché mal diretta) che si muove incerta fra scienza e superstizione e alla quale, per inserire anche lei nella tipologia della personaggi “strani”, è stata associata una inclinazione lesbica. Molto più interessante è la figura di Sole (Elena Lietti) alla ricerca di una sua caratterizzazione che possa andare al di là della sua funzione di moglie del Premier, anche se alla fine non riesce neanche lei a sfuggire all’obbligo si stupire lo spettatore e si mostra incline a dare sfogo alle sue voluttà anche quando si tratta di un semplice portapacchi che ha bussato alla sua porta.

In conclusione, a metà dello sviluppo del serial, l’evento originario, che avrebbe dovuto scatenare l’interesse dello spettatore, il presunto miracolo, resta posizionato ai margini dei flussi narrativi principali, che si concentrano invece sui percorsi, spesso insoliti, dei singoli personaggi e sarà forse solo il finale (speriamo) che porterà a un ricongiungimento dei vari filoni.

Autore: Franco Olearo
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

DEADPOOL 2

Inviato da Franco Olearo il Mer, 05/23/2018 - 14:21
Titolo Originale: deadpool 2
Paese: USA
Anno: 2018
Regia: David Leitch
Sceneggiatura: Rhell Reese, Paul Wernick; Ryan Reyndols
Produzione: THE DONNERS' COMPANY, KINBERG GENRE, MARVEL ENTERPRISES, MARVEL ENTERTAINMENT, TWENTIETH CENTURY FOX
Durata: 120'
Interpreti: Ryan Reynolds, Josh Brolin, Morena Baccarin, Zazie Beez, Eddie Marsan

Il mercenario mutante sboccato e logorroico Wade Wilson, aka Deadpool, sembra aver trovato una strada grazie all’amore della sua Vanessa e alla sua capacità di eliminare cattivi a suon di proiettili e battutacce. Ma poi Vanessa muore e Wade non ha più un motivo per vivere. Almeno finché quelli che si ostinano a considerarsi suoi amici decidono di dargli una nuova missione…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
C’è una certa derisione della fede, come quando un sadico giustifica il suo comportamento usando una fraseologia biblica o quando Deadpool reclama a se attributi divini
Pubblico 
Adolescenti
Violenza, linguaggio volgare
Giudizio Artistico 
 
Un pervicace tentativo di non prendere nulla sul serio e trasformare qualunque personaggio nello spunto per battute e situazioni volgari e boccaccesche.
Testo Breve:

Deadpool, scaricato momentaneamente dagli X-Men ufficiali, decide di fondare con esiti disastrosi una squadra sua. L’operazione è riuscitissima dal punto di vista degli incassi, ma faticosa da digerire per chi si aspettasse qualcosa di più che un collage survoltato di elementi di varia provenienza

La seconda avventura di Deadpool arriva un paio d’anni dopo che la prima aveva a sorpresa conquistato il pubblico e buona parte della critica trasformandosi in un successo planetario vietato ai minori.

Rispetto alla prima uscita questo Deadpool guadagna una trama un po’ più articolata (i buchi ci sono, ma anche quelli diventano oggetto di umorismo) che va a sostenere il susseguirsi di gag più o meno riuscite per una durata di due ore, alla fine delle quali lo spettatore non amante del genere farebbe di tutto per far tacere Reynolds. 

La storia in sé stessa è semplice e per certi versi molto classica: è il protagonista stesso che, come nel primo capitolo si rivolge allo spettatore parlando in macchina, a dire che si parla di famiglia e appartenenza. Famiglia in senso lato, ovviamente, perché se da un lato la maturità acquisita di Wade convince la fidanzata Vanessa a fare finalmente un figlio con lui, dall’altro il percorso del supereroe prevede l’assunzione degli obblighi paterni (sacrificio compreso) nei confronti di un giovane mutante obeso e problematico che rischia di finire sulla cattiva strada.

Il percorso prevedibile è camuffato da mille deviazioni verbali e da un pervicace tentativo di non prendere nulla sul serio e trasformare qualunque personaggio nello spunto per battute e situazioni volgari e boccaccesche. L’unica cosa che rimane “sacra” in questo panorama è proprio l’amore di Wade per Vanessa, il motore, nel bene e nel male, di ogni sua scelta. 

Per arrivare in fondo alla missione il protagonista, scaricato momentaneamente dagli X-Men ufficiali (tra cui non ha superato il livello di stagista), decide di fondare con esiti disastrosi una squadra sua, che, in omaggio al politically correct progressista, oltre che a prevedere la presenza di donne e minoranze, ottiene un nome neutro per non discriminare nessuno. Del resto, e l’elemento è stato strombazzato dai media americani, il film è il primo a mettere in scena una coppia di supereroine mutanti lesbiche (ma c’è da credere che anche qui, vista la nazionalità giapponese della fidanzatina di Testata Megasonica, ci sia dietro un rimando ai manga).

La formula comunque rimane la stessa del primo film, con la combinazione di linguaggio sboccato, citazioni e violenza fatta apposta per mandare in solluchero gli adolescenti che in teoria non dovrebbero vederlo. Deadpool è un prodotto derivativo, che vive in modo parassitario della fortuna mondiale del mondo superomistico della Marvel, un genere che nel bene o nel male è diventato il punto di riferimento della cinematografia americana.

Le citazioni e camei per altro spaziano dai personaggi e situazioni della rivale DC Comics (c’è anche uno sberleffo a Batman contro Superman) a tutta la filmografia degli scorsi decenni (da Forrest Gump a Robocop, James Bond e Terminator, ma anche Frozen e Yentl) .

A completare il quadro si aggiungono la musica e le scelte di cast, a partire da Josh Brolin, nei panni dell’antagonista Cable, che a un certo punto Deadpool apostrofa come Thanos, il nome del personaggio che Brolin interpreta nella saga degli Avengers.

L’operazione è riuscitissima dal punto di vista degli incassi, ma faticosa da digerire per chi si aspettasse qualcosa di più che un collage survoltato di elementi di varia provenienza, sparati a ritmo sostenutissimo, come a non dare il tempo di pensare a quale ne debba essere il senso.

Autore: Laura Cotta Ramosino
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

GIU' LE MANI DALLE NOSTRE FIGLIE

Inviato da Franco Olearo il Dom, 05/20/2018 - 08:36
Titolo Originale: Blockers
Paese: USA
Anno: 2018
Regia: Kay Cannon
Sceneggiatura: Jon Hurwitz, Brian Kehoe, Jim Kehoe, Eben Russell, Hayden Schlossberg
Produzione: POINT GREY PICTURES, DMG ENTERTAINMENT, GOOD UNIVERSE
Durata: 102
Interpreti: Leslie Mann, Ike Barinholtz, John Cena, Kathryn Newton, Geraldine Viswanathan, Gideon Adlon

Julie, Kayla e Sam sono amiche da sempre. Arrivate a diciott’anni, nel giorno del gran ballo della scuola, decidono di fare un patto tra loro: tutte e tre perderanno la verginità quella stessa notte. La madre di Julie e i padri di Kayla e Sam scoprono l’accordo e cercano in tutti i modi di sabotarlo…

 

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Di fronte alla decisione di consumare la “prima volta”in modo concordato nella stessa serata da tre ragazze dicissettenni, i rispettivi genitori si preoccupano solo, egoisticamente, di dover restare presto soli, mentre qualcuno di loro finisce per auspicarlo, indicandola come conquista femminile. Le ragazze intanto non mostrano dubbi, paure e dilemmi nel prendere a freddo una decisione simile
Pubblico 
Sconsigliato
Turpiloquio, scene di sesso, uso di droghe, scene volgari, scene di nudo. Genitori irresponsabili
Giudizio Artistico 
 
Il film è infarcito di stereotipi, soprattutto sul rapporto genitori-figli e usa situazioni volgari per strappare qualche risata al pubblico
Testo Breve:

Tre ragazze diciassettenni hanno deciso di perdere la loro verginità durante la serata del ballo di fine corso. I genitori cercano di fermarle. Un film sguaiato e pieno di stereotipi

Giù le mani dalle nostre figlie potrebbe essere descritto come una sorta di American Pie al femminile, vissuto però dal punto di vista dei genitori. 

Lisa è una mamma single, che ha cresciuto da sola la sua Julie, con cui vive quasi in simbiosi. Quando però scopre che la figlia le ha tenuta segreta la sua iscrizione alla UCLA a Los Angeles, dopo averle promesso di studiare a Chicago, non troppo lontana da casa e quindi da lei, il suo mondo va in crisi. Mitchell, invece, è il padre di Kayla. È un omone sportivo e muscoloso (non a caso è interpretato dal wrestler John Cena) che però, a dispetto dell’apparenza, è molto sensibile e di lacrima facile e non accetta che la sua piccola si stia facendo donna. Hunter, infine, è il padre di Sam, ragazzina insicura e malinconica, che si scopre omosessuale. Hunter è divorziato: tutti, compresi Lisa e Mitchell, l’hanno allontanato da quando si è lasciato con la moglie e l’uomo cerca di recuperare il rapporto con la figlia, che si vergogna dei suoi modi stravaganti e sempre fuori dalle righe.  

Le tre amiche hanno motivazioni diverse per perdere la verginità: Julie ha un fidanzato e crede che sia “quello giusto”; Kayla ha deciso che è grande abbastanza e si sceglie, seduta stante, il “cavaliere” che la porterà al ballo e con cui consumerà la sua prima notte; Sam, infine, non vuole sentirsi diversa dalle amiche ed è intenzionata a fare sesso con un ragazzo per capire se è veramente omosessuale.

Il tema della verginità, unito a quello della “prima volta”, è trattato con enorme superficialità.  Non ci sono dubbi, paure e dilemmi, tanto che risulta poco credibile che le tre ragazze, qui raffigurate come delle adolescenti superficiali, volgari nel linguaggio e un po’ stupide, siano ancora vergini. Inoltre, è vero che i genitori sono preoccupati che le figlie compiano scelte azzardate, ma alla fine la loro vera paura è che le loro piccole crescano, diventino donne e di conseguenza li abbandonino. Un timore comprensibile, ma anche un po’ egoistico. L’unico che sembra avere un briciolo di razionalità e che si dimostra più sensibile nell’interpretare i comportamenti della figlia è proprio Hunter, all’apparenza il più sconclusionato, il padre che nessuno vorrebbe avere. 

Il film consegna allo spettatore una facile morale: è tempo per i genitori di farsi da parte, accettare le scelte dei propri figli e non aver paura che crescano perché, comunque vada la vita, li ameranno e saranno amati da loro per sempre.

Giù le mani dalle nostre figlie non resiste infine a imboccare un filone pseudo-femminista e di critica all’ipocrisia patriarcale. Mentre i genitori del fidanzato di Julie, si dilettano in giochi erotici di coppia che poi raccontano al figlio (tanto è un maschio), la mamma di Kayla, nonché moglie di Mitchell, difende la scelta della figlia di perdere la verginità, perché è ora che anche le ragazze raggiungano la parità sessuale. Poco importa se la figlia si stia per concedere a un perfetto sconosciuto, per di più spacciatore di droga.

Il film di Kay Cannon, sceneggiatrice, qui al suo esordio registico, è dimenticabile (tanto quanto il doppiaggio e la traduzione italiana dei dialoghi), ricco di allusioni sessuali e riferimenti volgari che puntano a suscitare la risata facile e gag infantili, caotiche e demenziali (tra tutte una scena in cui i personaggi si vomitano addosso a vicenda, a getto, dentro una limousine e una in cui John Cena assume dell’alcol per via rettale, in seguito a una scommessa con alcuni adolescenti).

Anche gli effetti speciali realizzati al computer, come le lacrime copiose di Lisa nel salutare la figlia Julie in partenza per il college, sono palesi e realizzati in modo grossolano e artefatto.

Autore: Eleonora Fornasari
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

LA MAFIA UCCIDE SOLO D'ESTATE - CAPITOLO 2

Inviato da Franco Olearo il Mer, 05/16/2018 - 13:50
Titolo Originale: La mafia uccide solo d'estate - Capitolo 2
Paese: ITALIA
Anno: 2016
Regia: Luca Ribuoli
Sceneggiatura: Pif, Stefano Bises, Michele Astori
Produzione: Wildside, Rai Cinema
Durata: 12 episodi di 50min su RaiUno a partire dal 26 aprile 2018
Interpreti: Claudio Gioè, Anna Foglietta, Nino Frassica, Francesco Scianna, Angela Curri

Palermo 1979. Mentre la mafia continua a eliminare chiunque sia di ostacolo ai propri affari, Lorenzo Giammaresi non si sente affatto tranquillo e comunica alla sua famiglia che ha chiesto il trasferimento. Questa notizia getta tutti nello sconforto. La moglie Pia, che da anni attende un incarico di ruolo come insegnante, rompe ogni indugio e chiede a suo fratello Massimo, che ha legami con la mafia, di ottenere una cattedra. La figlia adolescente Angela, si stringe più vicino al suo fidanzato Marco, forse anche troppo. Solo il piccolo Salvatore ha ben altro a cui pensare: continua a soffrire per la partenza di Alice che si è trasferita in Svizzera o almeno così crede lui..

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film è permeato di un forte senso civico e manifesta il grande valore di una lotta decisa contro la mafia ma nella cronaca familiare che si sviluppa in parallelo non traspare il valore della vita che sta per nascere
Pubblico 
Adolescenti
Alcune rapide nudità e un caso di aborto procurato
Giudizio Artistico 
 
Il regista sa abilmente alternare fatti derivati dalla cronaca vera a movimenti da commedia nello sviluppo della storia della famiglia Giammaresi. Buona l’interpretazione di tutti ma in particolare di Anna Foglietta.
Testo Breve:

La famiglia Giammaresi si trova a risolvere i tanti problemi di ogni giorno mentre a Palermo pochi eroi solitari cercano di contrastare l’efficiente  organizzazione mafiosa. Cronaca e commedia convivono in un racconto spesso divertente

Dopo il film omonimo del 2013, il primo diretto, sceneggiato e interpretato da Francesco Diliberto e dopo la prima stagione del serial televisivo, RaiUno trasmette ora la seconda annata. Potrebbe sembrare un po’ troppo ma la formula trovata da Pif risulta particolarmente indovinata. La serie si appoggia su di un forte senso civile: mentre partecipiamo alle vicende della famiglia Giammaresi, veniamo a conoscere più da vicino tanti grandi uomini che hanno avuto il coraggio di contrastare la mafia, pagando con la morte. Primo fra tutti il governatore della regione Piersanti Mattarella ma anche, in quell’anno, i magistrati Rocco Chinnici e Cesare Terranova, il maresciallo Lenin Mancuso. Sullo sfondo compaiono anche i più importanti capi mafiosi del tempo (Totò Riina, Leoluca Bagarella, Tommaso Buscetta) e originale è la rappresentazione che Pif ha voluto fare di loro: i mafiosi sono quasi sempre colti in incontri collettivi, dove di comune accordo decidono  le nuove opportunità di guadagno e come eliminare gli ostacoli che si pongono davanti al loro cammino, in forte contrasto con i rappresentanti  del diritto e dell’ordine, che sembrano esser stati lasciati in drammatica solitudine.

In primo piano resta la cronaca familiare dei Giammaresi, raccontata con ironia e qualche spunto veramente divertente, che alleggerisce la cronaca dei fatti realmente accaduti. Non si tratta però di due piani paralleli non comunicanti ma cronaca vera e fiction familiare si intrecciano. Se è molto bello il ricordo della visita del Presidente della Repubblica Pertini alla regione per mostrare un sostegno visibile a Piersanti Mattarella, le difficoltà di ogni giorno rendono facile la tentazione di risolverle come fanno tutti. E’ quello che succede alla signora Pia, che accetta di farsi raccomandare attraverso i canali mafiosi per ottenere il posto da insegnante. E’ la stessa fragilità, anche più grave, che colpisce Massimo, il fratello di Pia, che aspirando a vantaggi personali, si lega a filo stretto con Tommaso Buscetta, anche se non ha assolutamente l’animo per venir utilizzato come killer. Si crea così una racconto a due piani, costituito da esseri umani fragili, sempre in bilico fra l’aderenza ai principi e l’urgenza di risolvere problemi contingenti. e  da coloro  che non tentennano: gli eroi del coraggio civile da una parte e i mafiosi dall’altra.

Anche le vicende personali della famiglia Giammaresi hanno risvolti drammatici: la figlia Angela, di 17 anni, resta incinta (quando, in un qualunque serial televisivo che vediamo oggi, ci accorgiamo che uno dei protagonisti è un’adolescente, l’unico dubbio che possiamo avere è se resterà incinta fin dalla prima puntata o in quelle successive). Per la giovane, la notizia che le ha dato il dottore assume i caratteri di una vera e propria tragedia e assieme al suo ragazzo, Marco, decide di abortire. Si tratta di una delle sequenza più drammatiche: Angela, completamente sola, si trova in sala operatoria circondata da uomini sconosciuti in camice bianco, senza sapere esattamente cosa le sta per succedere. Solo a cose fatte ha il coraggio di confidarsi con la madre. Nel dialogo che intercorre fra loro due, traspare il pensiero dell’autore. “Perché non me lo hai detto subito?” “Perché mi vergognavo: mi avevi detto di stare attenta. E poi ho avuto paura che mi avreste costretta a tenerlo”. “Sei pentita?”  “Moltissimo: di non essere stata più attenta e poi di averlo fatto senza di voi”.  Questo dialogo sembra esprimere la visione dell'aborto come un male necessario, in alcune circostanze.   Non c’è nessun segno di attenzione verso quell’essere umano che stava per nascere. Le cose che non hanno funzionato in questa vicenda, secondo Angela, sono non aver preso le adeguate precauzioni e aver dovuto affrontare l’intervento senza il sostegno dei genitori.

Particolarmente negativa è anche la figura di fra Giacinto verso il quale Pif lascia trasparire tutto il suo disprezzo. Non si tratta solo di descrivere un frate sacerdote colluso con la mafia ma sono particolarmente sgradevoli i momenti in cui il frate mostra di manipolare il messaggio cristiano, per creare forse, nelle intenzioni dell’autore, una situazione spiritosa. Quando Pia si rivolge in confidenza a lui, tormentata dalla decisione se accettare una raccomandazione per il posto da insegnante oppure no, fra Giacinto risponde che la raccomandazione deve essere intesa come un segno della provvidenza.  Se è verosimile che a quell’epoca un frate dalla coscienza debole possa essere entrato in collusione con i capi della mafia, lo è molto di meno pensare che abbia perso tutto il suo bagaglio di credenze che hanno alimentato la sua vocazione. Più verosimile è scorgere, in questo e in altri episodi simili, l’indifferenza verso la fede dello stesso autore.

In complesso il serial appare ben recitato ma una menzione speciale va data ad Anna Foglietta per quel suo modo sensibile e appassionato di aver costruito la figura di Pia, come madre, moglie e insegnante.

Autore: Franco Olearo
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

Loro 1 e 2

Inviato da Franco Olearo il Lun, 05/14/2018 - 22:43
Titolo Originale: Loro
Paese: ITALIA
Anno: 2018
Regia: Paolo Sorrentino
Sceneggiatura: Paolo Sorrentino, Umberto Contarello
Produzione: INDIGO FILM PER L'ITALIA. COPRODOTTO DA JÉRÔME SEYDOUX, ARDAVAN SAFAEE, MURIEL SAUZAY PER PATHÉ E FRANCE 2 CINÉMA PER LA FRANCIA
Durata: 204
Interpreti: Toni Servillo, Elena Sofia Ricci, Riccardo Scamarcio, Kasia Smutniak

Sergio Morra, faccendiere tarantino, affitta una villa in Sardegna vicino alla residenza estiva di Berlusconi per raggiungerlo attraverso le escort che gestisce. Il politico intanto sta attraversando un periodo di crisi dopo la perdita delle elezioni e la pubblicazione di compromettenti intercettazioni. Nella residenza in Sardegna Berlusconi cerca di recuperare il potere e, con meno impegno, il suo matrimonio con Veronica

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Viene rappresentata una civiltà dell'apparenza, con ritratti di donne impegnate a ottenere favori con il proprio corpo e uomini che accettano quei corpi come moneta corrente
Pubblico 
Maggiorenni
Diverse scene di nudo e di atti sessuali anche orgiastici, continui riferimenti al sesso, ripetuta assunzione di droghe
Giudizio Artistico 
 
Del tutto incomprensibile, almeno in un’ottica drammaturgica, la scelta di dividere il film in due parti asimmetriche e squilibrate. Le involate surreali di Sorrentino, al solito innescate da evanescenti comparse di animali, suonano autoreferenziali e ai limiti del parodistico, incapaci di sollevarsi da un’immanenza fatta di sgargiante volgarità.
Testo Breve:

L’uomo Berlusconi e i personaggi che girano intorno a lui sono parte di una farsa surreale e il presidente non sembra essere un uomo, ma un’eterna messinscena, come gli rinfaccia la moglie Veronica

Dopo Il Caimano di Moretti, un altro vate del cinema italiano si cimenta con il ritratto di Silvio Berlusconi, impresa sempre insidiosa per la vicinanza temporale alle vicende trattate che spesso ne impedisce una visione d’insieme che si emancipi dall’immanenza. Sorrentino sceglie però un taglio squisitamente personale e, senza ambire a sviscerare le conseguenze dell’era berlusconiana sul tessuto sociale del Paese, risucchia il suo personaggio nell’immaginario sorrentiniano rendendolo una maschera che ben incarna la sua cifra estetica.

Del tutto incomprensibile, almeno in un’ottica drammaturgica, risulta invece la scelta di dividere il film in due parti asimmetriche e squilibrate, la prima della quali dedicata a un personaggio secondario di scarso interesse, Morra (Riccardo Scamarcio), assorbito dal mediocre sogno di arrivare al deus ex machina Berlusconi e sedere insieme a Loro (coloro che contano) su un Olimpo di squallida opulenza.

Nei primi 50 minuti di Loro 1 ciò che passa sullo schermo è la rappresentazione di una civiltà dell’apparenza già largamente fotografata dieci anni fa dal Videocracy di Gandini. L’unica novità di questa lunga intro (per altro volutamente appiattita da regia e fotografia su un registro trash e patinato) risiede nell'abile presentazione in absentia di Berlusconi, adombrato da scenografici indizi e inafferrabile come una divinità pagana.

In questa prima parte persino le involate surreali di Sorrentino, al solito innescate da evanescenti comparse di animali, suonano autoreferenziali e ai limiti del parodistico, incapaci di sollevarsi da un’immanenza fatta di sgargiante volgarità. Quando finalmente il protagonista entra in scena, il film comincia davvero, e conferma il quadro seminato: Berlusconi è sin da subito un’entità che trascende l’umano, una forza della natura.

Impermeabile a qualsiasi psicologia e incapace di essere ferito dal prossimo, non possiede nessun contatto con la sua interiorità, senza per questo presentare una personalità scissa è disturbata: semplicemente egli non sembra essere un uomo, ma un’eterna messinscena, come gli rinfaccia la moglie Veronica (Elena Sofia Ricci, perfettamente algida come prescrive la parte della radical-chic) in una vibrante scena coniugale.

L’interpretazione di Servillo lavora in questa direzione, napoletanizzando Berlusconi in una commedia dell’arte e privandolo della sua biografia umana, del legame con l’humus milanese e brianzolo. 

In questo senso il Berlusconi di Sorrentino non è un personaggio ma una maschera di pura vita, monolitico e coincidente con se stesso. Una scelta drammaturgica netta in direzione della farsa che, a tratti affascinante, penalizza però l’elemento drammatico, pur presente in Loro 2 nello spaesamento del protagonista che rischia, come tutti, di essere superato dai tempi che corrono, destinando il suo corpo e il mondo che conosce allo sfaldamento. Al contrario, la cifra farsesca fa dirompere la vis comica e dà vita a situazioni finemente costruite, grottesche e nere come uno sketch dei Monthy Python.

Come ne La grande bellezza e in Youth, Sorrentino non osa consegnarsi del tutto alla disperata derisione e, in chiusura, riprende i toni del dramma, lasciando la maschera di Berlusconi per aprire al collettivo dell’umanità vera. Il regista sceglie così una citazione dei primi istanti de La Dolce Vita felliniana per chiudere il film: il Cristo Redentore sollevato su Roma diventa però un Cristo della Pietà adagiato sulle macerie del terremoto. E non si può negare che una sfumatura di pietas, pur se inquinata dalla celebrazione affascinata di un patetico vitalismo, si annidi nelle pieghe del film e del suo punto di vista su un uomo che non si è permesso di vivere come tale.

Autore: Eleonora Recalcati
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

RIMETTI A NOI I NOSTRI DEBITI

Inviato da Franco Olearo il Lun, 05/07/2018 - 17:20
Titolo Originale: Rimetti a noi i nostri debiti
Paese: Italia, Polonia, Svizzera
Anno: 2018
Regia: Antonio Morabito
Sceneggiatura: Antonio Morabito, Amedeo Pagani
Produzione: LOTUS PRODUCTION
Durata: 1,32 su NETFLIX
Interpreti: Marco Giallini, Claudio Santamaria, Jerzy Stuhr, Flonja Kodheli

Guido è un tecnico informatico che ha perduto il lavoro per il fallimento della sua azienda. Prova a proporsi come magazziniere ma anche questa esperienza fallisce. Carico di debiti, non gli resta che presentarsi negli uffici della società di recupero crediti che non gli sta dando un attimo di pace, offrendosi di lavorare per loro finché non avrà saldato il suo debito. Inizia il suo tirocinio affiancandosi a Franco, esperto in quel tipo di lavoro sgradevole, ma la sua esperienza sarà drammatica. Unico suo conforto è andare la sera a bere del whiskey in un bar dove può fare due chiacchiere con la barista, Rina, una ragazza dell’Est che aspetta solo il momento giusto per tornare in patria e un amico, che lui chiama “professore” con il quale fa due chiacchiere e una partita di biliardo…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film denuncia con forza il modo, spesso illegale, con cui viene compiuto il recupero dei crediti. Semplicistica attribuzione di un atteggiamento ipocrita a chi pratica la fede.
Pubblico 
Pre-adolescenti
Azioni di violenza su persone inermi
Giudizio Artistico 
 
Buona regia e bravi i due protagonisti; la sceneggiatura risente di un eccetto di polemica rabbiosa
Testo Breve:

Guido, carico di debiti, accetta di lavorare senza salario per una società di recupero crediti dai metodi sbrigativi. Un film di denuncia ben realizzato ma eccessivamente manicheo

Il primo personaggio che ci viene presentato è quello di Franco (Marco Giallini): la mattina esce di buonora dalla sua bella casa, bacia la moglie e porta i due figli piccoli in una scuola cattolica. Affida i figli alla suora che trova all’ingresso e si avvia al lavoro. Un incipit di questo genere non può certo far pensare a un film di ispirazione religiosa ma all’opposto, c’è subito odore di ipocrisia. In seguito vediamo Franco inginocchiato davanti a un confessionale: che si limita a sciorinare qualche peccato veniale ma trascura di citare le sue prodezze notturne: pedinare  i debitori per farli poi gambizzare a suon di manganellate. E’ sicuramente questo un punto debole del film: una denuncia forte e giusta su certi modi sbrigativi con cui è affrontato il tema del recupero dei debiti (un impegno civile uguale a quello mostrato nel precedente lavoro di Antonio Morabito, Un venditore di medicine, sul fenomeno del comparaggio) ma fatta con rabbia, con spirito manicheo. Franco, il cattivo della situazione, sembra all’inizio venir, se non giustificato, almeno compreso: non dà tregua soprattutto ai grossi debitori, che hanno sicuramente i soldi necessari a saldare i loro debiti, si dimostra leale con Guido che con il suo aiuto riesce a chiudere il suo debito e preserva la serenità della sua vita privata con una regola ferrea: “a casa non si parla di lavoro”. In seguito però mostra il suo ingiustificabile cinismo vessando anche chi ha solo i soldi necessari per portare avanti una vita di stenti.  Morabito finisce così per distruggere quella costruzione di un personaggio negativo ma dai risvolti umani che aveva portato avanti fino a quel momento.
Più coerente la figura di Guido (Claudio Santamaria) che accetta per necessità il nuovo lavoro, inclusi i risvolti più sgradevoli, ma il suo disincanto e il suo pessimismo nei confronti del mondo vengono attenuati dalla vicinanza di un vero amico (il “professore”) che sa  distrarlo facendogli una divertente lezione di economia sui poteri che non si possono toccare  e la barista Rina, l’unica con cui riesce a confidarsi pienamente.
E’ proprio nei periodici incontri fra Guido e Rina la parte più esteticamente fascinosa del film, perché Morabito, con l’aiuto della fotografia di Duccio Cimatti e della scenografia di Marcello di Carlo, realizza delle vere e proprie “sequenze Hopper”. Guido è ritratto frontalmente al bancone, ripreso da lontano, a testa bassa, con un bicchiere in mano; dietro di lui una grande vetrata fa intravedere un esterno serale, con macchie blu. In primo piano Rina è intenta a pulire dei bicchieri colorati.

Sono queste inquadrature e la bravura dei protagonisti la parte più riuscita del film inclusa una certa melanconia e fatalità di fondo che pervade tutti i personaggi, ritratti molto spesso di notte. Peccato che l’efficacia della denuncia venga attenuata da una schematizzazione troppo semplicistica fra i cattivi da una parte e i poveri diavoli.

Il film è disponibile sulla piattaforma Netflix ed è il primo film della casa realizzato in Italia

Autore: Franco Olearo
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

END OF JUSTICE: NESSUNO E' INNOCENTE

Inviato da Franco Olearo il Ven, 05/04/2018 - 18:59
Titolo Originale: Roman J. Israel, Esq.
Paese: USA
Anno: 2017
Regia: Dan Gilroy
Sceneggiatura: Dan Gilroy
Produzione: BRON STUDIOS, CROSS CREEK PICTURES, ESCAPE ARTISTS, LSTAR CAPITAL, MACRO, TOPIC STUDIOS COMPANY
Durata: 122
Interpreti: Denzel Washington, Colin Farrell, Carmen Ejogo

Roman J Israel, afroamericano, di mezza età, lavora da anni nel back office di uno studio legale. Roman è un uomo scrupoloso, con una memoria di ferro, virtù ideali per il lavoro di preparazione dei casi giudiziari e lascia che sia il suo socio, William Jackson ad andare nei tribunali a sfoderare tutta l’abilità retorica necessaria per vincere una causa. Willian si ammala gravemente e siccome lo studio è in deficit, i proprietari decidono di venderlo, lasciando Roman in mezzo a una strada. Questi cerca prima di venir assunto da un’organizzazione no-profit che si batte per i diritti civili delle persone di colore ma constatata l’impossibilità di questa soluzione, accetta di tornare a lavorare nel precedente studio, dove il nuovo capo, George Pierce, è uno squalo che si occupa poco di ideali ma molto di realizzare profitti. Roman viene messo in prima linea a difendere in tribunale ragazzi coinvolti nella malavita di Los Angeles ma la sua inesperienza e la mancanza di flessibilità finiscono per metterlo nei guai. Roman pensa allora di uscire dalla situazione in cui si è cacciato con un’iniziativa rischiosa e illegale…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Interessante confronto etico fra due uomini, uno dotato di buoni principi ma con una volontà senza virtù e l’altro di pochi principi ma con buone virtù
Pubblico 
Tutti
Giudizio Artistico 
 
Un serio approfondimento della psicologia dei due protagonisti coadiuvato dalla bravura di Denzel Washington che gli ha fatto meritare una candidatura all’Oscar ma il racconto procede in modo farraginoso, con poco senso dello spettacolo
Testo Breve:

Un uomo solitario, molto bravo a preparare cause legali nel backoffice, si trova di fronte a un grosso dilemma etico. Ottima interpretazione di Denzel Washington per un legal  thriller che fornisce poche emozioni

Il protagonista assoluto di questo film è Denzel Washington che per questa sua interpretazione è stato candidato a due premi: al Golden Globe 2018 e all’Oscar 2018. Una scelta oculata, perché il film è impegnativo proprio attorialmente; la sua caratteristica infatti, insolita nel panorama attuale, è quella di volerci raccontare una storia non centrata su ciò che accade ma sulle trasformazioni dell’animo del protagonista.  Anche se si può parzialmente definire un legal thriller, il film si concentra soprattutto nel dilemma etico di Roman, incerto se continuare a perseguire i suoi ideali o rompere gli schemi di vita che fino a quel momento si è imposto.

Né tantomeno il film è la storia di un avvocato che si riscatta (come lo era invece il film Michael Clayton, scritto e diretto da Tony Gilroy, fratello dell’autore di questo film). Ci viene presentato un uomo modesto, meticoloso, che prepara la documentazione necessaria per ogni caso giudiziario dello studio, archivia tutto ancora in forma cartacea e conosce il codice a memoria. Vive da solo, veste in modo trasandato, non ha la macchina e la sua unica passione è ascoltare la musica andando a piedi in ufficio o tornando a casa. Timido e introverso, ogni tanto sembra parlare a vanvera, perché troppo immerso nei suoi pensieri. Legato in gioventù ai movimenti per i diritti civili degli afroamericani, ora grigio impiegato di uno studio di avvocati, è rimasto sensibile a quegli ideali ed è convinto che occorre modificare profondamente l’istituto del patteggiamento. Per chi è povero come la maggior parte delle persone di colore, quindi incapace di affrontare le spese di un processo, il patteggiamento finisce per essere l’unica scelta e passare qualche anno in carcere diventa un passaggio obbligato. Al contempo lo vediamo reagire prontamente quando una sera trova per terra un barbone che crede morto. Quando arriva la polizia, si offre prontamente di pagare la sepoltura di quello sconosciuto, perché non vuole che finisca in una fossa comune. La sua nobiltà d’animo non è però sufficiente ad affrontare la nuova situazione che si è creata da quando il nuovo capo dello studio, George Pierce, lo manda direttamente in aula a difendere i loro clienti. Commette degli errori e George lo redarguisce severamente minacciando di licenziarlo. E’ a questo punto che Roman medita di compiere un atto illegale che può procurargli molti soldi. Perché questo brusco cambiamento di rotta nella sua vita? Una lettura superficiale del film potrebbe indurre a seguire il filone giallo del racconto, in particolare i rischi che il protagonista corre per aver turbato i piani della malavita, ma è l’evoluzione dell’istanza etica, la parte più interessante, che viene ben evidenziata dal confronto fra Roman (Denzel Washington) George (Colin Farrell). Il primo è un uomo di grandi ideali ma poche virtù. Il secondo non si muove in base a grandi ideali ma ha solide virtù. Roman ha definito dei principi di giustizia fondamentali sui quali impegnarsi ma la sua visione, troppo ideologica, finisce per far usare quegli stessi principi come un’arma offensiva contro chi non è dalla sua parte. In più momenti del film vediamo come il suo atteggiamento intollerante finisce per metterlo in conflitto con i giudici, arrecando in questo modo, danno agli stessi imputati che dovrebbe difendere. Allo stesso modo la sua reazione sproporzionata all’errore giudiziario commesso (quindi la sua decisione di procurarsi dei soldi in modo illegale), non deriva da reali esigenze economiche ma dalla forte umiliazione che aveva subito il suo ego, perché tutto il suo mondo è se stesso. Un atteggiamento opposto ha George: appena insediatosi come capo dello studio, non fa mistero di voler prima di tutto risollevare le sue finanze disastrate ma ha un grande vantaggio su Roman: è aperto agli altri, sa ascoltarli. Sa chiedere scusa a Roman per averlo ripreso in un momento di rabbia e comprende anche che è giusto seguire le idee di Roman praticando anche cause pro-bono, per un maggior prestigio della studio.

In questo modo George affronta la realtà sapendosi correggere, mentre Roman, che parte con buoni principi, resta bloccato in se stesso.  E’ forse esagerato (ma non troppo) citare la parabola che compare in Matteo 21, 28-31: «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si avvicinò al primo e gli disse: "Figliolo, va' a lavorare nella vigna oggi". Ed egli rispose: "Vado, signore"; ma non vi andò.  Il padre si avvicinò al secondo e gli disse la stessa cosa. Egli rispose: "Non ne ho voglia"; ma poi, pentitosi, vi andò.  Quale dei due fece la volontà del padre?»

Autore: Franco Olearo
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |

MOLLY'S GAME (Luisa Cotta Ramosino)

Inviato da Franco Olearo il Ven, 04/27/2018 - 15:41
Titolo Originale: Molly's Game
Paese: USA
Anno: 2017
Regia: Aaron Sorkin
Sceneggiatura: Aaron Sorkin
Produzione: THE MARK GORDON COMPANY
Durata: 139
Interpreti: Jessica Chastain, Idris Elba, Kevin Kostner, Michael Cera, Jeremy Strong

Molly Bloom, passato di sciatrice stroncato da una caduta, si trasferisce a Los Angeles convinta di diventare avvocato, ma sulla strada si imbatte in una carriera differente, quella da organizzatrice di serate di poker e lì investe il suo innegabile talento. Ma il rischio non è solo sul tavolo da gioco e presto Molly deve prendere decisioni difficili sull’integrità della sua impresa, decisioni che la porteranno a un arresto e a un processo. Per affrontarlo dovrà fare i conti con tutta la sua vita…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Negli ambienti del poker di lusso si vince e si perde a seconda del proprio talento e del proprio carattere ma in definitiva si parla sempre di dipendenza, la stessa in cui alla fine cade anche Molly,
Pubblico 
Maggiorenni
Consumo di droga, scene di violenza, dipendenza dal vizio del gioco
Giudizio Artistico 
 
La Chastain dà vita a un personaggio convincente. La regia è efficace nel raccontare il mondo del gioco di lusso ma alla fine non potrà non piacere questo pezzo di bravura in cui la posta in gioco non sono fiche ma l’anima di una persona.
Testo Breve:

Molly Bloom, ex campionessa di sci, investe il suo innegabile talento come organizzatrice di serate di poker. Il grande sceneggiatore Aaron Sorkin, ora anche regista, ci regala un magnifico ritratto di donna, forte e fragile allo stesso tempo 

È la protagonista a raccontarci la sua storia nel film debutto alla regia del geniale sceneggiatore Aaron Sorkin (basterebbe ricordare che è il creatore di una delle serie televisive più belle di sempre, West Wing, oltre che la firma di pellicole come Codice d’onore, Social Network e Steve Jobs). Lo fa intersecando presente (il processo per gioco d’azzardo e coinvolgimento con rappresentanti della mafia russa che sedevano ai suoi tavoli da poker), passato (l’adolescenza burrascosa di Molly, in conflitto con un padre psicanalista e sempre in cerca dell’eccellenza, ma anche i passi della sua carriera di organizzatrice di partite esclusive tra Los Angeles e New York), il tutto condito con commenti e riflessioni filosofiche che rispecchiano, oltre alla straordinarietà del personaggio, la virtuosità dello scrittore.

La pellicola, infatti, ha indubbiamente il suo punto di forza nella sceneggiatura, che ci sfida a entrare nella psicologia della protagonista, indovinando la sua strategia e i suoi bluff, un po’ come fa il suo avvocato, l’integerrimo Charlie Jaffey di Idris Elba, deciso a capire la donna che deve difendere.

Molly, infatti, ha dei segreti, che ci rivela a poco a poco, esibendo con pudore la sua fragilità e le sue paure, le cui radici verranno svelate solo in un intenso confronto con il padre (bravo in questo ruolo Kevin Costner).

L’arena di questi confronti è quella del poker di lusso: si gioca in suite esclusive con personaggi famosi a fare da specchio per le allodole, si vince e si perde a seconda del proprio talento e del proprio carattere, non ci sono polli, ma in definitiva si parla sempre di dipendenza…la stessa in cui alla fine cade anche Molly, forse proprio perché in quel mondo di perversioni cerca di mantenere una sorta di integrità, giudicando se stessa molto prima che lo faccia la giustizia americana.

La Chastain dà vita a un personaggio convincente, forte e fragile allo stesso tempo, complesso nelle sue motivazioni e nelle sue convinzioni, anche se in definitiva Sorkin ci regala uno scioglimento che non è cervellotico, ma profondamente emotivo.  La regia, e non potrebbe essere diversamente, è al servizio del racconto e delle performance, ma è comunque efficace nel raccontare un mondo, e se a qualcuno il film potrà apparire forse un po’ lungo, a chi ama i confronti forti su temi e dilemmi umani non potrà non piacere questo pezzo di bravura in cui la posta in gioco non sono fiche ma l’anima di una persona.

Autore: Luisa Cotta Ramosino
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |