Newsletter Principale

Questa newsletter contiene tutti gli indirizzi email degli iscritti.

Settimana del 28 febbraio 2016

Inviato da Franco Olearo il Gio, 02/25/2016 - 15:21

God’s not dead -  FilmOro

E’ arrivato finalmente anche nelle sale italiane questo film che avevamo già recensito:  il coraggio di uno studente universitario che sfida il suo professore di filosofia, ateo, di fronte ai suoi compagni inizialmente indifferenti, sull’esistenza di Dio. Un lavoro che rientra nella categoria molto diffusa in U.S.A. dei Christian Films: forse un po’ enfatico ma dall’entusiasmo contagioso

Good Kill

Il regista e sceneggiatore Andrew Niccol, a cui va il merito di avere realizzato film importanti come Gattaca e The Thruman Show, ci mostra in questo film tutta la sua tensione etica su un tema molto attuale: l’uso di droni offensivi nei teatri di guerra. Il film dimostra molto coraggio nell’aprire una discussione  su un tema così scottante ma finisce per darne uno sviluppo troppo retorico.

Lo chiamavano Jeeg Robot

Una vera sorpresa questo film italiano che fa il verso ai blockbuster della Marvel e ai cartoon giapponesi, riuscendo a trovare una chiave nostrana e originale

Anomalisa

Charlie Kaufman, che già conosciamo per film come Se mi lasci ti cancello ed Essere John Malkovich è stato molto bravo nell’usare la tecnica della stop motion, cioè dei pupazzi animati, per raccontare una storia per adulti su di un professionista che si trova da solo in una città sconosciuta. Se la forma è buona, il contenuto è solo triste: il protagonista è un egocentrico anaffettivo, incapace di fedeltà, in cerca del modo di come passare la notte con una donna.

Vi chiediamo, se potete, un gesto di sostegno nei nostri confronti e vi auguriamo buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv

Settimana del 21 febbraio 2016

Inviato da Franco Olearo il Ven, 02/19/2016 - 00:13

Fuocoammare-FilmOro

Presentato al Festival di Berlino 2016, questo nuovo documentario di Dino Risi (Leone d’Oro nel 2013 per Sacro GRA) cerca di penetrare nel fenomeno Lampedusa con uno sguardo reso profondo da più di un anno trascorso sull’isola. La serena bellezza dei paesaggi e certe tradizioni rimaste ancora intatte degli isolani fanno da contrasto al dramma degli sbarchi clandestini che si consuma ogni giorno.  Un film per comprendere e aprire gli occhi.

Il caso Spotlight

Nel 2001 un team di giornalisti del Boston Globe sviluppò un’indagine che li portò a scoprire vari casi di pedofilia commessi da sacerdoti della loro città. Il regista si è attenuto sostanzialmente ai fatti, senza costruire castelli ideologici e ha posto in risalto come l’azione decisa dei giornalisti innescò una salutare crisi di coscienza nei tanti tiepidi che pur sapendo, si erano rassegnati a una situazione che in realtà non era più tollerabile

Onda su Onda

Rocco Papaleo si posiziona per la terza volta dietro la macchina da presa e questa volta lascia il suo Meridione per andare in trasferta in Uruguay. Al posto della sua piccola Basilicata ci propone questo minuscolo stato fra i giganti del Sudamerica, con la sua bella e melanconica capitale. Una storia positiva sulla scoperta della paternità e sul recupero dell’amicizia ma molto minimalista e discreta, che rischia di non lasciare traccia nello spettatore.

Buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv.it

Settimana del 14 febbraio 2016

Inviato da Franco Olearo il Ven, 02/12/2016 - 15:23

L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo

Dalton Trumbo, uno sceneggiatore vincitore di due premi Oscar, accusato, nel 1946, di simpatizzare per il comunismo, venne condannato dalla Commissione per le Attività Antiamericane (House Committee on Un-American Activities), voluta dal senatore Mc Carthy e subì l’ostracismo da Hollywood per almeno dieci anni. Il film si sofferma sugli aspetti umani della vicenda, mostrando come la sua famiglia riuscì a mantenersi unita nell’affetto e nel reciproco sostegno e di come i veri (pochi) amici abbiano avuto il coraggio di aiutarlo nonostante l’ostilità dell’ambiente

Trust

Abbiamo intenzione di continuare ad arricchire i nostri cataloghi telematici (si veda il menù in alto sulla prima pagina), aggiungendo  spunti di discussione su un tema importante per la famiglia: i suoi rapporti con i media. Dopo Disconnect, presentiamo Trust del 2010 (purtroppo non disponibile in DVD con audio in italiano) dove viene raccontato in modo molto realistico come una ragazza di 15 anni venga ingannata da un presunto amico conosciuto via Internet e delle difficili prove che deve sostenere la famiglia, incerta sul come comportarsi

 

Perfetti sconosciuti

Di film dove, una cena fra amici  si trasforma presto in una guerra senza esclusione di colpi, ne sono stati fatti ormai tanti ma quest’ultimo di Paolo Genovese ha un’indubbia originalità: punta il dito sui nostri telefonini, scrigno segreto di verità inconfessabili. Gli attori sono anche bravi e per la prima metà del film il tema si sviluppa in modo intrigante ma poi, nella seconda, si ricade nello squallore senza idee e valori di molta commedia italiana attuale: vengono descritti uomini e donne fragili e insicuri il cui impegno principale è quello di organizzarsi fuitine extra-coniugali e comperare  preservativi per le figlie adolescenti

PPZ PRIDE + PREJUDICE + ZOMBIES

Poteva essere anche originale l’idea di costruire una parodia intorno al classico Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen, ben conosciuto da tutti gli studenti di lingua anglosassone ma il risultato è un frullato alquanto discutibile di elementi poco compatibili che non tenta nemmeno qualche affondo di critica sociale, che è vocazione naturale dello zombie movie. Occorre aggiungere che è presente anche una strana, poco ortodossa, versione del sacrificio eucaristico, anche se il contesto è talmente sopra le righe che è difficile prendere sul serio anche questa involontaria parodia.

Buona lettura dalla Redazione di

www.famiycinematv.it

Settimana del 7 febbraio 2016

Inviato da Franco Olearo il Gio, 02/04/2016 - 23:56

La grande scommessa

Recensiamo un po’ in ritardo The big short ma ne valeva la pena per due validi motivi: è un film fatto molto bene (è candidato a 5 Oscar) e analizza con spietata lucidità la crisi finanziaria del 2008, senza nascondere personaggi e banche sotto pseudonimi. Tutti sono stati colpevoli, anche chi doveva svolgere funzioni di controllo, per la troppa avidità. Un encomio al cinema di Hollywood che con film simili fornisce al suo pubblico validi strumenti di riflessione su tematiche estremamente attuali.

The Eichmann show Il processo del secolo-FilmVerde

Tutti conosciamo il processo al gerarca nazista Eishmann del 1961 ma prima di questo film pochi sapevano che quell’evento è entrato nella storia della televisione come primo spettacolo in mondo-visione, scuotendo le coscienze di milioni di persone. Dopo quelle riprese, coloro che non credevano nell’olocausto non ebbero più modo di ribattere.

The Hateful Eight – Sconsigliato

Arrivato al suo ottavo film, Quentin Tarantino scopre le carte di un meccanismo che continua a replicare: quello di un gruppo di persone che si trovano all’interno di un ambiente chiuso e che parlano apparentemente del più e del meno ma in realtà lo spettatore sa già che finiranno per ammazzarsi fra di loro. Il recupero nostalgico dell’ambientazione western (e della musica di Ennio Morricone) sono un pretesto, da parte del regista, per mettere in scena nuove forme di sadica violenza e raffinate torture fisiche e psicologiche.

Buona lettura dalla Redazione di

www.familyciematv.it

 

Settimana del 31 gennaio 2016

Inviato da Franco Olearo il Gio, 01/28/2016 - 15:37

Il figlio di Saul-FilmVerde

Un ebreo addetto alla rimozione dei corpi dalle camere a gas di un campo di concentramento trova un modo per far sopravvivere la sua umanità, senza abbandonarsi alla disperazione o alla violenza. È una visione impegnativa quella che il regista ungherese Nemes impone al suo pubblico, riprendendo sempre il punto di vista del protagonista e lasciando il resto sullo sfondo. Una scelta stilistica che è parte integrante del percorso che il regista disegna per lo spettatore, non facendogli alcuno sconto nella visione, ma nemmeno nessuna predica, perché in un film come questo l’imponenza dolorosa di un’esperienza umana è quella che colpisce a fondo e non lascia tregua. Abbiamo assegnato a questo film la fascia di FilmVerde, non certo perché la visione è adatta a tutti ma per il suo valore rievocativo di fatti realmente accaduti che non bisogna dimenticare.

Joy

Dopo l’Oscar 2013 per Il lato positivo - Silver Linings Playbook, ecco di nuovo il regista David O. Russell impegnare la sua squadra preferita di attori (Jennifer Lawrence, Bradley Cooper, Robert De Niro) per un racconto, molto americano, ispirato a fatti realmente accaduti, sulla scalata al successo di una tranquilla ma determinata ragazza di provincia.  Sembra incredibile ma ormai film dove c’è un lui e un lei che si innamorano e poi magari si sposano, non esistono più. Hollywood ci propone continuamente storie di  singoli che riescono a realizzare se stessi grazie alle loro doti e l’amicizia è  l’unico valore riconosciuto all’interno di questa emergente Single Society.

L'abbiamo fatta grossa

Carlo Verdone, in sodalizio con Antonio Albanese, esperimenta il genere comico-noir con risultati discontinui. Buono l’affiatamento dei due comici ma lo sviluppo appare lento, ravvivato da isolate gag comiche. Il personaggio di Antonio Albanese, nonostante i numerosi errori che continua a commettere e i tradimenti compiuti nel passato, dimostra un sincero pentimento nei confronti della moglie e un altrettanto sincero desiderio di tornare insieme.

Buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv.it

settimana del 24 gennaio 2016

Inviato da Franco Olearo il Ven, 01/22/2016 - 23:11

Steve Jobs

Era necessario fare un altro film su Steve Jobs, dopo i 2 film e i 2 documentari già realizzati? Un bravo attore, Michael Fassbender, un regista da Oscar, Danny Boyle ma soprattutto lo sceneggiatore Aaron Sorkin (Oscar 2010 per The social Network) hanno voluto indagare nella personalità di quest’uomo che ci ha guidato verso l’informatizzazione di massa. Con un’impostazione quasi teatrale in tre quadri, il film manifesta nuovamente la bravura dello sceneggiatore nello sviluppare dialoghi serrati e appassionanti ma a volte tradisce un certo compiacimento stilistico

Carol

A giudicare dal ritmo serrato con quale vengono sfornati film sul tema dell’omosessualità (i più recenti: Freeheld, Io e Lei, Desde Allà, Carol) si potrebbe concludere che almeno il 40% della popolazione ha questa caratteristica. Carol, realizzato e recitato magnificamente bene, ha almeno la peculiarità di non essere manifestatamente ideologico, cioè di non voler convincere lo spettatore dell’equivalenza fra amore coniugale e omosessuale, ma racconta con realismo una storia molto umana. La protagonista ha almeno il buon senso di riconoscere che nelle sue condizioni deve affidare sua figlia interamente al suo ex-marito.

Ti guardo – Desde allà

Era doveroso recensire il film che ha vinto il Leone d’Oro al Festival di Venezia 2015 ma lo sconsigliamo comunque, trattandosi di un rapporto omosessuale fra un adulto e un ragazzo (che si configura quindi come pederastia). Il film è disturbante per la crudezza delle immagini, sviluppa un problematica esasperata ed estrema: il cattivo rapporto con il padre visto come causa di terribili problemi relazionali nei figli ma non offre una chiara visione d’insieme e non giunge ad una vera conclusione

 

Vi auguriamo una buona lettura e vi chiediamo, se potete, un gesto di sostegno per le nostre attività 2016.

La Redazione di

www.familycinematv.it

Settimana del 17 gennaio 2016

Inviato da Franco Olearo il Ven, 01/15/2016 - 09:45

Don Matteo 10- SerialOro

Perché la fiction di Don Matteo, arrivata alla decima stagione, vede aumentati i suoi appassionati spettatori, in particolar modo nella fascia giovanile?  Perché Terence Hill è particolarmente simpatico? Certo, ma non solo. Perché si ride grazie a Nino Frassica? Certamente, ma non basta. Il motivo sta, a nostro avviso, nel fatto che è l’unico serial italiano (e molto probabilmente europeo) che non ha paura di mostrare come il Vangelo possa venir applicato alle situazioni normali o straordinarie di qualsiasi persona laica e don Matteo fornisce una testimonianza forte della misericordia divina anche verso chi è colpevole di qualche delitto. E’ evidente che c’è in tanti spettatori, nascosta in qualche angolo della loro anima, una domanda che sonnecchia e che ora si è ridestata: “e se valesse la pena di credere nel Vangelo?”.

The Revenant – Redivivo

Il regista Alejandro González Iñárritu, vincitore di tre Oscar 2015 con il film Birdman, rischia seriamente di vincerne altri nel 2016. The Revenant mostra una estrema qualità delle immagini e un elevato realismo nelle sequenze (impressionante quella in cui il protagonista è assalito da un orso) che fanno sì che lo spettatore si senta realmente immerso in una natura bella ma ostile.  Fra montagne e boschi innevati, gli individui si trovano da soli a dover scegliere fra il bene e il male.

Ringraziamo vivamente quei lettori che hanno iniziato a darci segni concreti di sostegno per il nostro impegno nel 2016.  Siamo fiduciosi che altri seguiranno.

Buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv.it

 

Settimana del 10 gennaio 2016

Inviato da Franco Olearo il Mar, 01/05/2016 - 16:33

God’s not dead- FilmOro

Continuiamo, con la recensione di questo film, ad arricchire la nostra biblioteca di Christian Film. Il DVD (per ora solo in inglese) narra l’impresa, quasi impossibile, di uno studente di fede cristiana al primo anno di università che sfida il suo professore di filosofia, che si dichiara ateo, sulla non attendibilità della frase di Nietsche: “Dio è morto”.  Alla fine la soluzione del dilemma verrà trovata non sul piano della ragione ma su quello umano. Un film un po’ enfatico ma che manifesta un grande entusiasmo per la propria fede da parte degli autori e degli attori

Macbeth

Il capolavoro shakespeariano viene riproposto sul grande schermo con un adattamento molto fedele al testo originale e con il sostegno di due grandi attori del calibro di Michael Fassbender e Marion Cotillard,  ma il suo sviluppo appare a volte complesso e spossante

La Redazione di

www.famiycinematv.it

augura a tutti i lettori tanti auguri per la festa della Befana.

Un gesto di sostegno nei nostri confronti per il nuovo anno ci sarebbe particolarmente gradito

Settimana del 31 dicembre 2015

Inviato da Franco Olearo il Mar, 12/29/2015 - 21:33

Il piccolo principe- FilmVerde

Il più famoso libro per ragazzi  viene nuovamente riproposto a  cinema, in animazione 3D.  E’ stato sicuramente chiaro ai produttori il doppio problema da affrontare: non solo trasferire in pellicola un testo così poetico ma anche ispirarsi, nella grafica, agli acquarelli originali dell’autore, forse più famosi del testo stesso. Il secondo problema è stato efficacemente risolto usando la tecnica della stop motion, mentre per il primo è stata effettuata un’attualizzazione delle critiche fatte a suo tempo dall’autore alla società egoista del tempo e che ora, nel film, ha assunto le forme di un mondo efficientista e competitivo, che si preoccupa solo del guadagno e del successo. Un grosso impegno riuscito solo in parte , soprattutto quando il film si prende troppe libertà rispetto all’originale

Quo Vado

Torna Checco Zalone,  come attore e regista, a far ridere contrapponendo la tranquillità del posto fisso e le attenzioni della propria famiglia di origine alla vita dei popoli nordici (in questo caso la Norvegia) sicuramente più civili a anche più disinvolti, in particolare con  la pratica dell’amore libero. Sarà l’amore a dare al nostro eroe il coraggio di cambiare atteggiamento, ma questa volta Checco manca di originalità, non riesce a mordere e scivola facilmente, con le sue battute, nel qualunquismo.

Auguriamo a tutti i lettori un felicissimo anno nuovo e auspichiamo che vogliate darci un segno tangibile, se lo meritiamo, del vostro apprezzamento.

La Redazione di

www.familycinematv.it

Settimana del 20 dicembre 2015

Inviato da Franco Olearo il Ven, 12/18/2015 - 19:33

Star Wars- il risveglio della forza-FilmVerde

Dopo tre pre-sequel poco felici, la saga di Star Wars torna allo spirito originale, ironico e magico, di George Lucas. I fans della saga possono ottenere ciò che si aspettano: non una banale ripetizione, ma alcune interessanti novità nella continuità. Il film, grazie anche a una sapiente promozione, si avvia a diventare un campione di incassi

Il ponte delle spie- FilmOro

Sulla base di un episodio realmente accaduto durante il periodo della Guerra Fredda (uno scambio di spie sul ponte che separava Berlino Est da Berlino Ovest) e con la sua consueta professionalità, Steven Spielberg realizza un film di alto valore civile sul diritto alla libertà e alla dignità di ogni essere umano e sull’importanza dell’esistenza (in questo caso la Costituzione Americana) di regole giuste da rispettare

La famiglia nella Fiction italiana

Per gentile concessione di www.istantv.it pubblichiamo questo articolo di Alessandra Caneva che analizza l’immagine della famiglia nelle più recenti fiction TV italiane. Non si può dire che sia stata messa sotto attacco la famiglia intesa come insieme di persone unite da legami di sangue, ma piuttosto la capacità di costituire delle unioni uomo-donna che siano in grado di durare tutta una vita.

Irrational man

Woody Allen torna ancora una volta a filosofeggiare sulla casualità della vita e sul cinismo del fato, in un film che non è certo uno dei suoi migliori, ma per fortuna conferma il suo stile brillante di raccontare storie e la sua capacità di dirigere gli attori

Corso di e-learning su Amore Famiglia educazione

Non occorre sottolineare come il matrimonio oggi appaia, agli occhi di molti, come un’istituzione che ha perso il suo significato. Con piacere abbiamo inserito come editoriale (in fondo alla front page) la promozione del corso Amore Famiglia Educazione dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose all’Apollinare che dal 2016 utilizzerà una tecnologia di e-learning, che consentirà di seguire le lezioni da casa propria

Cenerentola-FilmOro

Segnaliamo che venerdì 25 dicembre, alle 21:10 su Sky Cinema 1 verrà trasmesso il FilmOro Cenerentola. La Walt Disney, ritornando dopo 65 anni a proporre la famosa favola, non si limita a raccontarci l’amore fra il principe e la bella ma ci propone una bellissima apologia delle virtù: solo con la gentilezza, l’umiltà e il perdono si possono affrontare le sfide della vita.

 

Tanti carissimi auguri per un santo Natale a tutti i lettori

La Redazione di

www.familycinematv.it