Docufiction

  • warning: Creating default object from empty value in /home/fctadmin/public_html/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc on line 33.
  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.

IL COLLEGIO (quarta stagione)

Inviato da Franco Olearo il Mer, 11/13/2019 - 09:31
Titolo Originale: Il Collegio
Paese: ITALIA
Anno: 2019
Produzione: RAI, Magnolia
Durata: 120 minuti a puntata su Raidue e su Raiplay
Interpreti: Narratore: Simona Ventura

Venti adolescenti tra i 14 e i 17 anni devono studiare per circa un mese in un collegio simulando di essere negli anni ottanta, per conseguire il diploma di licenza media dell'epoca. Gli studenti hanno l'obbligo di indossare le uniformi del collegio e devono seguire le severe regole della struttura, che comprendono il rinunciare a telefonini, subire il taglio dei capelli secondo la moda dell’epoca. I ragazzi provengono da tutta Italia: c’è Maggy Gioia 14, di Milano che è la perfettina del gruppo, la più istruita e la più ligia alle regole; Mario Tricca (15, provincia di Roma) è il più insicuro, ogni prova comporta per lui una sofferenza; Sara Piccioni ha poca fiducia in se stessa; Claudia Dorelfi (14 anni, Roma) di indole litigiosa, usa un linguaggio sboccato e risponde male ai professori,…

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
La docu-fiction descrive con buon realismo un contesto scolastico, con i suoi pregi e i suoi difetti.
Pubblico 
Tutti
Giudizio Artistico 
 
Ottima la scelta del cast, il montaggio garantisce un buon ritmo al racconto, solo in alcuni momenti si percepisce che dietro tanta spontaneità c’è una solida sceneggiatura.
Testo Breve:

10 ragazzi e 10 ragazze fra i 15 e i 17 anni varcano la soglia di un collegio negli anni ’80. La quarta stagione conferma il successo di questa docu-fiction che mostra degli adolescenti molto più attendibili di tante fiction TV

I numeri parlano chiaro: Il docu-reality Il collegio, giunto alla quarta stagione, è la trasmissione più vista di Rai2 con una media di 2.346.000 spettatori (10,2% di share in due puntate). Ma ci sono due dati che colpiscono molto di più: nella fascia compresa fra gli 8 e i 14 anni, il programma raggiunge il 38% di share ma non basta: con due milioni di interazioni, Il collegio è il programma più interattivo e popolare sui social (soprattutto Instagram). Così, mentre Netflix si affanna a catturare la fascia di audience degli adolescenti e young Adult, tallonata da Sky (senza trascurare Disney Channel in una fascia più bassa), la TV generalista mette a segno un grande successo per l’età della prima adolescenza. Qual è il segreto? Possiamo dire che i ragazzi e le ragazze di Il collegio ci appaiono molto più veri dei giovani che ci vengono presentati dalle varie piattaforme in streaming. Occorre aggiungere che ci appaiono più vicini anche perché più italiani (i ragazzi del collegio provengono da varie province) rispetto a quei giovani con generico, non meglio definito, profilo internazionale, proposti da piattaforme che vogliono coprire tutto il globo. 

Ovviamente non dobbiamo lasciarci ingannare: il format della docu-ficton fa apparire il racconto più vero ma in realtà c’è sempre dietro una accurata sceneggiatura anche se bisogna riconoscere che i ragazzi (selezionati da una rosa di 22.000 aspiranti) ci appaiono molto spontanei nelle loro reazioni, soprattutto quando vengono esclusi o puniti: probabilmente vengono ripresi quando la loro sorpresa è reale. Il fatto che nella quarta stagione debba venir applicato l’artificio di ritornare al 1982 ha scarso impatto sulla narrazione. I ragazzi debbono modificare il taglio dei capelli, rinunciare al cellulare, lavorare con enormi personal computer di prima generazione, ma si tratta di elementi secondari e poco influenti rispetto a ciò che è primario in questo tipo di lavoro: esplorare come si comportano ragazzi e ragazze di oggi nella fascia 14-17 quando interagiscono fra di loro e si trovano in classe di fronte a dei professori. Il ritratto che ne vien fuori mostra luci e ombre. Notevole è lo spirito di gruppo che sanno esprimere: appena uno di loro subisce una punizione o viene espulso, ecco che tutti accorrono con grandi abbracci e parole di conforto. Alla fine, ora come negli anni 80, fra questi ragazzi conta soprattutto farsi delle amicizie ma anche mostrare delle antipatie senza molto nasconderle. Non solo le ragazze ma anche i ragazzi hanno il pianto facile di fronte a certi loro insuccessi: si può ritenere che i ragazzi non stiano recitando in quelle situazioni e quindi mostrino, di fronte alle difficoltà, grande fragilità e insicurezza. Infine, soprattutto i quindicenni, fanno a volte gli sciocchi, disturbano le lezione, per far ridere gli altri compagni e acquistare un po’ di notorietà. Un comportamento prevedibile, facilmente riscontrabile a quella età e che non comparirà mai in alcun serial americano o simil-americano. Un aspetto sicuramente impressionante è la loro abissale ignoranza: sbagliano nella declinazione dei verbi (participio passato di porgere? “Porto”) o  non conoscono certe parole appena fuori dell’ordinario (sbarcare il lunario vuol dire atterrare sulla luna). Disastrosa è la loro conoscenza della storia (“i mille sono sbarcati contro i nazisti”) e della letteratura (Gabriele D’Annunzio era un estetista).

La docu-fiction è comunque originale nell’approfondire i rapporti fra i ragazzi e la scuola. Non sorvola sugli aspetti disciplinari, presenti negli anni ’80 come oggi: le insubordinazioni sono frequenti ma in questa fiction finiscono tutte sul tavolo del preside, che commina sempre una punizione. Il professore di lettere che domanda ai ragazzi “cos’è per voi la scuola?” e ottiene solo risposte strampalate, giustamente ricorda l’articolo 34 della Costituzione della Repubblica Italiana che sancisce il diritto di tutti i cittadini a ricevere una istruzione. Una nobile citazione che in quel momento stride con i piccoli orizzonti che mostrano di avere questi ragazzi.

La docu-fiction merita il successo che si è guadagnato, l’approssimazione a un reale contesto collegiale è notevole: resta un dubbio di fronte alle confessioni in solitaria di se stessi dei ragazzi di fronte alle telecamere: risultano troppo preparati nel tracciare un loro profilo psicologico, che stride con il livello di cultura che hanno mostrato in altre occasioni. Risulta più evidente, in questi casi,  che stanno recitando una parte già programmata.

Resta dubbio il motivo dell’ingresso nel collegio, alla terza puntata di un ragazzo e una ragazza considerati ufficialmente fidanzati (con il beneplacito dei genitori). Per ora (alla terza puntata)  è stato chiaro nei loro confronti solo il professore di lettere, che ha intimato loro: niente carezze, niente affettuosità in aula.

La docu-fiction è disponibile anche su RaiPlay

Autore: Franco Olearo
In Televisione
In televisione: Non è presente in televisione


Share |