UN PONTE PER TERABITHIA

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
 
Titolo Originale: UN PONTE PER TERABITHIA
Paese: USA
Anno: 2007
Regia: Gabor Csupo
Sceneggiatura: Jeff Stockwell, David Paterson dall’omonimo libro di Katherine Paterson
Produzione: Walden Media / Walt Disney Pictures
Durata: 96'
Interpreti: Josh Hutcherson, AnnaSophia Robb, Robert Patrick; Zooey Deschanel; Bailee Madison

La vita, in prima media, non è facile per nessuno. Ma per Jesse non lo è in modo particolare. I suoi genitori faticano a far quadrare i conti alla fine del mese, le sue tre sorelle lo tormentano, i bulletti di terza lo vessano. Per fortuna in classe arriva una nuova compagna: Leslie. In lei Jesse troverà finalmente un’amica che lo capisce e che gli insegnerà a evadere dalla realtà rifugiandosi in un mondo fatato creato dalla loro fantasia.

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Il protagonista trova finalmente un'amica che lo sa comprendere ma dal film sembra che l’evasione fantastica sia l’unica via di salvezza da un mondo troppo brutto per essere sopportabile.
Pubblico 
Tutti
Giudizio Artistico 
 
Le soluzioni narrative adottate siano decisamente banali, l’impostazione molto semplificatoria e la tesi generale sfuocata e sommaria

Parafrasando Chesterton verrebbe da dire che, sconsacrato tutto, si finisce con il prendere per sacra ogni cosa. E nel disincanto contemporaneo, dove ogni aspetto della vita tende ad essere ridotto alla sua mera dimensione secolare, una delle cose che si è maggiormente inclini a considerare sacra – e dunque salvifica – è la fantasia.

È questo un motivo ampiamente diffuso nella nostra cultura e che trova espressione in numerosissimi film (basti pensare, limitandoci ad un recente successo, a Neverland, del 2004, sulla genesi di Peter Pan, con James M. Barrie interpretato da Johnny Depp).

Un ponte per Terabithia, da questo punto di vista, è paradigmatico nel ribadire una formula collaudata: un bambino infelice a causa di circostanze amare e difficili; una figura di mediatore (una delle infinite variazioni possibili del Bianconiglio di Alice nel Paese delle Meraviglie) fra il mondo reale e l’altro mondo; un universo parallelo che, in modi diversi, trasfigura quello reale.

Ed è appunto qui – nel rapporto che stabiliscono fra l’universo reale e quello fantastico – che le declinazioni di questa formula collaudata devono essere valutate. Qual è, infatti, la relazione corretta in cui vanno tenute la realtà e la fantasia?

Se è unanime – nella cultura contemporanea – il biasimo per le posizioni eccessivamente “realiste” (che tendono a svalutare i voli della fantasia), dove è opportuno che si fermi l’esaltazione delle possibilità della fantasia? Quand’è che sognare comincia a diventare una pericolosa evasione dalla realtà? A che punto la trasfigurazione immaginifica va stigmatizzata come vana illusione?

Sono domande decisive per ogni cultura, e in particolare per la nostra, dove le possibilità di evasione in mondi fantastici, virtuali, sono state enormemente ampliate dalla tecnologia. Peccato dunque che gli autori del film non sembrino affatto averle affrontate nella la loro piena rilevanza: ciò ha, infatti, comportato che le soluzioni narrative adottate siano decisamente banali, l’impostazione molto semplificatoria e la tesi generale sfuocata e sommaria. Il film risulta narrativamente goffo ed emotivamente confuso (nonché noioso) soprattutto perché da un lato continua a ribadire che il mondo della fantasia (il mondo di Terabithia) non esiste, essendo una mera proiezione di Jesse e Leslie (e dunque le piccole, appena tratteggiate, avventure che i due bambini ci vivono non ci emozionano mai); dall’altro continua ad incensare l’evasione fantastica come l’unica via di salvezza da un mondo troppo brutto per essere sopportabile.

Autore: Francesco Arlanch


Share |