Mona Lisa Smile

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Mona Lisa Smile
Paese: USA
Anno: 2003
Regia: Mike Newell
Sceneggiatura: Lawrence Konner, Mark Rosenthal
Durata: 110
Interpreti: Julia Roberts (katherine Watson), Kirsten Dust (Betty Warren), Julia Stiles(Joan Bandwin)

 Nell'autunno del 1953 la giovane insegnante di arte Katherine Watson lascia la California ed il suo fidanzato per il New England, assunta al prestigioso Wellesley College, dove vengono educate le figlie delle più ricche famiglie dell'East Coast. Vi arriva piena di entusiasmo, desiderosa di insegnare  un'arte non ricavata dai libri ma dalle emozioni che scaturiscono da una  presa diretta con i capolavori. Vuole anche esser  paladina di una figura di donna che cerca di realizzarsi nel lavoro  professionale , oltre che essere moglie e madre.
Katherine capisce subito che entrambe le battaglie risulteranno molto difficili, a meno che lei riesca ad attirarsi la simpatia di qualche studentessa o di qualche collega....

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Una società d'elite, formalmente perbenista, non riesce a trasmettere valori alle nuove generazioni
Pubblico 
Adolescenti
Per conversazioni esplicite a sfondo sessuale
Giudizio Artistico 
 
Perfetta la ricostruzione degli anni '50 . Ottima la recitazione. Non convince lo sviluppo della storia

Appena le campane della chiesa del College iniziano a suonare per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico, uno stormo di uccelli si libra in volo, disperdendosi nell'enorme parco della tenuta. E' una scena pressoché identica a quella che appare ne "l'attimo fuggente"  del 1989 , dal quale avevamo già appreso che i college della costa dell'Est sono costituiti da magnifici parchi, complessi scolastici in stile gotico, ottime attrezzature sportive e comodi dormitori rigorosamente monosex. Le somiglianze con il film di Peter Weir finiscono qui, perché se Robin Williams (professor Keating) aveva buone opportunità per influire   sugli animi di ragazzi ancora acerbi  e facili agli entusiasmi, Julia Roberts (Katherine) si trova a fronteggiare donne già formate.  Ci si sposa presto nel 1953 e non è raro che alcune studentesse stiano finendo l'ultimo anno del College come mogli o addirittura come madri. Fa impressione  sentir conversare queste ragazze che mentre  preparano  assieme la lezione per il giorno dopo,  confidano alle altre le loro angosce per il marito che le tradisce, per il fidanzato che non si è ancora dichiarato oppure, per alcune, per l'amante che debbono riconquistare.  E' il 1953, la guerra di Corea è appena finita, l'America è pervasa dall'entusiasmo per una crescita economica che appare senza limiti , per una economia di consumo che promette benessere a tutti, ben rappresentata nel film  dall'orgoglio delle ragazze-mogli per le prime lavastoviglie e da una pubblicità che ha come riferimento  famiglie solide e con tanti figli, dove le donne sono le regine della cucina. In questa società i ruoli dell'uomo e della donna sono ben tracciati:  le ragazze ricche possono permettersi di non  lavorare e di dedicarsi  interamente  a favorire la carriera del proprio marito coltivando le relazioni sociali. Vediamo che una delle esercitazioni  chiave  a cui partecipano le ragazze è il seguente: "come preparare la tavola ed un pranzo elegante quando è stato invitato a cena il capoufficio che deciderà la  promozione di vostro marito? ".
In questo contesto la progressista Katherine cerca di portare il vento indipendente dell'Ovest ma, se in termini di intraprendenza sessuale le sue allieve non sembrano aver bisogno di apprendere niente da nessuno, la nuova insegnante di storia dell'arte ha  il suo daffare per  stimolare in  loro l'orgoglio di riuscire a prendere una laurea e diventare delle brave professioniste, senza rinunciare ad essere anche delle mogli. Le capacità persuasive di Katherine non sono la parte più convincente  del film, anche perché lei mostra di avere le armi spuntate non riuscendo  ad essere, con il suo esempio,  una conferma  delle sue teorie: abbandonato il fidanzato californiano, concessasi una passeggera  avventura scolastica, pagherà il suo impegno di libera suffragetta con la solitudine. Se alla fine troverà in alcune ragazze una certa simpatia e comprensione, ciò sarà dovuto più alla riconoscenza per essersi interessata a loro che per aver inciso realmente nei loro destini.
I "cattivi" del film sono troppo schematicamente cattivi per essere degli avversari validi: una madre, di fronte a sua figlia angosciata per il marito che la tradisce, non ha altro da proporgli che salvaguardare le apparenze, tradendo una visione formale e non sostanziale dei valori familiari della classe a cui appartiene. La direttrice dell'istituto vuole vedere ed approvare preventivamente il programma didattico dell'insegnate di storia dell'arte, spaventata per la troppa arte astratta ed i lavori contemporanei che vengono presentati.
La ricostruzione degli anni cinquanta nei vestiti, nelle acconciature, nelle ambientazioni, nelle riviste che vengono lette, nella pubblicità  è davvero eccezionale ed il film    va a fare buona compagnia a "Lontano dal paradiso" (2002) di Todd Haynes: Douglas Sirk ne sarà contento. Avendo così ben costruito il bersaglio da colpire, la storia finisce per avere le cartucce bagnate  e perde lo slancio iniziale in rivoli secondari. Paradossalmente, il fatto che Julia Roberts abbia rinunciato a fare la protagonista assoluta  del film a vantaggio delle altre giovani interpreti, fa distogliere l'attenzione dal tema principale e non resta quindi che apprezzare il film per la buona ricostruzione di un'epoca dove la società cercava ancora di promuovere i suoi modelli comportamentali attraverso la formazione scolastica.

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

Autore: Franco Olearo


Share |