LEZIONI DI CIOCCOLATO

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
 
Titolo Originale: LEZIONI DI CIOCCOLATO
Paese: Italia
Anno: 2007
Regia: Claudio Cupellini
Sceneggiatura: Fabio Bonifacc
Produzione: Fabio Bonifacci
Durata: 107'
Interpreti: Luca Argentero, Vilante Placido, Neri Marcorè, Hassani Shapi

Mattia fa il geometra e la sua unica preoccupazione è quella di fare soldi in fretta.  Accetta la ristrutturazione di una villa a prezzi stracciati e per ridurre i costi fa lavorare gli operai senza ponteggio. Kamal, un operaio egiziano che lavora in nero cade dal tetto e si frattura entrambe le braccia. Ora Mattia è pronto a fare qualsiasi cosa pur di evitare una denuncia che troncherebbe la sua carriera sul nascere. Kemal ha una soluzione: Mattia si fingerà Kemal in un corso sul cioccolato al quale si era iscritto. Mattia accetta riluttante ma durante il corso  fa  conoscenza con la bella Cecilia...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Tocca a un immigrato egiziano traghettare un giovane italiano ai valori dell'amicizia e degli affetti familiari
Pubblico 
Adolescenti
Un incontro amoroso fra i due protagonisti che viene fermato al momento opportuno
Giudizio Artistico 
 
Sceneggiatura brillante e buona prestazione sia dei protagonisti che dei comorimari

Mattia e Cecilia sentono del trasporto reciproco ma alle  effusioni sempre più insistenti di lui, Cecilia si ritrae. Perché? - chiede lui.

"Ma perché ti amo, no?". Questa battuta è audacissima e da tanto tempo non si sentiva a cinema. Come confida infatti Cecilia al nuovo amico finto-egiziano:"gli italiani, se non ci vai subito a letto,  pensano che sei disturbata" .

E' una delle tante sorprese di questa semplice ma gradevolissima commedia sponsorizzata dalla Umbria Film Commission: nasce come classica commedia degli equivoci ma poi come nella migliore tradizione italiana, sa anche puntare il dito su alcuni problemi attuali: i nostri rapporti con gli extracomunitari, l'imprenditoria rampante che punta al massimo profitto mettendo a repentaglio la sicurezza dei lavoratori, il senso ormai dissolto della famiglia. Le sue critiche non sono caustiche e fine a se stesse, ma hanno lo scopo di costruire e proporre soluzioni. 

Tocca infatti a un emigrato egiziano (il bravissimo Hassani Shapi)  dare lezioni di morale al Mattia, archetipo dell' italiano arrampicatore, sessuocentrico e consumista .

Si inizia con le buone maniere (perché non mi chiedi prima come sto? Come sta la mia famiglia?); si passa poi a dare lezione di risparmio (con 1.400 Euro, Kemal riesce a vivere in Italia l con tutta la famiglia e a mandare dei risparmi in patria ai suoi numerosi parenti.

Infine i due uomini, sempre più amici, si confrontano sul diverso atteggiamento nei confronti  della famiglia:  Kemal non capisce perché Mattia, con i soldi che ha e tutte  le donne che ha incontrato, non si sia ancora sposato e fatto tanti figli. " Questo è male " commenta l'egiziano - "la donna si sposa e poi si ama" La sua equazione è semplice come è semplice la natura: "uomo più donna uguale figli".

Mattia, dovendo vivere giorno per giorno allo stesso modo di un  povero immigrato, fa amicizia con Kemal, prende progressivamente coscienza dei suoi egoismi fino alla dichiarazione finale, complice un bicchierino di troppo: "Kemal, tu hai tutti i valori: hai famiglia, Dio, i parenti, sei la perfezione!" Le parti ormai si sono invertite.

Tanti positivi messaggi sono convogliati attraverso una sceneggiatura brillante e una regia tranquilla ma professionale;  non disturba più di tanto il product placement (inevitabile visto che il film è sponsorizzato dalla Umbria Film Commission): in primis la Perugina, ma anche le nocciole di S. Acuto.

Una vera sorpresa è la performance di Luca Argentero  affiancato da  professionisti sempre validi come  la Violante Placido e Neri Marcorè.

Unica nota stonata, dopo tante dichiarazioni di buoni sentimenti, è l'incontro amoroso fra Mattia e Cecilia che viene fermato però al momento giusto: si tratta probabilmente di un passaggio obbligato per restare in linea con le più recenti commedie (si veda la recensione di Come tu mi vuoi) e per evitare di venir qualificati come film moralista . Come valutazione complessiva  abbiamo mantenuto la qualifica di film oro.

Autore: Franco Olearo


Share |