LA DIVA GIULIA BEING JULIA

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Being Julia
Paese: USA/Canada/UK/Ungheria
Anno: 2004
Regia: Istvan Szabo'
Sceneggiatura: Ronald Harwood
Durata: 105'
Interpreti: Annette Bening, Jeremy Irons, Bruce Greenwood

Londra 1938:Julia Lambert è una diva sul finire della sua giovinezza ma ancora molto ammirata per il suo talento. Mentre è in cerca di qualcosa o qualcuno che ridia slancio alla sua vita e rigeneri la sua passione per la recitazione,  si imbatte in un suo giovane ammiratore americano di cui diventa amante. Ma quando si accorge che Tom la ha lasciata per un'attrice esordiente che lavora nella sua stessa commedia, la sua vendetta sarà terribile perché: "in teatro come in guerra tutto è permesso"

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Nessun eroe positivo in questo film: Julia desidera sopratutto essere adulata e corteggiata; lei e suo marito sono una "coppia moderna" dove ognuno può prendersi le proprie "libertà". I giovani sono cinici e arrivisti
Pubblico 
Maggiorenni
Rappresentazione di Incontri amorosi ripetuti , disinvoltura nei tradimenti coniugali
Giudizio Artistico 
 
L'ottima Annette Bening e la sfavillante ricostruzione degli anni '30 reggono da soli il film, a dispetto di una regia e una sceneggiatura modeste

Siamo a Londra nel 1939 ma i prodromi della guerra imminente non si fanno ancora sentire (solo un accenno di sfuggita al trattato di Monaco). Al contrario,  i coniugi  Julia e Michael (lui piacente e valente impresario teatrale, lei attrice al culmine della notorietà) pensano sopratutto a godersi i privilegi della loro posizione nella Londra che conta e a  concedersi con molta disinvoltura alcune "distrazioni coniugali" senza peraltro infrangere il loro sodalizio professionale.

Il baricentro assoluto della storia, tratta con buona fedeltà dal romanzo omonimo di Somerset Maugham e sceneggiato dal premio oscar Ronald Harwood (Il pianista) è lei: Julia (la brava Annette Bening). Donna intelligente e sensibile,   è consapevole del suo talento artistico  che finisce per utilizzare anche nella realtà  (sa piangere a suo piacimento, sa arrabbiarsi, ridere  o disperarsi conservando una voce chiara e modulata) in modo da riuscire ad essere sempre al centro dell'attenzione. Si è filosofeggiato molto su questo film, visto come emblema dell'essere e dell'apparire, del nostro indossare una maschera davanti al resto della società che si finisce per mantenere anche nel privato.

A dire il vero ben poco di questo profondo messaggio traspare dalle immagini, colpa della regia che non è riuscita a far  reagire gli ingredienti a sua disposizione in una messa in scena credibile.  La crisi esistenziale che percepisce Julia  non è motivata dall'aver perso le ragioni  del suo recitare, ma perché teme, all'opposto, che l'età che avanza non la rendano più eccelsa nell'unico mestiere che ama. E mentre viene commesso l'errore tecnico di far dire ad un commentatore fuori campo  ciò che dovremmo cogliere con le sole immagini (lo spettro del  defunto mentore  di Julia, che le ha insegnato a calcare il palcoscenico, le ricorda continuamente che la sua unica ragione di vita è recitare),  forse la Bening è così naturalmente brava e sicura di sé, da renderle difficile per  recitar di recitare.

Dalle abbondanti lacrime profuse da Julia dovremmo probabilmente commuoverci alla love story   fra lei e il giovane Tom ma stentiamo a considerarla così coinvolta emotivamente nei confronti di un giovane  che fin dalle prime battute appare come un cinico simulatore, oltre a essere portatore  di un modesto fascino maschile.

Altro elemento clou della vicenda è la battaglia, tutta al femminile, fra la matura Julia e la giovane attricetta intenzionata a scalzare la sua posizione  con il più classico dei mezzi, quello della camera da letto. Anche in questo frangente dobbiamo dichiararci delusi perché non assistiamo a una difficile battaglia ad armi pari, ma ad un più banale scontro fra intelligenza e stupidità, fra  talento e mediocrità.

Dobbiamo riconoscere al film un'accurata ricostruzione della bella vita londinese alla fine degli anni trenta con stupende scenografie d'ambiente, sfavillanti costumi e languide canzoni d'epoca ma  forse. è proprio la vita fatua e impalpabile dei  protagonisti, priva del contrappunto della tragedia imminente,  a farci perdere interesse per i loro intrighi amorosi e professionali.  Il confronto con Gosford Park di Altman risulterebbe troppo impietoso.

Autore: Franco Olearo


Share |