CODICE HOMER

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: A different loyalty
Paese: Canada/Gran Bretagna
Anno: 2003
Regia: Marek Kanievska
Sceneggiatura: Jim Piddock
Produzione: Tilde Corsi e Gianni Romoli
Durata: 96'
Interpreti: Sharon Stone, Rupert Everett, Jim Piddock

Ispirato alla vera storia di Kim ed Eleanor Kilby. Sally è una giornalista americana, Leo un giornalista inglese. Dal loro incontro, a Beirut, nasce un'appassionata storia d'amore, ma un giorno Leo sparisce senza lasciare tracce...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Un amore nato male (con un divorzio) non approda ad una piena felicità
Pubblico 
Adulti
Per alcune sequenze di amore esplicito
Giudizio Artistico 
 
Bravi i due protagonisti ma sceneggiatura carente e spesso banale

Nel Libano del 1962, nella comunità  degli inviati stampa  occidentali, fra una cena mondana ed un drink sulle spiagge assolate, si sviluppa una normale storia di passione con tradimento fra Leo, un affascinante corrispondente inglese  e Sally, giornalista americana che decide di divorziare per sposare il nuovo amore (“mai sentirsi legati ai precedenti impegni” sentenzia Leo  per convincerla). Tutto va avanti borghesemente bene  per alcuni anni; i coniugi hanno già due figli (più una figlia di lei avuta dal precedente matrimonio), il loro amore è  saldo e sereno,  ma una sera Leo non torna più a casa. Sally chiede aiuto ad un  loro comune amico, che lavora nello spionaggio inglese (per il quale lo stesso Leo aveva lavorato in passato).
A poco a poco la verità viene a galla: Leo ha fatto il doppio gioco per conto del KGB ed ora si è rifugiato a Mosca .

Per Sally inizia una vita  vissuta fra pedinamenti del controspionaggio inglese ed americano (temono che  raggiunga il marito  a Mosca), l’allontanamento dai vecchi amici e la preoccupazione per i  suoi figli discriminati a scuola. Quando  finalmente riesce a raggiungere il marito a Mosca, deve affrontare la sfida più difficile: convincere Leo a tornare da lei ed i loro  figli rinunciando a quella  che è stata una sua scelta di campo per motivi ideologici.

Un film con questo plot  aveva grosse opportunità drammaturgiche: in realtà perde clamorosamente l’occasione di mettere a confronto il modo di vivere in Occidente con quello del socialismo reale (Sally si muove continuamente fra Londra, Beirut, New York e Mosca); avrebbe potuto ricreare il clima di sospetto con il quale si viveva in quegli anni al di qua e  al di là della Cortina di Ferro (c’è solo un cenno, da parte di un uomo della CIA, al caso Rosemberg); e , non da ultimo, ricostruire  lo spirito con cui 5 brillanti  studenti di Cambridge degli anni ’30 avevano maturato la decisone di passare nelle file comuniste, fra cui lo stesso Kim Kilby (il  caso, ormai famoso, è stato già trattato in altri film come  “Cambridge spies” del 2003).

Ciò che prevale su tutto è invece  il meloframma dei due coniugi separati che vorrebbero ma non possono  ricongiungersi.

Sharon Stone, nei panni della moglie appassionata che cerca di riavere suo marito è eccezionale; più controllato Rupper Everett e misterioso nelle sue motivazioni.
Ciò che soprattutto manca alla storia è una robusta sceneggiatura che invece scivola spesso in dialoghi banali.

 

Autore: Franco Olearo


Share |