L'AMORE RITORNA

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: L'AMORE RITORNA
Paese: Italia
Anno: 2004
Regia: Sergio Rubini
Sceneggiatura: Sergio Rubini, Domenico Starnone, Carla Cavalluzzi
Durata: 110'
Interpreti: io Bentivoglio (Luca), Sergio Rubini (Giacomo), Margherita Buy (Silvia), Giovanna Mezzogiorno (Lena)

Giacomo, attore nel pieno della sua carriera, insoddisfatto perché ambizioso, deve fermare la sua via frenetica per curare una emorragia polmonare. E' l'occasione per rivedere il padre, gli amici della sua terra Pugliese, gli  amori di ieri e di oggi. E' costretto a  subire, inchiodato a letto, i loro affetti e le loro angherie, meditando sugli errori commessi  anche se non ancora su ciò  che dovrà cambiare.

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Dopo una vita sentimentale disordinata, Giorgio ritrova il legame con la sua famiglia di origine e impara ad ascoltare le ragioni degli altri
Pubblico 
Maggiorenni
legame con la sua famiglia di origine e impara ad ascoltare le ragioni degli altri Per una scena di sesso (ma senza nudità) e disordinate storie sentimentali
Giudizio Artistico 
 
n sincera rassegna di affetti e di nostalgie, ma con alti e bassi narrativi

Sergio Rubini prosegue il suo viaggio della memoria già iniziato con Tutto l'amore che c'è (1999), ma mentre il primo film rievocava il periodo dell' adolescenza,  in L'amore ritorna, il protagonista ha quarant' anni e i riferimenti autobiografici si fanno più espliciti: la storia è ambientata nel mondo del cinema (il protagonista, Giacomo è un attore), il padre è veramente il padre di Sergio, Margherita Buy è stata realmente sua moglie e la scatenata Giovanna Mezzogiorno, sua donna del momento nel film, adombra Asia Argento.

 La storia si avvia con una  bellissima rievocazione del  paesino pugliese d'origine di Giacomo/Silvio, visto così com'era  50 anni fa: sua madre, allora ragazza, assiste  angosciata al funerale della  cugina del cuore. Nell'ultimo commiato, la cucina l'aveva rincuorata, promettendole che sarebbe tornata ad aiutarla appena ne avesse avuto bisogno e così accade, ora che il figlio si è ammalato di un male misterioso. Questo sopra-mondo surreale suggella tutta la storia, conferendole quella magia del Sud che costituisce la chiave poetica più forte del nostro regista (Si veda  l'ultimo lavoro: L'anima gemella del 2002). Poi la storia si porta al giorno d'oggi e mantiene il suo baricentro nel letto d'ospedale di Giacomo, intorno a quale  si sviluppano come due vicende parallele: da una parte  i vari tentativi per individuare la causa del suo male (con dettagli non sempre simpatici), dall'altra il filo delle emozioni che si ritorce e si aggroviglia man mano che le visite si susseguono: i componenti la sua troupe cinematografica che esprimono mielose parole di conforto (in realtà preoccupatissimi per il fermo delle riprese), la moglie dalla quale vorrebbe comprensione ma che invece gli rinfaccia tutta la sofferenza che nel passato le ha cagionato; la giovane attrice, sua compagna attuale,  che gli regala energia vitale e intimità sessuale ma che pensa sopratutto alla sua carriera. Infine gli affetti forti, quelli che vengono dalla sua terra e che non tradiscono: il padre, la madre e l'amico della giovinezza Luca,  deciso a  fermarsi in ospedale per stargli vicino. 
Alla fine, Giacomo resta nudo di affetti e solo, ma la necessità di dipendere dagli altri gli ha fatto bene: resosi consapevole degli errori passati, si ripromette di pensare meno a sé stesso e comprendere le ragioni degli altri.

La storia scorre in modo non armonico, con una continua alimentazione di tanti personaggi, non tutti indispensabili all'economia del racconto. E' molto bella la sincerità di alcuni momenti, sopratutto quando vengono rivissuti gli affetti che alimentano la nostalgia della terra d'origine.

Autore: Franco Olearo


Share |