OZARK (prima stagione)

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Ozark
Paese: U.S.A.
Anno: 2017
Sceneggiatura: Bill Dubuque, Mark Williams
Produzione: Aggerate Films, Media Rights Capital, Zero Gravity Management, Headhunter Films Man, Woman & Child Productions
Durata: 10 episodi di 50' tre stagioni realizzate
Interpreti: Jason Bateman, Laura Linney, Sofia Hublitz, Julia Garner

Marty Byrde, un abile consulente finanziario di Chicago, sposato con due figli (l’adolescente Charlotte e il ragazzo Jonah) può godersi una vita agiata perché segretamente, assieme al suo socio Bruce, ricicla denaro sporco per un cartello messicano. La situazione precipita quando Del Rio, il boss del cartello, si accorge che qualcuno ha sottratto otto milioni di dollari dal contante che periodicamente consegna loro per il riciclaggio. Del Rio uccide brutalmente Bruce e coloro che hanno trasportato il denaro e risparmia Marty solo perché lui gli promette che sarà in grado di lavare 500 milioni di dollari in cinque anni a Ozark, una località turistica frequentata da persone facoltose. Del Rio lo mette alla prova: dovrà andare a Ozark con tutta la famiglia e con 8 milioni di dollari in contanti che dovrà riuscire a riciclare nel giro di tre mesi…

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Un abile contabile non trova niente di male a guadagnare molti soldi riciclando il denaro di un cartello della droga. L’etica dell’opportunità è quella che prevale in questa prima stagione del serial, senza alcuna redenzione
Pubblico 
Maggiorenni
Rapporti sessuali etero e omosessuali con nudità parziali, scene con nudità in un locale di strip tease, uccisioni violente con mutilazioni ma senza dettagli cruenti
Giudizio Artistico 
 
La serie ha ricevuto diversi premi e nomination tra cui una nomination ai Golden Globe come Miglior Attore in una serie drammatica a Jason Bateman, un Premio Emmy a Julia Garner come miglior attrice non protagonista in una serie drammatica e molte altre nomination

Marty sa far valere i soldi che gli vengono affidati. Se ne accorge Del Rio che gli prospetta guadagni strepitosi se accetta di prendersi cura del lavaggio dei soldi del cartello.  Marty risponde che sua moglie non sarebbe d’accordo. Quella sera, Marty e Wendy sono seduti sul sofà del salotto. Marty la informa dell’ottima offerta che ha ricevuto ma anche che l’ha rifiutata. Però sorride, mentre glielo dice, quasi a cercare una sua complicità. Lei accetta di parlarne tanto per parlarne (le è stata da poco rifiutata una opportunità di lavoro). I vantaggi sarebbero molti: tanti soldi quanto basta per sistemarsi per tutta la vita. E gli svantaggi? Forse la prigione, forse la vendetta della mafia ma non potrà mai succedere, dice Marty. In fondo lui non ruba a nessuno: si limita a “muovere il mouse su di un computer”. Alla fine la frase decisiva: “se va bene a te, va bene anche a me”. E’ Wendy che toglie la maschera a quella conversazione un po’ ipocrita: “lo desideriamo entrambi”. Tra un sorriso malizioso e l’altro, i coniugi decidono di lavorare per un cartello della droga, così,  semplicemente, valutando vantaggi e rischi in un’ottica esclusivamente soggettiva. Alla loro coscienza non ci sono lr categorie superiori del bene e del male ma è solo una questione di convenienza. In effetti, una sorta di insensibilità, di apatia del vivere pervade tutti i personaggi di questo serial. i coniugi Byrde si presentano  come una coppia affiatata ma a un certo punto della storia lei lo tradisce (non ci viene spiegato il motivo di questo comportamento); il piccolo Jonah sembra un ragazzo giudizioso ma poi veniamo a scoprire che si guarda siti pornografici (in realtà lo fa anche il padre); Charlotte, adolescente irrequieta, approda alla perdita della verginità in un modo sbrigativo e anaffettivo con un ragazzo che poi non vedrà più. Ci sono non poche scene di incontri sessuali, sia etero che omosessuali, ma senza passione, quasi lo sfogo di una natura malata. Lo stesso protagonista non risulta particolarmente simpatico: ha un elevato controllo delle situazioni che sfiora la freddezza. Quando qualche familiare cerca di conoscere la sua opinione su cosa sta accadendo, lui preferisce il silenzio. Il serial richiama inevitabilmente il più famoso Breaking Bad: anche in quel caso un tranquillo professore di chimica che scopre di avere il cancro e deve mantenere un figlio handicappato, segue rigorosamente il principio di utilità: decide di produrre anfetamine e di scalare la piramide dei narcotrafficanti, incurante delle conseguenze. I serial sono simili nel meccanismo dei colpi di scena (entrambi i protagonisti vivono in perenne stato di pericolo e affrontano i loro avversari solo con la loro superiore intelligenza e lo strumento della parola) ma le similitudini finiscono qui. Marty e Walter (il protagonista di Breaking Bad) sono entrambi dei delinquenti ma lo spettatore finisce per comprendere meglio, quasi per simpatizzare per il secondo che sta fronteggiando una società ingiusta (si può rileggere la bella recensione di Alessandra Caneva su questo sito) che non per il primo, che utilizza i suoi talenti solo per disporre di maggiore benessere materiale. Gli stessi delinquentelli di Ozark che Marty finisce per disturbare con le sue attività o  il proprietario dello squallido strip club del luogo sono caratterizzati da una palese mediocrità. Il serial stesso, nell’ottavo episodio, provvede a farci conoscere la filosofia di vita del protagonista che utilizza come paravento dei suoi comportamenti. E’ seduto al tavolo di un bar assieme all’amico Bruce che cerca di consolarlo perché Wendy, incinta, ha perso il bambino in un incidente d’auto. “Non puoi incolparti di ciò che è successo: tutto accade per un motivo” dice Bruce. Marty non è d’accordo: “non c’è nessuno che sta scrivendo il nostro destino: le cose accadono perché la gente fa delle scelte, compiamo degli atti che producono fatti. E questo crea un effetto valanga. Poi altre persone prendono decisioni e il ciclo continua, la valanga prosegue.  E quando gli eventi della vita non dipendono dalle azioni delle persone, come quando un bambino di 5 anni muore di tumore, non puoi dire a quelle famiglie, che tutto accade per una ragione.  Noi decidiamo cosa far succedere e poi strisciamo in un buco a morire “. Marty avrebbe potuto liberamente fare scelte opposte, ribaltare la scala dei valori e puntare sugli affetti familiari e sulla solidarietà verso gli altri; cercare cosa ci accomuna come esseri umani piuttosto che vederci  come tante monadi isolate che pensano al proprio interesse e che collidono, rimbalzano fra loro secondo un rigido determinismo.

Autore: Franco Olearo


Share |