PARASITE

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Gisaengchung
Paese: Corea del Sud
Anno: 2019
Regia: Bong Joon-ho
Sceneggiatura: Bong Joon-ho
Durata: Barunsun E&A
Interpreti: Song Kang-ho, Lee Sun-kyun, Cho Yeo-jeong, Choi Woo-shik

La famiglia Kim (padre, madre, una figlia, un figlio) vive di sussidi di disoccupazione, saltuari lavoretti e abita in un umido seminterrato. Il figlio Ki-woo ha però un piano; stampando documenti falsi, riesce a farsi assumere come tutore in inglese dell’adolescente Da-hye, figlia maggiore dell’agiata famiglia Park. La giovane signora Park appare molto alla mano e ingenua e così Ki-woo sviluppa un nuovo piano: con degli stratagemmi riesce a far passare per maestra di disegno sua sorella Ki-jung che può così intrattenere il piccolo e ipercinetico Da-song Park. Infine con metodi truffaldini, riesce a far licenziare l’autista e la domestica tuttofare, per far assumere rispettivamente suo padre e sua madre, senza però mai denunciare i legami di parentela che esistono fra di loro. L’inganno sembra perfetto ma qualcosa di imprevisto accade....

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Chi, per cercar un lavoro usa l’inganno ai danni di persone povere come loro e chi immerso nel benessere, resta in balia del consumismo più futile
Pubblico 
Adolescenti
Alcune scene violente, una sequenza sensuale senza nudità
Giudizio Artistico 
 
Il regista mostra grande padronanza del mezzo cinematografico, riuscendo a passare dalla commedia alla satira alla tragedia con un’ottima messa in scena. Ma il meccanismo narrativo, ben oliato, non mette in evidenza i risvolti umani

Dal Giappone era già arrivato di recente il ritratto di una famiglia molto povera ma ben affiatata, che viveva di furti e di altri sgradevoli espedienti : Un affare di famiglia di Hirokazu Kore-Eda, vincitore a Cannes nel 2018. Ora, dalla Corea, vincitore allo stesso festival, nel 2019, arriva un’altra famiglia fortemente unita che vive in un misero seminterrato pieno di scarafaggi ma molto abile nel falsificare documenti, orchestare truffe per riuscire a  trovare un lavoro regolarmente pagato. Se  Hirokazu Kore-Eda raccontava i fatti con realismo, in questo film di  Bong Joon-ho è il tono della satira a prevalere sopratutto all’inizio, giocato sul forte contrasto sociale fra la famiglia Kim, che vive nel caos dei colorati bassifondi di Seul, impegnata sopratutto a sbarcare il lunario e la famigia Park, che abita in una casa fatta di ampi spazi, interni con mura uniformemente grigie, secondo le moderne tendenze di  un’architettura essenziale, occupata solo a inseguire  le curiosità dell’ultimo lusso. La prima parte del film, quando seguiamo la famiglia Kim che moltiplica le sue arguzie per compiere la sua scalata sociale, è divertente e brillante ma si innesca ben presto una spirale negativa che sembra inarrestaile: per raggingere i suoi obiettivi, i Kim debbono orchestare crudeli menzogne contro l’autista e la governante, sfruttando l’insensibiltà umana dei coniugi Park. Si tratta di una spirale in discesa che non si arresta più e l’armonia della costruzione si spezza progressivamente fino al caos più incontrollato e alla violenza splatter.  

Alla fine delle più di due ore del film, si ammira la perfetta padronanza della narrazione di Bong Joon-ho, capace di passare con disinvoltura dalla satira alla commedia alla tragedia, con momenti veramente spassosi, ma si tratta pur sempre di un meccanismo. Sopratutto nella scena finale, dove tutto precipita e c’è un eccesso di violenza, ci appare chiaro che l’autore, più che esser interessato a farci conoscere l’evoluzione umana dei personaggi coinvolti, si è impegnato a costruire un castello di Lego, salvo poi divertirsi a distruggerlo. Quasi un finale simbolico per quella società cinica e materialista che ha voluto rappresentare.

Per questo motivo abbiamo apprezzato di più l’altro recente film coreano, Burning – L’amore brucia che si concentrava sull’evoluzione dei personaggi e aveva dei sinceri momenti di crepuscolare malinconia.

Autore: Franco Olearo


Share |