IN GUERRA PER AMORE

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: In guerra per amore
Paese: ITALIA
Anno: 2016
Regia: Pif (Pierfrancesco Diliberto)
Sceneggiatura: Michele Astori, Pierfrancesco Diliberto, Marco Martani
Produzione: WILDSIDE, CON RAI CINEMA
Durata: 99
Interpreti: Pif (Pierfrancesco Diliberto), Andrea Di Stefano, Miriam Leone, Sergio Vespertino, Maurizio Bologna,Stella Egitto

Arturo Giammarresi, cameriere in un ristorante italiano di New York nel 1943, sogna di sposare la bella conterranea Flora, ma il di lei padre ha altre mire: farla sposare con il figlio di un boss locale, in “amicizia” con Lucky Luciano. L'unico modo per ottenere la mano di Flora è quello di chiederla direttamente al padre della ragazza, che vive in Sicilia. Al giovane non resta che andare in guerra per amore e si arruola nell’Esercito americano che sta per sbarcare nell’isola. Arturo riesce ad arrivare a Crisafulli, il paese del padre di Flora e, troppo impegnato a risolvere i suoi problemi di cuore, non si accorge di ciò che sta accadendo intorno a lui: l’esercito americano riesce ad avanzare senza molte perdite umane in base ad accordi pattuiti con la mafia locale grazie alla mediazione di Lucky Luciano. Un accordo che prevede anche la scarcerazione di molti mafiosi....

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Pif ci trasmette tutto il suo amore per la terra siciliana esprimendo un profondo rammarico per quegli avvenimenti che ridiedero potere e giustificazione legale alle azioni della mafia
Pubblico 
Tutti
Giudizio Artistico 
 
Buona prova di molti degli attori coinvolti ma il racconto procede in modo discontinuo fra sketch, racconti favolistici e un eccesso di semplificazione di fronte a fatti realmente accaduti

Dopo il successo del suo primo film, La mafia uccide solo d’estate,  Pierfrancesco Diliberto, in arte PIF, continua  a parlare della sua Sicilia usando  ancora il formato della docu-commedia. Un modo per esprimere la sincera tensione civile dell’autore in favore di un impegno più deciso contro la mafia, mediato attraverso uno stile lieve e ironico.

Se nel primo le azioni criminose della malavita era filtrate attraverso lo sguardo innocente del bambino Arturo, novello Candide, ora è il turno del cameriere Arturo che, troppo ingenuo e impegnato a portare a compimento il suo romanzo d’amore, prende coscienza molto lentamente  degli eventi di portata storica che si stanno svolgendo sotto i suoi occhi: una sorta di Forrest Gump italiano.

Se nel precedente lavoro, Pif mostrava il suo volto serio nel finale, quando l’Arturo ormai adulto mostrava a suo figlio i luoghi dove sono caduti Falcone, Borsellino e il generale Dalla Chiesa, allo stesso modo questo film si conclude rivelando il collegamento con quella realtà che ha sorretto le fila di tutto il racconto: il rapporto del capitano W. E. Scotten consegnato nel ’43 al generale Holmes, capo delle operazioni al Sud (nel film si immagina che venga consegnato al Presidente). In esso c’è la conferma documentata che l’Esercito considerò la mafia un interlocutore valido, utile  per facilitare la penetrazione in Sicilia.

La prima percezione che si coglie nel vedere questo film è quella di un lavoro discontinuo, con un’alternanza di alti e bassi. Particolarmente riuscita la coppia del cieco e dello zoppo, (Saro e Mimmo) che si aiutano a vicenda in quei momenti difficili, mentre appare poco più di una favoletta il racconto dei tentativi di Flora per ritardare il matrimonio con il pretendente indesiderato, una specie di Penenlope moderna. Un personaggio incompiuto, perché poco amalgamato con il resto del racconto è quello di Teresa, un donna che con suo figlio attende invano che torni il marito dalla guerra. Al contraio è molto bella (la migliore interpretazione del film, quella di Andrea di Stefano) la figura del capitano Philip, che sarà colui che scriverà la letttera di protesta al Presidente.

Rispetto al film precedente, lo sdegno  civile che Pif vuole innescare risulta attenuato dal contesto a cui fa rifeimento. Se in  La mafia uccide solo d’estate l’appello era rivolto ai suoi conterranei con il nobile obiettivo di tener alte le difese contro la delinquenza organizzata, l’accusa contro le scelte degli Stati Uniti fatte all’epoca della Seconda Guerra Mondiale  risulta meno convincente. La guerra ha le sue priorità anche se possono risultare odiose. Come viene chiarito anche nel film, ogni iniziativa volta a ridurre le perdite fra i soldati americani, inclusa quella di stabilire un accordo con la mafia, aveva trovato la sua giustificazione. Il film sintetizza anche gli eventi successivi alla guerra mostrando un boss mafioso intento a tenere  un comizio politico. Una sequenza breve, che non trova il tempo per approfondire le motivazioni del nuovo “accreditamento” della mafia, vista ora come un mezzo per contenere l’avanzata del partito comunista nell’isola.

Autore: Franco Olearo


Share |