GODS OF EGYPT

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Gods of Egypt
Paese: USA
Anno: 2016
Regia: Alex Proyas
Sceneggiatura: Matt Sazama e Burck Sharpless
Produzione: THUNDER ROAD PICTURES, MYSTERY CLOCK CINEMA, SUMMIT ENTERTAINMENT
Durata: 127
Interpreti: Nikolaj Coster-Waldau, Gerard Butler, Brenton Thwaites, Goffrey Rush, Elodie Young, Rufus Sewell

In un’epoca antica, in cui gli dei vivono sulla terra governando gli uomini (da cui si distinguono per la maggiore statura e gli straordinari poteri, oltre che per la longevità), dopo il pacifico regno di Osiride, in Egitto sta per essere incoronato suo successore il valente Horus, signore dell’aria. Seth, però, signore del deserto, ha altri piani e, dopo aver assassinato il fratello Osiride, priva Horus dei suoi occhi e dei suoi poteri e stabilisce sul paese un governo crudele. Sarà Beck, un giovane ladro spinto dall’amore per la dolce Zaya, a sconvolgere i terribili piani di Seth e ad aiutare Horus a riprendere il suo posto salvando il mondo dalla distruzione.

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Uno spunto sull’amore come sacrificio dà un minimo di consistenza ai personaggi e alle loro avventure
Pubblico 
Adolescenti
Alcune scene di violenza e sensuali.
Giudizio Artistico 
 
Un’operazione che prende senza vergogna la strada del fumettone avventuroso per conquistare un pubblico di adolescenti e giovani maschi che apprezzeranno combattimenti e ricostruzioni in CGI.

Più che Gods of Egypt verrebbe da dire Gods of Hollywood; il film di Alex Proyas, già ampiamente criticato per il cast fin troppo “bianco”, riserva un trattamento choc alla descrizione e alla gestione del pantheon delle divinità egiziane a uso e consumo di una narrazione action che si giova di spettacolari scene di battaglia e di sequenze di fuga che sembrano uscire direttamente da un videogioco.

Le trasformazioni da esseri umani (per quanto extralarge) a guerrieri corazzati con testa di animale (secondo l’iconografia delle divinità egiziane) sembra mutuare più l’immaginario degli spettatori del cartone animato giapponese dei Cavalieri dello Zodiaco o quello degli dei nordici in versione Marvel di Thor piuttosto che omaggiare il passato, così come le avventure dei protagonisti si muovono più tra trappole stile La Mummia che nel senso di un classico “viaggio dell’eroe”.

Una prima parte sovraccarica (e non a caso accompagnata da un’invadente voce fuori campo che cerca di compensare alcune forzature di racconto) conduce lo spettatore in una vicenda che grazie anche a robuste iniezioni di buddy comedy (con la coppia improbabile di un ladro che non crede negli dei e di un dio, Horus, che pensa solo alla vendetta e non alle sue responsabilità) a poco a poco riesce a coinvolgere e a far dimenticare le numerose incongruenze.

Il cast di star (a partire da Gerard Butler, che poco o nulla ha di egiziano, ma che per contro ha un curriculum notevole in fatto di action, in costume e non, da 300 al più recente Attacco al potere), per quanto improbabile in terra di Piramidi, finisce in fondo per dare coerenza a un’operazione che prende senza vergogna la strada del fumettone avventuroso per conquistare un pubblico di adolescenti e giovani maschi che apprezzeranno combattimenti e ricostruzioni in CGI.

Qua e là emerge anche qualche tema interessante (il confronto tra Beck, che ha ben poca fiducia negli dei, e la sua fidanzata Zaya, che invece ha una forma di fede; l’idea di un dio supremo, Ra, con un progetto “buono” per ognuno dei suoi figli; lo spunto sull’amore come sacrificio…) che benché risulti ovviamente spurio rispetto alla cultura a cui fa a parole riferimento (le divinità egiziane nulla avevano della misericordia e provvidenza del Dio cristiano), dà un minimo di consistenza ai personaggi e alle loro avventure.

Si tratta dunque di un intrattenimento leggero e ad alto budget che potrà essere goduto nella misura in cui non si cerchi di dargli una profondità che i suoi autori sono i primi ad aver voluto evitare.

Autore: Luisa Cotta Ramosino


Share |