QUANTUM OF SOLACE

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Quantum of Solace
Paese: Gran Bretagna
Anno: 2008
Regia: Marc Foster
Sceneggiatura: Paul Haggis, Neal Purvis e Robert Wade
Produzione: Eon Pruduction/Sony Pictures
Durata: 106'
Interpreti: Daniel Craig, Olga Kurylenko, Giancarlo Giannini

Ferito dal tradimento e dalla morte di Vesper Lynd, Bond è alla caccia dei capi dell’organizzazione che la ricattava, un’organizzazione che si rivela tanto potente da mettere a rischio perfino la vita di M. Seguendo una labile traccia Bond vola in Bolivia, dove, con l’aiuto della bella e misteriosa Camille – impegnata in una vendetta personale- tenta di contrastare i piani del misterioso Mr.Green. Ma il Quantum, oscura organizzazione a cui si riferisce Green, allunga i suoi tentacoli anche nei servizi segreti di molti Paesi e Bond dovrà rischiare più volte la sua vita per neutralizzare un colpo di Stato, eliminare, almeno provvisoriamente, i suoi avversari e ottenere la sua vendetta.

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
l film resta avvitato intorno al tema della vendetta in un’ambiguità morale trattata con colpevole superficialità
Pubblico 
Adolescenti
Numerose scene di violenza
Giudizio Artistico 
 
I continui cambiamenti di location , le belle donne, la presenza di un attore di peso come Mathieu Amalric non riescono a compensare la carenza nell’approfondimento dei caratteri: resta solo un racconto meccanico e deludente

Con il precedente Casino Royale la serie spionistica più famosa del cinema era riuscita nella difficile impresa di rinnovarsi recuperando i punti forti del suo concept (un protagonista forte e spregiudicato, l’unione di azione e umorismo, location spettacolari) aggiungendo al contempo un approfondimento dei personaggi che rappresentava un notevole valore aggiunto alla pellicola.

Purtroppo, questo nuovo film, che di Casino Royale  rappresenterebbe un ideale seguito (una novità nel franchise di Bond) , nonostante porti ancora la firma di Paul Haggis (ottimo sceneggiatore di Million Dollar Baby, Nella valle di Elah e Crash) rappresenta un passo indietro.

Avvitato intorno al tema della vendetta, che per altro viene declinato attraverso dialoghi non ben amalgamati al racconto e il parallelo un po’ forzato con la vicenda della Bond girl Camille, il film si aggrappa per l’intreccio a multipli riferimenti ai tanti temi dolenti della contemporaneità (invadenza degli Usa nella politica mondiale, sfruttamento delle risorse energetiche, multinazionali che minacciano il pianeta) senza riuscire a costruire una linea di racconto veramente coinvolgente.

Non bastano i continui cambiamenti di location da una parte all’altra del globo, lo sfoggio di spietate azioni punitive e belle donne, la presenza di un attore di peso come Mathieu Amalric a compensare la carenza nell’approfondimento dei caratteri. Resta così solo un racconto meccanico e deludente, reso ancora più discutibile dall’indulgenza in un’ambiguità morale trattata con colpevole superficialità.

Autore: Franco Olearo


Share |