BREAKING BAD - REAZIONI COLLATERALI

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Breaking Bad
Paese: USA
Anno: 2008
Sceneggiatura: Vince Gilligan, Mark Johnson, Michelle MacLaren
Produzione: High Bridge Entertainment Gran Via Productions Sony Pictures Television
Durata: Rai4 dal 4 ottobre 2010 al 30 ottobre 2014
Interpreti: Bryan Cranston, Aaron Paul, Anna Gunn, Dean Norris

Un insegnante di chimica appena cinquantenne, scopre di avere un cancro ai polmoni in stato avanzato. Si chiama Walter White, è sposato, ha una bella moglie e un figlio handicappato. E’ una persona per bene, possiede quelle virtù borghesi che lo mostrano come un padre affettuoso e un marito fedele. Ma la notizia della sua malattia, che si manifesta in concomitanza con la seconda gravidanza della moglie, sconvolge completamente i suoi parametri morali. Infatti decide di sfruttare la sua conoscenza della chimica per produrre cristalli di metanfetamina, aiutato da un suo ex-studente, Jesse Pinkman, produttore e spacciatore di quella sostanza. Walter ruba gli strumenti necessari dal laboratorio e compra un camper che diviene il loro primo laboratorio. Ma i due spacciatori ai quali si rivolge Jesse tentano di ucciderli così Walt commette il suo primo, raccapricciante omicidio che, in un primo momento sembra portarlo a decidere di smettere...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
L’etica si fa “etica nomade”, espressione che oggi viene usata per affermare che il bene o il male dipendono dalle circostanze e non sono valori assoluti. La coscienza è frutto di condizionamenti sociali e non esprime le esigenze profonde della nostra umanità. La legge diventa una linea labile
Pubblico 
Maggiorenni
Storia moralmente ambigua. Scene di violenza anche efferata, uso di droghe, turpiloquo. Alcune scene sensuali
Giudizio Artistico 
 
La serie, che ha conosciuto già cinque stagioni, ha ricevuto premi prestigiosi come cinque Emmy.Awards ed la Writers Guild of America l’ha giudicata tredicesima fra le serie meglio scritte di tutti i tempi

Un insegnante di chimica appena cinquantenne, scopre di avere un cancro ai polmoni in stato avanzato. Si chiama Walter White, è sposato, ha una bella moglie e un figlio handicappato. E’ una persona per bene, possiede quelle virtù borghesi che lo mostrano come un padre affettuoso e un marito fedele. Ma la notizia della sua malattia, che si manifesta in concomitanza con la seconda gravidanza della moglie, sconvolge completamente i suoi parametri morali. Infatti decide di sfruttare la sua conoscenza della chimica per produrre cristalli di metanfetamina, aiutato da un suo ex-studente, Jesse Pinkman, produttore e spacciatore di quella sostanza. Walter ruba gli strumenti necessari dal laboratorio e compra un camper che diviene il loro primo laboratorio. Ma i due spacciatori ai quali si rivolge Jesse tentano di ucciderli così Walt commette il suo primo, raccapricciante omicidio che, in un primo momento sembra portarlo a decidere di smettere.

Questo l’antefatto che dà vita a una lunghissima serie che ha conosciuto già ben cinque stagioni e ha ricevuto premi prestigiosi come cinque Emmy. Usando le parole di Amleto di Shakespeare, “la coscienza rende l’uomo vile”, individuiamo uno dei sottotesti più forti della serie. Walt vive il suo breaking bad, espressione che nello slang del sud est americano significa “rompendo le regole, andando contro l’autorità”, nel momento in cui scopre di essere malato e senza mezzi economici. Diventa un criminale, (come può definirsi altrimenti una persona che produce droghe pesanti?), ma crea empatia, non è un cattivo ripugnante, lo comprendiamo, parteggiamo per lui quando la legge diventa un ostacolo per il raggiungimento dei suoi obiettivi, perché è malato, perché ha un figlio handicappato, perché la società non ha valorizzato il suo talento relegandolo in una scuola superiore di una sperduta cittadina del New Messico, perché la sua assicurazione sanitaria non è in grado di coprire le spese per la cura. Walter somiglia a molti di noi, è questa una chiave di interpretazione del suo successo.

La legge diventa una linea labile, quello che oggi non è legale domani lo sarà, come gli alcolici e i sigari cubani che fuma Hanks, il cognato. Si dimentica che la vita umana non è un sigaro cubano o una bottiglia di whisky. L’etica naturale, quella condivisibile da tutti perché iscritta nella nostra umanità, crolla come un castello di carte, si fa “etica nomade”, espressione che oggi viene usata per affermare che il bene o il male dipendono dalle circostanze e non sono valori assoluti. Sconcertante è riconoscere che un vasto pubblico mondiale abbia “eletto” questa serie come una tra le preferite.

“Breaking bad” è l’espressione di una crisi profonda soprattutto morale della società occidentale, una crisi che non indica più dove risiede il male per combatterlo anche in favore dei più deboli, ma che porta a individuare in Walter un personaggio che compie una sorta di redenzione liberandosi dalla legge di Dio e degli uomini, liberandosi dalla coscienza. Se si empatizza si ammira, e questo sembra il dato più triste, come se il bene non fosse liberante, come se la libertà e la coscienza fossero due termini antitetici, come se la coscienza fosse frutto di condizionamenti sociali e non esprimesse le esigenze profonde della nostra umanità.

Tuttavia la serie cade poi in contraddizione, perché dopo un atteggiamento da super uomo, che rifiuta affetto e solidarietà dai parenti e dagli amici, Walt è costretto a continuare a cucinare metanfetamina se non vuole morire. E’ considerato, per il suo talento, una autentica pepita d’oro, e, sebbene le leggi spietate degli spacciatori lo vorrebbero già morto per una serie di sgarbi di cui si è reso colpevole, sopravvive. Aspettiamo il finale di questa serie costruita con mani molto esperte, ma che finisce con il ridurre l’uomo a niente più di un personaggio dei videogames dove la sospensione del giudizio morale è d’obbligo, dove la pietas risulta ridicola. Walter non è un vile perché si è liberato dalla coscienza, per parafrasare la citazione shakesperiana. Saul Goodman, il cinico avvocato a cui Walter si rivolge, darà vita, a quanto pare, a uno spin off della serie. 

Per gentile concessione di Istantv
 

Autore: Alessandra Caneva


Share |