IL VOLTO DI UN'ALTRA

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: Il volto di un'altra
Paese: ITALIA
Anno: 2011
Regia: Pappi Corsicato
Sceneggiatura: Monica Rametta, Gianni Romoli e Pappi Corsicato, con la collaborazione di Daniele Orlando
Produzione: R&C Produzioni, in collaborazione con Rai Cinema
Durata: 84
Interpreti: : Laura Chiatti, Alessandro Preziosi, Lino Guanciale, Iaia Forte

Bella, la conduttrice di un reality televisivo in crisi di ascolti, ottiene il ben servito dalla rete. “La tua faccia ha stancato”, le dicono i dirigenti, mandandola su tutte le furie. Ha poco da stare allegro anche René, l’altra star dello show, un chirurgo estetico che opera in diretta pazienti vetuste o con il naso aquilino, pronte a spendere ingenti cifre per farsi rifare i connotati. Bella e René, infatti, sono sposati e l’estromissione della donna dalla trasmissione va a pesare sul ménage familiare dei due. Quasi provvidenziale, dal loro punto di vista, che un incidente in macchina ferisca la donna al viso. René, marito premuroso e bravo medico, la rimette in sesto ma si fa venire un’idea: se si facesse credere a tutti che Bella sia rimasta orribilmente sfigurata, si potrebbe truffare l’assicurazione per dieci milioni di euro. E magari organizzare una diretta televisiva sull’intervento chirurgico dell’anno. Funzionerà la mascherata?

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Il film ha a forma di un apologo, in cui viene punito solo chi se lo merita ed esiste il riscatto per chi si redime
Pubblico 
Pre-adolescenti
Ccenni di turpiloquio, lieve tensione psicologica
Giudizio Artistico 
 
Il regista ha talento per la confezione e, insieme agli sceneggiatori propone diverse trovate geniali. La sceneggiatura però non si preoccupa di consolidare i personaggi, lasciando che vezzi e manierismi registici e una molto buona direzione d’attori, facciano il grosso del lavoro

Cinica e grottesca commedia nera di Pappi Corsicato, regista cinefilo, autore di cortometraggi e documentari, che quando si è cimentato con il cinema l’ha sempre fatto rimestando nel torbido con una vena surreale di alleggerimento e un talento visivo mai passato inosservato. Qui, saccheggiando una mezza dozzina di generi cinematografici, intavola una storia di gelosie, truffe, ricatti e avidità, sullo sfondo di una scintillante clinica di chirurgia estetica sulle Dolomiti. Finiscono nel mirino, con una certa prevedibilità, gli idoli della società dell’apparenza, gli stregoni del bisturi, il “grande carnevale” dei mass media, il popolo bue pronto ad applaudire qualunque orrore o trivialità spacciati dalla televisione e – ti pareva – la Chiesa, qui interpretata da una suora teutonica pronta alle azioni più turpi per bramosia di denaro (interpretata dalla bravissima Iaia Forte e memore di tanti personaggi, dalla “Fratello diesel” di Alta tensione di Mel Brooks alla capo-infermiera di Qualcuno volò sul nido del cuculo, ma abbigliata come in un film di Fellini). Meno banale è la critica delle classi sociali più povere, da un operaio capopopolo bravo a riempirsi la bocca di retorica marxista, ma pronto a usare le stesse armi dei ricchi, da lui invidiati (e con cui condividerà la sorte, in un punitivo e catartico lavacro di liquami fognari), per raggiungere gli stessi fini.

Un film programmaticamente sgradevole, fatto non male, che non difetta neanche di una tensione etica (più un apologo, che una tragedia, in cui viene punito solo chi se lo merita ed esiste il riscatto per chi si redime) ma che non si saprebbe bene a chi consigliare. Un film con molti guizzi, che sembra però avere il fiato corto proprio quando ci si aspetterebbe dalla storia un colpo di coda. Il regista ha talento per la confezione e, insieme agli sceneggiatori (tra cui Gianni Romoli, che ha scritto la maggior parte dei film di Özpetek), propone diverse trovate geniali (anche se di ognuna – come per esempio la scena del coro dei ventriloqui – bisognerebbe verificare che non si tratti di una citazione da altri film). La sceneggiatura, però, si fida troppo delle (giuste) randellate contro i “nuovi mostri” della società contemporanea e non si preoccupa di consolidare i personaggi, lasciando che vezzi e manierismi registici, e una molto buona direzione d’attori, facciano il grosso del lavoro. Non ci si annoia, certo, e la durata inferiore all’ora e mezza è da applaudire per un film cui qualche intuizione non impedisce di avvitarsi su se stesso e risultare, in fin dei conti, un po’ inconcludente e tutt’altro che memorabile.

Autore: Raffaele Chiarulli


Share |