OGGI SPOSI

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: OGGI SPOSI
Paese: Italia
Anno: 2009
Regia: Luca Lucini
Sceneggiatura: Fabio Bonifacci, Fausto Brizzi, Marco Martani
Produzione: Riccardo Tozzi, Marco Chimenez, Giovanni stabilini per Cattleya
Durata: 118'
Interpreti: Luca Argentero, Moran Atias, Dario Bandiera, Carola Crescentini, Francesco Montanari, Filippo Nigro, Gabriella Pession, Michele Placido, Renato Pozzetto, Lunetta Savino, Hassani Shapi

Quattro coppie di fidanzati decisi a sposarsi ma tutti con qualche problema da superare: Nicola, di mestiere commissario di polizia, vuole sposare la bella figlia dell'ambasciatore indiano, ma deve vedersela con il padre pugliese, un  rozzo campagnolo (Michele Placido); Salvatore e Chiara lavorano in un ristorante come precari, sono senza soldi e vorrebbero celebrare un matrimonio molto semplice, ma tutti i parenti che verranno dalla Sicilia credono che Salvatore abbia fatto fortuna; il finanziere truffaldino Attilio ha deciso di fare un matrimonio di pura facciata con la soubrette Sabrina per rilanciare le sue malferme società; l'austero pubblico ministero Fabio scopre che la giovane Giada che sta per sposare per puro interesse suo padre, ha un certo fascino...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Alla fine gli sposi (quelli che si amano veramente) vivranno felici e contenti. Rapporti solidali fra genitori e figli. Peccato che la storia si adegua a certi comportamenti correnti, come la convivenza prematrimoniale e l'equivalenza di una coppia omosessuale con i giovani in procinto di sposarsi
Pubblico 
Maggiorenni
Linguaggio scurrile; situazioni volgari ma non al livello del genere "Vacanze di Natale a..."
Giudizio Artistico 
 
Un prodotto industriale di discreta fattura con validi protagonisti; innesca meccanismi elementari ma con una sua certa energia comica

Le  situazioni ingarbugliate nelle quali si trovano invischiati gli otto promessi sposi non sono affatto originali, i meccanismi per i quali  si innescano  le situazioni  comiche sono state già esplorate: il giovane timido che non ha mai conosciuto l'amore; la soubrette che fa l'ochetta e che se la intende con il finanziere sull'orlo del fallimento; il figlio che finisce per invaghirsi della giovane fidanzata del padre;  lo scontro fra culture molto diverse, come quella sofisticata dell'ambasciatore dell' India e il rozzo agricoltore pugliese; bisogna riconoscere però che il film, nonostante tutto si sviluppa con un brio sostenuto e qualche risata, nonostante le diffuse volgarità verbali, non si riesce a trattenere.
Ciò è merito della bravura degli attori nel costruire personaggi-caricatura: Michele Placido in una parte a lui congeniale, quella del padre pugliese rozzo, irascibile ma di buon cuore; Luca Argentero, ormai a suo completo agio nelle commedie; Filippo Nigro, questa volta con tanto di parrucca, nelle parti di un pedante e  scrupoloso pubblico ministero; Gabriella Pession che si deve esser documentata molto su Paris Hilton, è  una soubrette isterica e ambiziosa.

Il film mostra bene come  le "coppie vere", quelle realmente innamorate (Nicola e Alopa, la ragazza indiana e Salvatore e Chiara, i due ristoratori),  anche quando litigano, riescono a far valere le ragioni del proprio amore e a chiedersi scusa reciprocamente. 
Anche  i rapporti tesi con i rispettivi genitori vengono risolti dopo franchi colloqui chiarificatori in nome dell'affetto che li lega.

In sostanza un prodotto industriale di discreta qualità che sarebbe ingiusto paragonare alla categoria comica di "Vacanze di Natale a.."anche perché evita pesanti doppi sensi e situazioni volgari.

La  sceneggiatura però non fa nulla per dire qualcosa di originale e finisce per adeguarsi ai comportamenti ritenuti più correnti: ci si riferisce alla pratica diffusa della convivenza prematrimoniale e non manca il "doveroso" inserimento della storia di una coppia omosessuale posta in parallelo a quella dei giovani in procinto di sposarsi

Autore: Franco Olearo


Share |