AMABILI RESTI

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
Titolo Originale: The Lonely Bones
Paese: USA
Anno: 2009
Regia: Peter Jackson
Sceneggiatura: Fran Walsh, Philippa Boyens e Peter Jackson dal romanzo di Alice Seabold
Produzione: Stephen Spielberg e Peter Jackson per Wignut Films/Dreamworks Pictures/Film Four
Durata: 135'
Interpreti: Saoirse Ronan, Mark Wahlberg, Rachel Weisz, Susan Sarandon, Stanley Tucci

Susie Salmon ha solo 14 anni quando viene rapita e assassinata da un vicino di casa che nasconde un passato oscuro. Mentre la sua famiglia straziata dal dolore combatte per trovare una ragione a quanto è accaduto, Susie, sospesa in una condizione intermedia tra la Terra e l’Aldilà, deve compiere un percorso per riuscire a dire addio ad una vita che le è stata strappata troppo presto.

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Bella rappresentazione della famiglia di Susie, piena di calore e unità (finchè lei è viva) ma il film non riesce ad affrontare con serietà la questione dell’esistenza o meno di un Aldilà
Pubblico 
Adolescenti
Alcune scene di forte tensione e violenza.
Giudizio Artistico 
 
L’insieme fa sì che il film mostri una cerca discontinuità, alternando momenti di intensa emozione e coinvolgimento a passaggi ai quali è quasi più facile riconoscere un valore “pittorico” piuttosto che una reale necessità narrativa.

Adattamento di uno struggente romanzo di Alice Seabold, il nuovo film di Peter Jackson (affiancato dall’ormai consolidata squadra di sceneggiatori con cui ha lavorato sulla saga del Signore degli anelli) tenta di riprodurre il doppio binario su cui si muove il testo di partenza: da una parte raccontare il lutto della famiglia di Susie, dall’altra la vita sospesa della ragazzina assassinata, incapace di staccarsi dal suo mondo e dai suoi cari.

Le scene che riguardano la famiglia Salmon prima del delitto (esempio di calore e unità tra i suoi membri a dispetto dei piccoli scontri di ogni giorno) e dopo di esso (quando il dolore sembra troppo forte da affrontare e rischia di creare fratture insanabili) sono capaci di catturare profondamente lo spettatore con alcuni profondi accenti di verità e la pietà da cui sono avvolti i vari personaggi.

Non si può dire la stessa cosa delle scene destinate a visualizzare la condizione spirituale (?) di Susie, sospesa in un limbo, ma affacciata da una parte sul suo vecchio mondo (con i suoi cari e il ragazzo che amava, ma anche il suo ignobile assassino), dall’altra su un paradiso che, purtroppo, ha i connotati di una fantasia un po’ troppo kitsch in cui prevale l’esibizione delle ricostruzioni CGI che hanno fatto la fortuna della Wignut Films di Jackson.

Riflesso probabilmente della difficoltà di affrontare davvero e con serietà la questione dell’esistenza o meno di un Aldilà (non è un caso che di Susie non si celebri mai un funerale e non certo solo per la mancanza di un corpo…), la scelta narrativa di Jackson finisce per penalizzare una pellicola che vive i suoi momenti più coinvolgenti quando resta attaccata alla verità dei legami familiari o quando fa vivere la profondità di essi attraverso la nostalgia vissuta da Susie (raccontata meglio nel romanzo della Seabold, ma comunque ben presente anche qui), mentre diventa deludente e a tratti perfino noiosa nel tripudio delle immagini oniriche che occupano un buon terzo del film.

L’aspetto più interessante della storia, comunque, non è nemmeno quello che riguarda la scoperta dell’identità del colpevole (uno Stanley Tucci purtroppo sopra le righe), che è giustamente presentata come non necessaria né sufficiente a dare alla famiglia Salmon l’occasione di ritrovarsi e ricominciare.

La strada interrotta dalla morte di Susie (che avviene non a caso proprio alla vigilia del suo primo bacio) viene ripresa quando ognuno a modo suo completa un percorso di elaborazione del lutto comprendendo di non poter fare a meno degli altri.

Al contrario non è chiaro come e perché a un certo punto, realizzando tutta la mostruosa portata delle azioni del suo assassino (nell’incontro con le sue precedenti vittime) e mentre il suo corpo viene metaforicamente sepolto per non essere mai ritrovato, Susie possa lasciare il suo limbo per un paradiso dai contorni piuttosto vaghi.

L’insieme fa sì che il film mostri una cerca discontinuità, alternando momenti di intensa emozione e coinvolgimento (così come altri di tensione e angoscia) a passaggi ai quali è quasi più facile riconoscere un valore “pittorico” piuttosto che una reale necessità narrativa.

Autore: Franco Olearo


Share |