IL PICCOLO NICOLAS E I SUOI GENITORI

  • strict warning: Non-static method view::load() should not be called statically in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/views.module on line 907.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_validate() should be compatible with views_handler::options_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter::options_submit() should be compatible with views_handler::options_submit($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_handler_filter_boolean_operator::value_validate() should be compatible with views_handler_filter::value_validate($form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/handlers/views_handler_filter_boolean_operator.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_validate() should be compatible with views_plugin::options_validate(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_row::options_submit() should be compatible with views_plugin::options_submit(&$form, &$form_state) in /home/fctadmin/public_html/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_row.inc on line 0.
 
Titolo Originale: Le petit Nicolas
Paese: Francia
Anno: 2009
Regia: Laurent Tirard
Sceneggiatura: Laurent Tirard, Grégoire Vigneron, Anne Goscinny, Alain Chabat
Produzione: Fidèlité Films, Imav, Wild Bunch, M6 Films, Mandarin Films, Scope Pictures
Durata: 90'
Interpreti: Maxime Godart, Valérie Lemercier, Kad Merad

Una piccola cittadina francese, inizio anni '60. Nicolas ha 8 anni, è un bambino sereno, vuol bene alla  mamma e al  papà ma anche alla maestra che è molto dolce. Poi un giorno un terribile sospetto: sta per arrivare un fratellino e a giudicare da quanto è accaduto ai suoi compagni, deve essere una esperienza terribile: rischia di venir abbandonato. Medita quindi con i suoi amici di far rapire il bimbo appena sarà nato. Intanto il padre cerca  di mettersi in mostra davanti al suo capoufficio ma inutilmente; per fortuna la moglie ha un'ottima idea: invitare il capoufficio e consorte a una cena. Ma forse l'idea non è così buona come sembra...

Valutazioni
Valori/Disvalori Educativi 
 
Il film racconta una storia ambientata alla fine degli anni '50 ma pare fuori tempo, come lo è la bellezza di una famiglia unita e la solidarietà con i compagni di scuola
Pubblico 
Tutti
Giudizio Artistico 
 
Buona ricostruzione di una cittadina francese anni '50 ed ottima caratterizzazione dei compagni di Nicolas, trattati più come personaggi di fumetti che reali

Al piccolo Nicolas viene chiesto dalla maestra di scivere un componimento: cosa voglio fare da grande? Nicolas è in imbarazzo perché non lo sa; sta tanto  bene con i suoi compagni, la maestra molto dolce, con il suo papà e la mamma ("per me la mamma ha sempre desiderato essere una mamma e io non vorrei per nulla al mondo che facesse qualcos'altro").
Conclude  pertanto  che " la mia vita è così bella che non voglio assolutamente che cambi". E' una risposta che ricorda un po' quella  che diede uno scolaretto a Giovanni Paolo I in una delle poche udienze a cui partecipò prima di morire: il papa si immaginava che il ragazzo avrebbe espresso la sua contentezza per venir promosso alle medie, per imparare sempre nuove cose; al contrario  il bimbo era timoroso per i  cambiamenti che sarebbero avvenuti: voleva continuare a stare con i suoi compagni di scuola.

Il film è la sintesi  su pellicola  di Le Petit Nicolas , una serie di racconti illustrati uscito in Francia a partire dal 1959, scritto da Renè Goscinny (sì, proprio l'autore di Asterix) e disegnato da Jean-Jacques Sempé e la grandezza di quest'opera sta proprio nella sua capacità di entrare nella psicologia e vivere nel mondo dei  bambini di 8 - 10 anni.

Si tratta di un microcosmo fatto di pochi elementi: la famiglia, la scuola con gli insegnanti, i bidelli e il preside, i compagni di scuola e gli amici. Un mondo osservato in un tempo remoto,  agli anni 50-inizi anni 60 e bene ha fatto il regista a ricostruire tutto in studio per rendere al meglio  il filtro operato dalla dolcezza dei ricordi di Goscinny.
Fa un certo effetto vedere dei bambini sempre  pettinati a lucido, con i pantaloncini, la giacchetta e la cartella sotto braccio; vengono riuniti  dal bidello nel cortile della scuola ed essi ubbidiscono, perfettamente allineati, prima di entrare in classe;  le strade di questa piccola cittadina francese  sono sempre pulite e i balconi pieni di fiori ; la mamma si prende cura della casa e sta cercando di prendere la patente; l'acquisto del primo televisore;  il piccoli/grandi problemi del papà che fatica ad avere un aumento di stipendio.

Non ha alcun senso contestare queste storie dicendo che si tratta di astrazioni da una realtà che vedeva in quegli anni importanti sconvolgimenti sociali e che la vita  non era rose e fiori per tutti.
Il testo è coerente con l'assunto: vedere il mondo attraverso gli occhi di un bambino di 8 anni. E' innegabile che nella scuola di quel tempo c'era molto più ordine e disciplina e la famiglia era ancora compatta: quella di Nicolas,  così unita e serena,  non era affatto una eccezione.
Volendo trovare un riferimento analogo in Italia in quegli stessi anni, si può citare Giovannino Guareschi, con il suo Corrierino delle  famiglia: un insieme di piccoli racconti molto divertenti di accadimenti familiari.

Sarà molto interessante scoprire se questo film, che è stato visto in Francia da milioni di persone, potrà piacere ai più piccoli: potrebbe non piacere se non riescono a superare i filtro di una ambientazione per loro troppo remota; piacerà se sapranno cogliere tutto ciò che di fuori tempo c'è nella storia:  l'amicizia con i compagni di scuola, il rapporto affettuoso con il papà e la mamma.

In fondo anche Asterix o la scuola di Harry Potter sono fuori del tempo...

Autore: Franco Olearo


Share |