Newsletter Principale

Questa newsletter contiene tutti gli indirizzi email degli iscritti.

Settimana del 2 ottobre 2016

Inviato da Franco Olearo il Gio, 09/29/2016 - 21:05

FamilyOscar

Inizia da questa settimana il sondaggio per comprendere qual è stato secondo voi, nella stagione 2015-2016, il film o la fiction TV che meglio ha trasmesso i valori della famiglia e della persona (selezione del FilmOro dell’anno). Al contempo vi chiediamo di indicarci qual è stato il film più adatto per tutta la famiglia, perché divertente per i ragazzi o particolarmente istruttivo (selezione del FilmVerde dell’anno).
Votate! Avete 4 settimane di tempo.

Indivisibili

Due ragazze unite al bacino dalla nascita, sono una fonte di guadagno per i loro familiari cantando nelle feste e nelle fiere e per questo vengono ostacolate quando decidono di volersi separare tramite un intervento chirurgico. E’ ben sviluppato il contrasto fra il degrado morale e affettivo da cui le due ragazze sono circondate e il legame interiore che le unisce, anche di più di quello fisico, e che dà loro la forza di lottare

Cafè Society

Puntuale come ogni anno, arriva nelle sale un film di Woody Allen. In questo Cafè society c’è tutto il Woody ma niente in particolare. Viene confermato il suo stile elegante, i dialoghi arguti, la nostalgia del tempo che fu, l’amore per il bello. La storia (il regista non si smentisce: una storia romantica che si poggia sul tradimento) non è invece particolarmente originale. Un film che si colloca a metà (fra quelli belli e quelli brutti) della sua vasta produzione, forse perché non ha trovato in Kristen Stewart la giusta musa che lo ispirasse, come era invece accaduto per Cate Blanchett (un Oscar) e Penelope Cruz (una nomination).

Il Regno di Wuba

Esce in DVD questo film cinese a tecnica mista (personaggi + animazione), che ha avuto un grosso successo in patria e che costituisce il primo serio tentativo cinese di realizzare un blockbuster adatto anche per il mercato internazionale.  Interessante lo spunto narrativo dell’apertura all’altro e il rispetto della sua “diversità” (soprattutto quando si tratta di un mostriciattolo) ma la presenza di frequenti scene di violenza non lo rendono adatto ai più piccoli.

Buona lettura dala Redazione di

www.familycinematv.it

 

Settimana del 22 ottobre 2012

Inviato da Franco Olearo il Ven, 10/19/2012 - 12:00

 

La votazione per FamilyOscar è terminata ed ecco il verdetto, da voi stessi stabilito:

Categoria FilmOro:

Primo: Quasi amici

Secondo: There be Dragons (Encontraras Dragones)

Terzo: Maria di Nazareth.

Categoria FilmVerde:

Primo: Hugo Cabret

Secondo: Le avventure di Tin Tin

Terzo: War Horse

Quasi amici ha stravinto quest’anno e se lo merita: la delicata ma divertente storia di un rapporto fra una persona bloccata sulla sedia a rotelle e il suo badante.

Molto significativa la seconda posizione: quella di un film che non è ancora uscito nelle sale italiane  perché nessun distributore lo ha ritenuto economicamente interessante ma che è stato visto in DVD con sottotitoli in italiano.

In terza posizione è stato dato il giusto merito  al serial della Lux Vide, molto ben fatto e ispirato.

Qualche sorpresa nella categoria FimVerdi: War Horse è apparso un film minore (ma ben fatto) che probabilmente è stato apprezzato perché esprime un sincero amore per i cavalli.

Questa settimana abbiamo dedicato la foto centrale a “I gladiatori di Roma” perché non possiamo fare il tifo per Igino Staffi che con questo lavoro prodotto in Italia (con qualche consulenza esterna) ha deciso di sfidare i giganti dell’animazione americana. I film è in effetti divertente e la grafica è di ottimo livello.

Tutti i santi giorni “ è un film del sempre nostro bravo Paolo Virzì: una giovane coppia entra in crisi nel cercare di avere un bambino. Peccato che il film presenta alcune scene di cattivo gusto collegate con la tematica della fecondazione assistita (vista criticamente) perché il racconto esalta  la forza trascinante della fedeltà.

La Redazione di

www.familycinematv.it

vi augura una buona lettura e vi ricorda che noi contiamo su un vostro sostegno generoso. Grazie.

Settimana del 16 novembre 2011

Inviato da Franco Olearo il Sab, 10/15/2011 - 20:48

Questa settimana invitiamo tutti i lettori a partecipare al FamilyOscar 2011: avete 4 settimane per indicare i vostri film preferiti nelle categorie FilmOro e FilmVerdi per la stagione 2010-2011. Votate!

"Cowboys & Aliens" è un tentativo di rinnovare il classico filone western mescolandolo con il genere sci-fiction ispirato a una nota graphic novel
ma è mancata la sinergia fra i due generi e il successo in USA è stato modesto.

Con "Amici di letto" ci troviamo già al terzo film, nel corso di quest'anno, che tratta il tema di come l'amicizia uomo-donna si può trasformare in amore ma il lavoro di di Will Gluck ha il merito di costruire con maggiore coerenza rispetto ad altri il rapporto tra i due e inserisce la loro confusione sentimentale nel contesto di relazioni familiari problematiche e non proprio banali.

"Tomboy" narra con sensibilità il momento di passaggio di una ragazza dalla fanciullezza all'adolescenza (si fa credere un maschio) ma non è privo di una certa ambiguità e il modo con cui il racconto è stato sviluppato ha finito per trasformarlo in un manifesto dell'ideologia dei gender.

Buona lettura dalla Redazione di:
www.familycinematv.it

Settimana del 2 ottobre 2011

Inviato da Franco Olearo il Dom, 10/02/2011 - 07:29

Questa settimana abbiamo posto in evidenza, nella foto grande della prima pagina "Un anno da ricordare", un interessante FilmVerde arrivato in homevideo: i film in sala di questa settimana non sono idonei per avere una tale attenzione sul nostro giornale.
"A dangerous method" che abbiamo recensito aveva delle potenzialità molto interessanti, in particolare il confronto fra i due diversi approcci alla psicoanalisi di Freud e Jung ma la realizzazione mostra una certa freddezza stilistica è la storia si concentra sul rapporto masochistico fra Jung e una sua paziente.
Non abbiamo recensito "Drive" che ha vinto il premio alla miglior regia all'ultimo Festival di Cannes perché pervaso di una violenza efferata quanto ingiustificata (un implicito compiacimento): il film è stato vietato ai minori di diciotto anni in Gran Bretagna, Canada, Irlanda, restricted ai 17 in USA. In italia è stato vietato ai minori di 14 anni.
Ungualmente non abbiamo pubblicato la recensione di "La pelle che abito", l'ultimo film di Pedro Almodovar: una storia poco credibile di sadismo e perversione, violenza e malessere esistenziale.
Buona lettura dalla Redazione di
www.familycinematv.it

Settimana del 21 gennaio 2108

Inviato da Franco Olearo il Gio, 01/18/2018 - 09:00

Cruxman – FilmVerde

La GPG Film, questa casa di produzione della Brianza di chiara ispirazione cattolica, è arrivata felicemente al quinto film. Questa volta prova ad attirare i giovani proprio con ciò che può loro affascinare di più: il mondo dei supereroi. Lo fa con ironia e divertimento ma trasmettendo un messaggio chiaro: ognuno di noi può diventare un supereroe lottando sempre per ciò che è giusto e buono.

L’ora più buia

Sono molti gli aspetti positivi di questo film. L’interpretazione straordinaria di Gary Oldman (prossimo Oscar?) nei panni di Churchill, affiancato dal solito manipolo di bravissimi attori britannici e la regia di Joe Wright, sempre alla ricerca di inquadrature d’effetto, supportato da un’ottima fotografia. Tutti strumenti utili che hanno consentito di comunicare un evidente orgoglio britannico per la dura prova superata e per aver trovato l’uomo giusto al momento giusto, all’interno delle sue secolari tradizioni.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri

In una piccola cittadina rurale di uno stato ancora un po’ razzista come il Missouri, la violenza continua ad essere l’unico metodo per farsi rispettare. Solo alcuni personaggi (due sceriffi della contea) riescono a porsi al di sopra delle parti. Il film è diretto e recitato benissimo con alcune perplessità sulla sceneggiatura. Purtroppo il film esprime una posizione a favore  dell’eutanasia.

Buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv.it

 

Settimana del 14 gennaio 2018

Inviato da Franco Olearo il Ven, 01/12/2018 - 11:44

Morto Stalin se ne fa un altro

Sono tanti gli aspetti positivi del film. La piacevolezza della scenografia, che ricostruisce meticolosamente la pomposità della Mosca anni ’30 rifacendosi alle tavole colorate della graphic novel a cui si è ispirato: La morte di Stalin, dei francesi Fabien Nury e Thierry Robin; l’accuratezza con cui sono stati ricostruiti i fatti accaduti alla morte di Stalin, la bravura di tutti i protagonisti. Può lasciare invece perplessi la forma stilistica adottata: quella di una satira cupa di quei momenti terribili. Si può usaredell'ironia e del sarcasmo su eventi così tragici?

Il ragazzo invisibile – Seconda generazione

Il regista Gabriele Salvatores sta cercando di creare la prima saga, tutta italiana, di super eroi. Il racconto, alquanto violento, potrà attirare gli affezionati della serie ma lo sviluppo risulta a tratti superficiale e sono pochi i momenti veramente indimenticabili

Tutti i soldi del mondo

Dopo la “dannatio memoriae” che ha colpito Kenin Spacey, sostituito in tutta fretta da Christopher Plummer, è arrivata anche in Italia questa ricostruzione del rapimento di John Paul Getty Junior, avvenuta in Italia nel 1973.  Il film è gestito con il solito notevole mestiere da Scott, anche se alla fine la storia fatica un po’ a coinvolgere.  Viene arricchita  con molta fantasia di risvolti che non ci sono stati e sembra che la scrittura faccia quello che può per complicarla

Romanzo familiare

“Brindiamo all’aborto!” dice la matrigna a un ricevimento, auspicando che la sua figliastra sedicenne, rimasta incinta, si decida a liberarsi del “problema”. Il padre (o presunto tale) della ragazza, ufficiale di marina che insegna alla scuola di Livorno, esclama: “Il mare è una scuola di vita!” Queste e altre amenità ci regala questo romanzo popolare in onda su RaiUno. Pazienza che una sedicenne resti incinta: ormai in ogni sceneggiato, quando c’è un’adolescente come coprotagonista, abbiamo solo la curiosità di domandarci se resterà incinta alla prima o alla seconda puntata, ma non basta perché la sceneggiatura avanza non sviluppando i personaggi ma per horror vacui: qualcosa di nuovo deve accadere continuamente. Ecco che la ragazza che credeva di essere figlia di un certo padre forse non lo è; ecco che l’amico adolescente viene arrestato per spaccio di droga.. Cos’altro può succedere? In effetti l’accademia navale di Livorno  addestra sia ufficiali uomini che donne: accadrà qualche pasticcio anche in questa autorevole sede?

Buona lettura dalla Redazione e grazie a chi ha voluto sostenerci.

www.familycinematv.it

Settimana del 7 gennaio 2018

Inviato da Franco Olearo il Ven, 01/05/2018 - 10:27

Coco – FilmVerde

La Pixar sembra non sbagliare un colpo: dopo Up e Inside Out ecco un altro capolavoro, questa volta ambientato in Messico, nel giorno della festa dei defunti (Día de los muertos). La vera forza del film sta nello spessore degli argomenti che affronta e nella sua grande intensità emotiva. La fatica di vivere secondo le proprie inclinazioni, il senso di essere una famiglia, il vuoto lasciato da una persona cara. Come per gli altri film citati, la Pixar ha realizzato un’opera interessante sia per i grandi che per i piccoli, anzi, è probabile che i più piccoli non riescano a seguire pienamente questa sofisticata narrazione che tratta della vita e della morte.

Wonder – FilmOro

Si tratta sicuramente di un film natalizio, questo Wonder, che racconta come un bambino dal volto deformato per i tanti interventi chirurgici, cerchi di venir accettato dai compagni di classe. Un film per tutta a famiglia, sull’accettazione del diverso.

Vi presento Christopher Robin

Il nome che compare nel titolo è quello del figlio dell’autore dei libri su Winnie the Pooh, l’orsacchiotto di pelouche più famoso al mondo. La storia è tutt’altro che allegra e non si può considerare un family film: il racconto è venato di malinconia, i due genitori non sanno comprendere il loro figlio e la loro vita viene stravolta dal troppo successo.

Napoli velata

Non funziona questa nuova opera di Ozpetek. Si tratta di un thriller (c’è un uomo morto misteriosamente e il ricordo di una tragedia familiare) ma Ozpetek non è Hitchcock e si perde nelle troppe sottotrame. C’è una città affascinante e ricca di misteri come Napoli, ma il continuo peregrinare per i suoi angoli più suggestivi sa troppo di turistico e la veggente sdraiata con la voce roca ricorda troppo simili personaggi felliniani.  Forse, proprio come era accaduto per le opere ultime del nostro grande regista, ci sono tante suggestioni visive ma manca la coerenza di una trama.

Buona festa dell'Epifania  e buona lettura.
Un vostro aiuto per gli impegni 2018 ci sarebbe graditissimo.

La Redazione di

www.familycinematv.it

 

Settimana del 24 dicembre 2017

Inviato da Franco Olearo il Mer, 12/20/2017 - 15:39

Star Wars – gli ultimi Jedi FilmVerde

Da quando la Walt Disney ha comprato i diritti della saga Star Wars, il pubblico target è diventato quello giovanile e i nostalgici delle prime puntate non potranno che restare disorientati. All’appassionato più esperto infastidirà la mancanza di un unico tono espressivo: per intenderci, i vecchi episodi della saga erano già autoironici ma qui le gag che dovrebbero alleggerire la tensione sembrano virare verso l’auto parodia e allora cade la cosiddetta “sospensione dell’incredulità”. Ad ogni modo si tratta di un film realizzato con altissima professionalità, in particolare negli effetti speciali e nelle scenografie.

Maggie & Bianca - Fashion Friends

Igino Staffi, già ideatore delle fatine Winx, è un vero genio del marketing: orientandosi sempre verso un target di bambine pre-adolescenti, ha ideato questo serial TV andato in onda su Rai Gulp, ha sfornato una miriade di prodotti di franchising ed ora è iniziata una tournée in Italia del live show delle due protagoniste che cantano e ballano con i loro amici. E’ un modo per avviare precocemente le ragazze al consumismo della moda; d’altronde anche Chiara Ferragni è stata bambina

Natale da Chef

Si tratta di un film onesto che, come tutti i cinepanettoni, rispetta le aspettative (basse) del pubblico, e perché no, strappa anche qualche sorriso. A loro merito, bisogna riconoscere che questi nuovi cinepanettoni sono tendenzialmente più “castigati”, nella rinuncia ad esibire nudità o scene di sessualità esplicita, ma la comicità è immancabilmente pruriginosa e fioccano ad ogni minutaggio e latitudine doppi sensi a sfondo sessuale

Nella speranza, che alle vicinanze delle feste, vogliate “essere buoni” anche con noi, vi auguriamo una buona lettura e tantissimi auguri per un santo Natale.

La Redazione di

www.familycinematv.it

 

17 dicembre 2017

Inviato da Franco Olearo il Gio, 12/14/2017 - 12:29

Gli eroi del Natale – FilmOro

In occasione delle feste natalizie costituisce un’ottima scelta portare i figli più piccoli a vedere questo film, che narra l’evento del Natale attraverso gli occhi di un ciuchino che si mette al servizio del nuovo Re che sta per arrivare..

The Case for Christ- Filmoro

Nel ricco filone dei Christian film americani (Fireproof, October Baby, God’s not dead 1 e 2,..) questo film si distingue dagli altri perché ispirato a una storia realmente accaduta. Lee è una brava persona: ama sua moglie e sua figlia, svolge con scrupolo il mestiere di giornalista investigativo ma resta sconvolto quando sua moglie si avvicina alla fede cristiana.  La religione non rientra per lui nei valori accettabili ma è pura, irrazionale, superstizione. Inizia quindi a cercare la verità con lo stesso approccio sistematico e rigoroso con cui è abituato a lavorare.  Le sue conclusioni saranno sorprendenti…

Loveless

L’ottimo regista Andrey Zvyagintsev (Leviathan, premiato a Cannes 2014) ) impegna il suo talento per costruire una lucida denuncia di una società disintegrata nello spirito e negli affetti. Una coppia si è separata e nessuno dei due è disposto a prendersi cura del figlio dodicenne. 

Buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv.it

Settimana del 10 dicembre 2017

Inviato da Franco Olearo il Ven, 12/08/2017 - 07:40

L’insulto – FilmOro

A Beirut una banale contesa fra un maronita e un palestinese finisce in tribunale e diventa un caso nazionale. Il film mette in evidenza una importante verità: quando due persone sono profondamente oneste, non importa quale sia la contesa fra di loro, alla fine riusciranno a ritrovare l’equilibrio e il rispetto reciproco. Ciò sarà possibile quando anche chi svolge un servizio pubblico (magistrati, avvocati,) sa comportarsi con giustizia e ha la pace come obiettivo primario.

Misura per Misura – TeatroOro

Nell’ambito del nostro progetto alla ricerca di narrazioni che evidenzino il valore delle virtù, quest’opera di William Shakespeare affronta il tema del rapporto fra giustizia e misericordia in modo più esteso che non in Il mercante di Venezia. La giustizia deve essere rispettata soprattutto come difesa verso i più deboli ma la clemenza risulta superiore quando si manifesta la possibilità di pentimento e di recupero del colpevole. L’opera è disponibile in italiano su Youtube oppure in DVD in lingua inglese

Due sotto il burqa

Un ragazzo, per avvicinare la sua fidanzata che ha un fratello fondamentalista islamico, si finge donna coprendosi con un burqa. Una commedia-farsa leggerina leggerina per affrontare un tema molto più complesso e drammatico

Happy end- sconsigliato

Ritorna sugli schermi Michael Haneke, palma d’oro a Cannes con il film Amour, un’apologia dell’eutanasia a beneficio, per riproporci la sua visione pessimistica sull’uomo e sul mondo. Anche le persone non anziane e addirittura adolescenti hanno un atteggiamento autodistruttivo come conseguenza di un sostanziale rifiuto della sofferenza

Buona lettura e buona festa dell’Immacolata

La Redazione di

www.familycinematv.it