THE STORY OF GOD CON MORGAN FREEMAN (Serie 1)

 
Titolo Originale: The Story of God with Morgan Freeman
Paese: USA
Anno: 2016
Produzione: National Geographic Channe, Revelation Entertainment
Durata: 2 serie per un totale di 9 puntate

Morgan Freeman ci fa da guida in varie parti del globo alla scoperta, assieme a noi, del senso di Dio nelle varie civiltà del mondo, sia quelle vive ancora oggi che quelle del passato

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Questa serie di documentari sulle domande di fondo che l’uomo si pone nei confronti di Dio, non prende posizione ma mostra quanto l’anelito al soprannaturale sia molto vivo in tante parti del mondo
Pubblico 
Tutti
Giudizio Artistico 
 
Morgan Freeman mette la sua simpatia al servizio di un’indagine che spazia per tutto il mondo cercando testimonianze utili all’indagine. Non sempre le interviste sono di valore, ma appaiono come pure curiosità, in forma di diversivo

Il simpatico attore afroamericano Morgan Freeman, premio Oscar nel 2005 per Million Dollar Baby, alla tenera età di 81 anni, ha deciso di girare il mondo per togliersi (e togliere anche a noi) una interessante curiosità: come rispondono e hanno risposto  in passato gli uomini alla domanda: c’è Dio? E se c’è, chi  è? Quali sono le principali conseguenze per la nostra vita se Dio esiste?

La serie di documentari, prodotta dalla rete televisiva National Geographic è arrivata alla terza stagione, che sarà disponibile nel 2019 su Sky/National Geographic . Le prime due sono ora disponibili su Netflix ma anche, parzialmente su Youtube, in lingua italiana.

Ogni puntata è come divisa in tre parti ed è proprio l’attore che ci fa da guida nel passato, nel presente e nel prossimo futuro. Freeman esplora le antiche civiltà con l’aiuto di archeologi (antichi egiziani, i Maja, Stonehenge, antica Roma, ..) ma interroga anche rappresentanti  delle attuali maggiori religioni (ebraismo, islamismo, cristianesimo, induismo, buddismo,..). Infine si rivolge ad alcuni scienziati che stanno facendo esperimenti per scoprire da dove proviene il nostro “senso di Dio”.

I temi che affronta, puntata dopo puntata, non sono di poco conto: cosa succede dopo la morte? Chi è Dio? C’è stata una creazione? Perché esiste il male? Sono avvenuti dei miracoli? Ovviamente non vuole rispondere a queste domande in termini filosofici ma cerca, attraverso una numerosa serie di interviste, di cogliere testimonianze dal vivo di chi crede in questi valori.

Quale sensazione complessiva possiamo ricavare da questi documentari? Indubbiamente la grande utilità di questo lavoro è dimostrare che domande di questo tipo sono attualissime, essenziali per la nostra vita e milioni di persone, in varie parti della terra, a dispetto di un generale disinteresse da parte dei media, se le stanno ancora ponendo. Per converso vedere risposte così diverse a quelle domande, in giro per il mondo, può generare una certa confusione oppure scetticismo riguardo alla speranza di avere una risposta univoca.

Morgan Freeman conduce bene questo interessante progetto (è produttore esecutivo) e sta bene attento, con simpatia, a non prendere le parti di nessuna delle varie tesi che gli vengono esposte dai testimoni. Ogni tanto, dalle sue frasi, sembra trasparire una certa preferenza per il sincretismo, quando dice che tutti veneriamo un unico dio, ma per fortuna non ne fa la bandiera del programma. Dispiace fra l’altro, che il cristianesimo sia la religione più trascurata; forse perché sa che il programma verrà visto soprattutto in Occidente, dove il cristianesimo è prevalente. La parte più debole di ogni programma è proprio l’ultima, dove si cerca di dare una risposta scientifica alle nostre domande di fondo, come quando lo stesso Freeman viene sottoposto a una TAC per scoprire quali lobi del cervello si attivano quando pensa a Dio.

Resta comunque il grande pregio di un programma che apre la mente, un invito al rispetto di tutti, di fronte a delle domande che ci accomunano in una tensione verso il trascendente.

 

Autore: Franco Olearo


Share |