GREEN BOOK

 
Titolo Originale: Green Book
Paese: USA
Anno: 2018
Regia: Peter Farrelly
Sceneggiatura: Brian Hayes Currie, Peter Farrelly, Nick Vallelonga
Produzione: DREAMWORKS PICTURES, PARTICIPANT MEDIA, AMBLIN PARTNERS, INNISFREE PICTURES, WESSLER ENTERTAINMENT
Durata: 130
Interpreti: Viggo Mortensen, Mahershala Ali, Linda Cardellini, Sebastian Maniscalco, P.J. Byrne

America, 1962: Tony Vallelonga, un bravissimo buttafuori italo-americano rimane senza lavoro quando il locale si chiude. Lo assume un pianista nero, che ha bisogno di un autista per il suo tour in giro per gli Stati del Sud.

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film esalta il valore dell’amicizia fra due uomini non perfetti, che nasce dal rispetto per arrivare alla comprensione e poi all’ aiuto reciproco. Chiari e forti gli affetti coniugali
Pubblico 
Adolescenti
Una colluttazione violenta; una scena in cui si comprende (senza che sia visto) che è stato consumato un rapporto omosessuale.
Giudizio Artistico 
 
Un road movie, che calibra bene musica, eventi e battute. Golden Globe 2019 per il miglio film musical/commedia, miglior sceneggiatura miglior attore non protagonista

 Basato sulla storia vera del musicista Shirley, Green Book ripercorre gli anni ’60, non così favolosi negli Stati americani del Sud, ancora legati ai pregiudizi razziali dove una pelle nera merita un diverso trattamento nei locali, nelle case e in tutti i luoghi in cui i bianchi sono ancora considerati una razza superiore.

Il principio del film è lui, Tony Vallelonga, detto Tony Lip, uno scaltro buttafuori del Copacabana, un locale newyorkese frequentato da uomini facoltosi e belle donne. Tony è italo americano, ama sua moglie e i suoi due figli, e trova sempre il modo, alcune volte poco lecito, per arrotondare. Anche quando gareggia con un uomo più grande e grasso di lui e il vincitore della somma di denaro è colui che si dimostra capace di mangiare più hamburger. Rimasto senza lavoro, ottiene un colloquio con Donald Shirley (Mahershala Ali, già premio Oscar per Moonlight), un musicista che deve affrontare un tour di concerti con il suo trio artistico nel Sud, dall'Iowa al Mississipi. Donald è colto, sa parlare diverse lingue, è raffinato nei modi, ricercato nel vestire, mentre Tony è esattamente il suo contrario. Non ha studiato, non è raffinato, mangia goffamente e ingordamente ed è schietto, forse troppo, nel parlare.

I due, così diversi, ma, poi nel tempo così vicini, iniziano questo lungo viaggio che porterà Tony lontano dalla sua famiglia per alcuni mesi. Ha un compito per il viaggio: utilizzare il 'green book’, la guida per automobilisti afroamericani, che devono muoversi per hotel e locali negli Stati del Sud. Nella realtà l’apartheid non è ancora terminata: mancano infatti quattro anni prima del Civil Rights Act e delle successive dimostrazioni politiche e marce di pace.

I viaggi, che non sono mai noiosi, mostrano come i due hanno chiaramente l’uno bisogno dell’altro per cambiare: Tony Lip compie piccole slealtà e furtarelli, manifesta le sue ragioni litigando e usando le mani, mentre Shirley sembra distante, senza familiari o amici, e spesso ha il difetto di guardare la persona socialmente inferiore a lui con gli occhi troppo velati di narcisismo e snobismo.

Diventa subito così un film ricco di momenti da commedia pura ma anche di momenti drammatici, in cui entrambi crescono in umanità e consapevolezza. Indimenticabili sono le scene in cui Shirley insegna a Tony come si scrivono lettere piene di pathos alla moglie che lo aspetta a New York.

Scritto anche da Nick Vallelonga, che ha registrato centinaia di conversazioni con suo padre Tony, la verità della storia entra in tutto il film: Tony (Viggo Mortensen per il ruolo è ingrassato di ben 19 chili) è stato infatti un italo-americano, nato in Calabria, che lavorando nel locale Copacabana ha conosciuto Shirley e numerosi altri artisti. E che poi è diventato un attore utilizzato soprattutto per ruoli come ne Il Padrino o ne I Soprano (serie televisiva che lo ha reso famoso).

E così questo road movie, che calibra bene musica, eventi e battute, è davvero per tutti gli spettatori. Poca retorica, ma anche poca suspence, in Green Book che rimette in scena potere, ricchezza, pregiudizi ma soprattutto quel dono spontaneo che rende più sopportabile le asprezze della vita, l’amicizia. Lo dirige Peter Farrelly, che del linguaggio conosce le sue ambiguità e l’ironia (ricordato  dal grande pubblico per aver diretto insieme a suo fratello Bobby film come Scemo & più scemo o Amore a prima svista) trasformando la storia in un film giusto che restituisce realtà anche alla famiglia e all’amore, senza dover ricorrere alla comoda enfasi del buonismo. 

Autore: Emanuela Genovese


Share |