CAPRI REVOLUTION

Titolo Originale: Capri Revolution
Paese: ITALIA
Anno: 2018
Regia: Mario Martone
Sceneggiatura: Mario Martone, Ippolita Di Majo
Produzione: Indigo Film, Pathé, Rai Cinema
Durata: 122
Interpreti: Marianna Fontana, Reinout Scholten van Aschat, Antonio Folletto, Donatella Finocchiaro

Capri 1914. Lucia è una capraia che vive con i suoi due fratelli e i genitori in una casa isolata in una delle parti più impervie dell’isola. Un giorno, mentre è al pascolo, vede dall’alto un gruppo di uomini e donne che prendono il sole nudi su una roccia di fronte al mare: si tratta di una comunità di stranieri arrivata sull’isola al seguito del pittore Seybu, che perseguono l’ideale di una vita in simbiosi con la natura. Lucia conosce anche Carlo, un giovane dottore che arriva alla loro casa per curare il padre, malato ai polmoni dopo una vita passata nelle fabbriche.  Il dottore dimostra di credere solo nella scienza, nel riscatto del proletariato e invita la ragazza ad apprendere un mestiere per rendersi autonoma dalla sua famiglia. Ma Lucia è sempre più misteriosamente attratta da quella comunità di stranieri e un giorno incontra lo stesso Seybu….

 

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Le tre rivoluzioni che ci vengono presentate risultano prive di caritas nei confronti dell’uomo che diventa un semplice strumento al servizio dell’utopia che si vuole perseguire
Pubblico 
Maggiorenni
Scene di nudo, uso di droga, riti orgiastici
Giudizio Artistico 
 
Questo film si presenta in una confezione molto curata nei paesaggi e nella scelta dei personaggi ma mira troppo in alto come impegno intellettuale e il racconto finisce per non appassionare

Nel film Noi credevamo, sulla storia di tre giovani che aderiscono alla Giovine Italia di Mazzini, uno di loro prenderà la strada più estrema, quella del terrorismo; un altro addomesticherà i suoi ideali associandosi al disegno monarchico sabaudo. Anche in questo Capri Revolution, giovani generazioni, all’inizio del ‘900, sentono l’aria del cambiamento, rispetto a una società bloccata da strutture familiari patriarcali e una religione che celebra un immutato presente. Ma ancora una volta le loro utopie rivoluzionarie divergono: se la comunità del pittore Seybu (prodromo delle future comunità yippies) cerca l’uomo nuovo nella sua perfetta armonia fra creatività artistica e natura, il dottore Carlo crede nella nuova società che si sta costruendo, grazie al progresso scientifico e all’emancipazione del proletariato. In un certo senso anche Lucia è una rivoluzionaria, perché non accetta più di restare sottomessa in una famiglia dove la fanno da padrone prima il padre e poi i fratelli né acconsente a un matrimonio di convenienza: cerca la libertà anche se non sa esattamente dove trovarla.

Mario Martone ama le rivoluzioni ma non prende posizione nei confronti di queste: sembra interessato piuttosto a ritrarre figure di uomini e donne che non si accontentano della vita che si sono trovati a vivere, hanno capacità di cogliere il mondo e se stessi nella loro globalità e si pongono in movimento, lottando per trasformare entrambi.

Anche il Giovane Favoloso, sulla vita di Giacomo Leopardi, raccontava la vita di un rivoluzionario a modo suo: un poeta che non aveva abbracciato né i nuovi ideali rivoluzionari né si era posto su posizioni lealiste e aveva preferito restare coerente con il suo pessimismo esistenziale.

Ma le utopie mostrano gravi inconvenienti perché trascurano di considerare l’essere umano come un valore intangibile, che non può mai essere considerato secondario rispetto alle stesse idee.

Martone, co-sceneggiatore assieme a Ippolita di Majo, non tarda a mostrarci questi limiti. Nella comunità di Seybu, di sera si balla nudi al chiaro di luna e vengono assunte delle droghe per raggiungere l’estasi, a imitazione dei riti orgiastici dell’antica Grecia. In effetti questi rituali finiscono in accoppiamenti multipli e a una ragazza che protesta, viene risposto che “la sessualità è un modo per conoscere lo spirito”.

Il giovane dottore, pienamente compenetrato negli ideali marxisti, ritiene che la guerra iniziata sarà un utile lavacro perché consentirà alla classe operaia di prendere il potere.

La stessa Lucia, che viene presentata come l’unico personaggio positivo, in realtà sembra intenta solo a risolvere il suo anelito personale alla libertà. In un drammatico colloquio, i due fratelli, che stanno per partire per la guerra, rinfacciano a Lucia di non prendersi cura della madre che ora rischia di restare sola. In effetti Lucia abbandona l’isola per perseguire fino in fondo la sua indipendenza, con il beneplacito della madre che è l’unica persona veramente altruista della storia.

Il film risulta particolarmente curato nella fotografia dei paesaggi, nella scelta degli attori (Marianna Fontana, che interpreta Lucia sembra avere un volto antico, come nelle vecchie fotografie in bianco e nero); peccato che l’impostazione eccessivamente intellettuale finisca per raffreddare la temperatura del racconto.

Autore: Franco Olearo


Share |