IL VERDETTO

Titolo Originale: The children Act
Paese: GRAN BRETAGNA
Anno: 2017
Regia: Richard Eyre
Sceneggiatura: Ian McEwan
Produzione: TOLEDO PRODUCTIONS, FILMNATION ENTERTAINMENT, BBC FILMS, COPRODUTTRICE CELIA DUVAL
Durata: 105
Interpreti: Emma Thompson, Stanley Tucci, Fionn Whitehead

Fiona Maye è un giudice dell’Alta Corte britannica specializzata nel diritto di famiglia e in particolare segue le cause collegate con la legge Cildren Act, promulgata nel 1989, che ha l’obiettivo di proteggere gli interessi dei minori in caso di conflitti familiari. Il caso su cui deve pronunciarsi è particolarmente delicato: Adam Henry, un diciassettenne affetto da leucemia, rifiuta le trasfusioni di sangue, d’accordo con i genitori, perché tutta la famiglia è seguace dei Testimoni di Geova. Il ragazzo è minorenne, sia pur per pochi mesi, quindi non può decidere di sua iniziativa. Fiona prende una decisione insolita: va a trovarlo in ospedale per capire dalla sua viva voce se è veramente convinto di compiere questo passo estremo...

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Lo sceneggiatore mostra con chiarezza il suo disprezzo verso chi crede nell’esistenza di un Dio e la fede cristiana è vista come una forma di oscurantismo per la cultura occidentale. La vita e la morte sono due opzioni equivalenti per un tribunale civile. Ha però l'onestà di riconoscere il potere trasformante dell'amore, che funge da "elemento di disturbo" rischiando di scardinare questa visione del mondo basata su principi utilitaristici
Pubblico 
Maggiorenni
Il tema trattato richiede una certa maturità di giudizio
Giudizio Artistico 
 
Eccezionale interpretazione di Emma Thompson. Ottima anche la regia. Qualche problema di credibilità in alcuni risvolti della sceneggiatura

La prima sentenza che Fiona, all’inizio del film, è chiamata a pronunciare riguarda due gemelli siamesi che condividono alcuni organi vitali. La sua decisione è che uno dei due venga soppresso e separato, secondo la logica del male minore, perchè l’altro possa vivere come singolo. Nel caso qualcuno possa pensare che uccidere uno dei due gemelli equivalga a un omicidio, perché solo Dio è signore della vita, il magistrato precisa che “questo è un tribunale della legge, non della morale”.

Suo marito, Jack, è un professore universitario di letteratura e lo vediamo intento a spiegare Lucrezio ai suoi alunni. A suo dire quello fu un periodo eccezionale perché la credenza negli dei stava scemando e non era ancora arrivato il cristianesimo che avrebbe finito per “oscurare il pensiero occidentale”.

Da questi riferimenti appare già chiaro dove Ian McEwan, sceneggiatore e autore del romanzo, vuole andare a parare. Ogni forma di religione, ogni credenza in un Dio che ci trascende è pericolosa, irrazionale superstizione. Oltretutto la frase del giudice Fiona stabilisce una falsa contrapposizione (“questo è un tribunale della legge, non della morale”) perché le leggi si occupano del bene pubblico, pertanto ogni legge ha il compito di proteggere un preciso valore morale purché pubblico.  Chiarite le intenzioni dell’autore, il caso proposto nel film come fulcro della storia (un giovane testimone di Geova rifiuta le trasfusioni di sangue) costituisce un modo di “vincere facile” perché l’atteggiamento dei Testimoni di Geova è un caso limite, visto che per tutti gli altri cristiani la trasfusione costituisce una pratica accettata.

Si tratta di un approccio molto simile a quello utiizzato da Clint Eastwood in Million Dollar Baby: volendo fare un film a favore dell’eutanasia, l’autore ha “forzato” la situazione, dipingendo i genitori della ragazza immobilizzata a letto come degli squallidi opportunisti,  in modo che lei restasse sola senza affetti familiari a prendere una drammatica decisione.

Per fortuna l’attenzione del racconto si sposta in seguito sul rapporto fra Fiona e il giovane Adam, perché quest’ultimo resta colpito dall’incontro con questa donna, con la quale condivide la passione per la musica e la poesia di William Yeats e con un’irruenza tipicamente adolescenziale cambia repentinamente atteggiamento: non ha più interesse a venir ricordato come l’eroe dei Testimoni di Geova, morto per aver rifiutato la trasfusione ma vede in Fiona il mentore che lo può aiutare a scoprire la bellezza della vita. Quell'interesse, quell'attenzione che Fiona ha mostrato si è trasformato in lui come amore.  L’atteggiamento appassionato di Adam non fa che sconvolgere Fiona, austera vestale della legge, seguace fanatica del potere della ragione, che non riesce a trovare una collocazione, nella sua vita, per qualche umanissimo, materno (lei non ha avuto figli) sentimento di affetto e comprensione.

Se questo risvolto del racconto ci fa prendere atto che lo stesso sceneggiatore Ian McEwan riconosce che nell’uomo resta qualcosa di imponderabile, che sfugge al controllo della ragione e in particolare il potere trasformante del sentirsi amati o il semplice percepire che c’è qualcuno che si interessa a noi, questo film non fa che riconfermare la diversa sensibilità che sussiste fra noi e il popolo inglese.

E’ ancora troppo recente il caso di Charlie Evans, il piccolo al quale il tribunale ha rifiutato l’applicazione di nuove cure sperimentali e ha sentenziato che doveva venir lasciato morire. Un caso che ci aveva fatto scoprire (e il film lo conferma) due fatti: la vita, secondo i tribunali inglesi, è un parametro come gli altri, gestibile in base a un giudizio umano di convenienza, non un bene assoluto da difendere; secondo: i genitori non sono i tutori insindacabili dei loro figli. Grazie proprio al Children Act, è sufficiente  la nascita di un qualsiasi conflitto (diversità di opinioni con l’ospedale, come nel caso di Charlie) perché ai genitori venga tolta la patria potestà e il bambino venga affidato a un tutore.  E’ il primo avvio di una sostanziale riduzione delle competenze naturali riconosciute da sempre ai genitori, a vantaggio di un maggior impegno da parte dello Stato (in Gran Bretagna il 47% dei matrimoni finisce con un divorzio).

Il film ha un’ottima fattura, secondo la migliore tradizione inglese ed Emma Thompson, nella parte di Fiona, è semplicemente  eccezionale. Qualche difficoltà in più ha dovuto affrontare Fionn Whitehead nella rendere credibile il personaggio di Adam, per via del suo ostinato stalking nei confronti del magistrato. Praticamente inesistenti le figure dei genitori di Adam, ridotti a bolse comparse ma non c’è da stupirsi: nell’ottica dello sceneggiatore si tratta di persone che hanno il problrma di credere nell’esistenza di un Dio.

Autore: Franco Olearo


Share |