THE EQUALIZER 2 - SENZA PERDONO

Titolo Originale: The Equalizer 2
Paese: USA
Anno: 2018
Regia: Antoine Fuqua
Sceneggiatura: Richard Wenk
Produzione: COLUMBIA PICTURES, LONETREE ENTERTAINMENT, MACE NEUFELD PRODUCTIONS, SONY PICTURES ENTERTAINMENT (SPE), VILLAGE ROADSHOW PICTURES
Interpreti: Denzel Washington, Pedro Pascal, Melissa Leo

Robert McCall, è un veterano agente segreto che si è lasciato alle spalle il proprio torbido passato e ora, vedovo, conduce una vita tranquilla come autonoleggiatore. Con il suo mestiere finisce per conoscere, fra i tanti, alcune persone che hanno subito dei torti o delle violenze. La proprietaria della libreria dove si reca spesso è stata privata della figlia, rapita dal marito che è fuggito nel suo paese, in Turchia. Una ragazza che è salita sulla sua vettura, è stata drogata e violentata. Robert sente che deve agire: le arti marziali che ha appreso durante il suo servizio nell’Esercito gli saranno utili per fare giustizia…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film trasmette messaggi positivi riguardo all’aiuto da prestare ai più deboli e ai più emarginati ma poi giustifica una giustizia “fai da te”, espressione di brutale vendetta
Pubblico 
Adolescenti
Scene di combattimenti violenti
Giudizio Artistico 
 
Il personaggio di Denzel Washington regge da solo tutto il racconto ma il regista è bravo nell’alternare momenti di action puro a momenti più riflessivi

Negli ultimi tempi i film di action ma in particolare i Revenge movie si stanno rinnovando in due direzioni. Il vendicatore non è più un maschio muscoloso e dalla barba ispida ma ha preso le forme di snelle ragazze che privilegiano l’agilità e una mira infallibile. Ecco quindi apparire sugli schermi, sporche, con i vestiti strappati nei punti giusti ma armate fino ai denti, Alicia Vikander in Tomb Rider e  Matilda Anna Ingrid Lutz in Revenge.

L’altro filone è ancora più insolito: uomini già in pensione o vicini alla meta, un po’ ingrassati e con l’artrite, che fronteggiano e spaccano in pochi secondi ossa di giovani che hanno osato sfidarli. Ovviamente il montaggio veloce e la computer grafica coprono ciò che è chiaramente impossibile e così tutto è diventato accettabile come Liam Neeson, di 66 anni, in L’uomo del treno e  Denzel Washington, di 67, in questo Revenge 2.

Anche il botteghino ha finito per apprezzare questo insolito cocktail di ingredienti e Revenge 2 alla sua prima settimana in USA è salito al primo posto.

Questo sequel beneficia certamente della presenza del premio Oscar Denzel Washington (in questo film anche produttore) che ha disegnato un personaggio che non è solo bravo a menar le mani ma sa fruttare tutta la maturità che gli deriva dall’età. Prima di scattare in azione sa valutare con fredda lucidità la situazione e ha il vezzo di attivare il cronometro per vedere in quanti secondi riuscirà ad abbattere chi ha osato sfidarlo.  Il regista sembra enfatizzare questo atteggiamento, da momento che ha impostato il racconto in un insolito stop and go. A sequenze altamente dinamiche, si alternano scene di assoluta calma dove Robert si legge un libro o si mette a pulire le scritte che imbrattano un muro del cortile del suo condominio. E’ questa la seconda dimensione del film dove il fare ciò che è giusto non consiste solo nel menar le mani ma convincere un ragazzo ad andare a scuola senza ascoltare chi vorrebbe farlo diventare uno spacciatore o aiutare un vecchio ebreo vicino di casa che è stato in un campo di concentramento e non vede la sorella da anni. E’ proprio in questi sub plot che si coglie l’“anima” di  Denzel Washington.  

Figlio di un predicatore protestante, devoto seguace della Chiesa Pentacostale, l’attore ha voluto trasmettere l’importanza di compiere opere buone nei confronti di più deboli: giovani, vecchi o immigrati, come la donna musulmana sua vicina ma il suo atteggiamento appare molto più ispirato all’Antico Testamento che al Vangelo. E’ vero che aiuta i deboli e gli oppressi ma verso i cattivi che non si redimono applica una spietata punizione. "Avete ucciso la mia amica. Quindi ucciderò ognuno di voi. E l'unico dispiacere è che lo posso fare solo una volta" dichiara Robert ai suoi avversari. Alla fine, proprio per questo suo giustificare la violenza vendicativa, il film finisce per allinearsi con i tanti film americani che ricordano che è sempre bene tenere una pistola nel cassetto ed essere pronti a farsi giustizia da soli.

Il film si avvantaggia del carisma di Denzel Washington ma anche il regista Antoine Fuqua alterna bene i momenti di azione a quelli di calma riflessiva. La sequenza di lotta finale, ambientato in un paesino sull’oceano sconvolto dall’arrivo di un uragano è altamente spettacolare. Come ultima osservazione, c’è una chiave di lettura insolita da fare su questo film: il raccontare di prodi guerrieri addestrati dall’esercito per missioni speciali e poi scaricati, con modeste pensioni da veterano, incapaci di adattarsi a una vita tranquilla dove le loro doti sono inutili, sembra far riferimento a situazioni tutt’altro che irrealistiche.

Autore: Franco Olearo


Share |