Settimana dell'8 aprile 2018

Ready Player One

E’ già in testa al boxoffice l’ultimo film di Spielberg che ci fa vivere in un mondo virtuale (i protagonisti utilizzano visori e tute 3D) molto più colorato e stimolante di quello reale, squallido e senza prospettive. E’ un film molto adatto a Nerd e a Geek che si divertiranno senz’altro a cercare, con i protagonisti, l’Easter Egg del gioco ma resta l’amaro in bocca a chi è ancora innamorato del mondo reale e  scopre che nel 2045 non ci sarà nessuno che si batterà per lui

Stranger Things (prima stagione)

Ha riscosso un particolare successo questo serial di Netflix (ora arrivato alla seconda stagione), soprattutto fra i giovani. Ambientato in una tranquilla cittadina dove accadono eventi straordinari (fin qui ricorda il magnifico E.T.- ‘extraterrestre) vira presto al genere horror, dove sono coinvolti dei ragazzi di dodici anni. E’ questa l’anomalia della fiction, che ha causato il rifiuto di tutti i principali canali televisivi americani e alla fine solo Netflix ha accettato di programmarlo, ponendo l'avviso di  VM14

Io c’è - Sconsigliato

“Perché solo il sacerdote si beve il vino e noi no?” battute di questa qualità, di fronte a un sacerdote che celebra l’eucarestia, sono distribuite lungo tutto il film. Se gli autori avessero vouto imbastire una satira sul fatto che i centri di accoglienza di ispirazione religiosa sono esentasse mentre un normale albergatore deve pagarle, avrebbero scuramente stimolato un interessante dibattito. L’impostazione però è diversa: si parte dal presupposto che credere in una qualsiasi fede è una idiozia e qualunque presa in giro, anche grossolana, è lecita. Ci si sarebbe aspettati battute anticlericali anche salaci ma almeno argute, ma questo non accde.

Buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv.it