settimana del 4 febbraio 2018

C’est la vie – prendila come viene/ FilmVerde

Questo film, degli stessi autori di Quasi amici (Intouchables-2012) è stato un campione di incassi in Francia perché è un campione di risate. Si tratta di un film corale, con un ritmo coinvolgente che culmina in un crescendo finale. Il film può essere visto anche come metafora della nostra complessa società e un invito a impiegare la collaborazione per risolvere i problemi che ci accomunano

Made in Italy

Dopo circa sedici anni di silenzio cinematografico (Radiofreccia e Da zero a dieci sono ormai autentici cult per un’intera generazione di fan) arriva in sala la terza pellicola di Luciano Ligabue, la prima con la colonna sonora interamente composta dall’autore. Il messaggio trasmesso è positivo (un italiano qualunque che si era lasciato risucchiare dalla fatica e dalla monotonia della sua quotidianità, torna ad apprezzare quanto di bello c’è nelle nostre esistenze e nel nostro Paese) ma l’avvio del film è lento, appesantito dalla voglia dell’autore di voler dire la sua sui temi più caldi del momento, in una sorta di “ingordigia tematica”

Chiamami col tuo nome / Sconsigliato

Il film è attualmente sotto l’attenzione di tutti i media a seguito della sua candidatura a ben quattro Oscar e in effetti Guadagnino riesce a ritrarre molto bene la vita di una famiglia intellettuale e benestante e l’atmosfera estiva e indolente della campagna cremonese. Per quel che riguarda invece il messaggio che l’autore vuole trasmetterci, non occorre fare analisi approfondite perché il discorso del padre del ragazzo protagonista, alla fine del film, rende manifeste le intenzioni dell’autore.  Si vuole esaltare il valore di un rapporto pederastico fra un adulto e un adolescente secondo le tradizioni della Grecia classica. Il padre loda quest’amicizia che poteva restare solo tale ma che si è “completata” con una relazione sessuale perché è proprio questa intimità di anima e di corpo che sarebbe formativa per l’adolescente. Il realtà il film è carente proprio negli aspetti psicologici: perché entrambi, pur avendo relazioni con delle donne, privilegiamo il loro rapporto omosessuale? Quali sono le motivazioni, non solo fisiche, per un’intesa così stretta? Non ci sono risposte adeguate su questi aspetti.

Buona lettura dalla Redazione di

www.familycinematv,it