LA RAGAZZA NELLA NEBBIA

Titolo Originale: La ragazza nella nebbia
Paese: TALIA, FRANCIA, GERMANIA
Anno: 2017
Regia: Donato Carrisi
Sceneggiatura: Donato carrisi
Produzione: COLORADO FILM, IN COLLABORAZIONE CON MEDUSA FILM
Durata: 127
Interpreti: Toni Servillo, Alessio Boni, Lorenzo Richelmy , Jean Reno

In un piccolo paese di montagna, Anna Lou, una ragazza di sedici anni, figlia di genitori appartenenti a una setta religiosa, esce di casa una mattina presto per recarsi alla chiesa della confraternita ma scompare. Arriva in paese, per aiutare la sguarnita polizia locale, il commissario Vogel. La gente del posto ritiene che l’assassino sia una persona che viene da fuori ma lui non ne è convinto ed inizia ad applicare i suoi metodi poco ortodossi che consistono nel manipolare abilmente i media. Simula di aver trovato sul greto di un torrente lo zaino della ragazza e da quel momento ha tutta l’attenzione dei media e la sua squadra di poliziotti messa a sua disposizione viene rafforzata. Nel paese è arrivato da poco, assieme alla sua famiglia, il professore di letteratura Loris Martini, che ha iniziato a lavorare nel liceo locale. Nel paese è una persona poco nota e i sospetti iniziano ad addensarsi su di lui….

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film punta sul fascino perverso del male per riuscire ad interessare lo spettatore su di un thriller dai molti risvolti crudeli e cinici.
Pubblico 
Maggiorenni
C’è molta crudeltà e cinismo della storia, ai danni di inermi adolescenti
Giudizio Tecnico 
 
Il film, ricavato da un romanzo noir, conserva il fascino della parola, della frase ad effetto ma la messa in scena risulta disarmonica, con un eccesso di personaggi e subplot che finiscono per distrarre l’attenzione dall’azione principale

Il professor Martini sta spiegando alla sua classe quali sono i veri motivi di successo per un romanzo:"è il cattivo che fa la storia; non sono gli eroi che determinano il successo di un’opera, è il male il vero motore di ogni racconto". L’ispettore Vogel parlando con uno psicoanalista, cerca di esprimere la sua filosofia di vita: “tutto ha un senso, anche il male”. Questo film, ricavato dal best seller omonimo di Donato Carrisi e diretto e sceneggiato da lui stesso, tradisce la sua origine letteraria e lo fa mettendo direttamente in bocca ai protagonisti quello che è lo spunto principale che anima il film: la ricerca della “bellezza estetica” del male.

“La tempesta deve ancora arrivare” ammonisce l’avvocato del professor Martini, il principale accusato dal commissario Vogel. “Non eravate preparati a convivere con l’incertezza, eravate convinti che il mostro fosso venuto da fuori, ma in fondo al vostro cuore sospettavate che il male fosse dentro di voi” osserva Vogel parlando a chi ha sempre vissuto nel piccolo paese di montagna. Anche in questo caso la sceneggiatura teme di non poter costruire cinematograficamente certe atmosfere di sospetto e incertezza e si fa aiutare dai dialoghi fra i protagonisti.

Resta l’indubbio fascino delle parole, che Carrisi sa spendere bene al momento giusto per portare avanti questo gioco con lo spettatore, invitato a riuscire a intuire chi sia il vero colpevole ma da subito, da come è impostato il thriller, una cosa è certa: il colpevole sarà colui che ha una certa intelligenza “diabolica”, che è più intelligente degli altri in questa gara di astuzia e cinismo.

La messa in scena non è perfetta, alcuni personaggi importanti vengono inseriti a metà film e lo spettatore è costretto a rimodulare le sue aspettative, alcuni  subplot nascono e poi muoiono, è stata messa molta carne al fuoco.  La nota più interessante resta comunque la manipolazione dei media un tema ricoperto da un numero crescente di opere cinematografiche anche se finora resta insuperato L’amore bugiardo (Gone Girl)-2014. Anche questo film mette in evidenza come un colpevole possa diventare innocente, un innocente un colpevole e come chiunque, non importa se colpevole o innocente, possa trarre profitto dalla sua condizione di uomo da prima pagina.

Il cast è di ottimo livello (Alessio Boni, Jean Reno) ma è indubbio che chi domina la scena è Toni Servillo, impegnato a impersonare  un cinico investigatore che sa manipolare bene i media, mettere a disagio, come gli conviene, i presunti colpevoli ma  che a sua volta è strutturalmente debole per dei sospetti sul suo operato passato mai completamente dissolti.

 

Autore: Franco Olearo


Share |