L'UOMO DI NEVE (Franco Olearo)

Titolo Originale: The Snowman
Paese: GRAN BRETAGNA
Anno: 2017
Regia: Tomas Alfredson
Sceneggiatura: Peter Straughan, Hossein Amini, Søren Sveistrup
Produzione: WORKING TITLE FILMS, IN ASSOCIAZIONE CON ANOTHER PARK FILM
Durata: 119
Interpreti: Michael Fassbender, Rebecca Ferguson, Charlotte Gainsbourg, Chloë Sevigny

Harry Hole, un abile detective della omicidi di Oslo, si è lasciato andare: abbandonato dalla moglie, conduce una vita solitaria e passa le serate a ubriacarsi. Una mattina riceve un foglio anonimo dov’è disegnato un pupazzo di neve, con l’avvertimento di un prossimo omicidio. In effetti una donna è scomparsa di casa e davanti all’ingresso è stato preparato un pupazzo di neve. Il caso viene abbinato ad altri avvenuti nel passato ma più Harry cerca di indagare, più ha la sensazione che l’assassino sia in grado di prevedere le sue prossime mosse...

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Molte situazioni di famiglie infelici contribuiscono a dare al film un tono cupo
Pubblico 
Maggiorenni
Molte scene di corpi mutilati e situazioni familiari infelici
Giudizio Tecnico 
 
Di bello in questo film ci sono solo i paesaggi invernali norvegesi. La componente poliziesca risulta modesta

Questo thriller ricavato dal romanzo omonimo di  Jo Nesbø, aveva tutte le carte in regola per raggiungere il successo. Un buon regista, ottimi attori, la produzione di Martin Scorzese.  Eppure non lo raggiunge. I film di genere thriller sono diventati ormai molto sofisticati, in grado di stupire per le motivazioni a sorpresa,  spesso a sfondo psicologico, che hanno animato il killer. Niente di tutto questo troviamo nel film: l’assassino appare subito essere un “banale” psicopatico a cui piace uccidere un certo tipo di donna: la regia gioca a indirizzarci verso il prossimo indiziato salvo poi sviarci per puntare verso un altro. Alla fine il meccanismo è così scoperto che lo spettatore ha presto capito chi è il colpevole. Il film vorrebbe risultare  avvolto in un’atmosfera dark (impressionante l’incipit del film, dove un uomo picchia una donna che poi si suicida in presenza del figlio) ma anche questo tentativo fallisce perché le teste mozzate, i corpi tagliati a pezzi si sussseguono senza sosta, fino ad annoiare. Il film è stato vietato ai minori in tutti i paesi dove finora è stato proiettato, tranne che in Italia.

 

Autore: Franco Olearo


Share |