SCEGLIERE UN FILM 2017

Il progetto di una serie di volumi di recensioni cinematografiche, inaugurato nel 2004, nasce con la semplice idea di offrire un servizio alle tante persone che amano il cinema e che desiderano un orientamento per scegliere un film che sia secondo i loro gusti e che li arricchisca sul piano umano e culturale, o anche semplicemente per un sano divertimento personale o familiare. Questo libro, come quelli che lo hanno preceduto, intende offrire una guida comoda e pratica attenta a una doppia prospettiva: la componente narrativa dei film e un punto di vista sapientemente radicato nell'antropologia cristiana.

 

 

 

 

Armando Fumagalli (1963) è ordinario di Semiotica presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, dove è anche direttore del Master universitario di I livello in Scrittura e produzione per la fiction e il cinema. Presso la stessa Università insegna anche Storia e linguaggi del cinema internazionale. È consulente per lo sviluppo di sceneggiature per la società di produzione televisiva Lux Vide. Ha tenuto più volte lezioni di sceneggiatura in corsi promossi dalla Rai, da Mediaset e dalla sezione milanese della Scuola nazionale di Cinema; all'estero ha tenuto lezioni e conferenze in Università e scuole di sceneggiatura di Buenos Aires, Città del Messico, Los Angeles, Madrid, New York, Pamplona, Santiago del Cile ecc. Fra i volumi che ha pubblicato ricordiamo: con Gianfranco Bettetini, Quel che resta dei media. Idee per un'etica della comunicazione (Angeli, Milano 1998; nuova edizione 2010); il volume curato, con Gianfranco Bettetini e Paolo Braga, Le logiche della televisione (Angeli, Milano 2004); le monografie I vestiti nuovi del narratore. L'adattamento da letteratura a cinema (Il Castoro, Milano 2004 e Educatt, Milano 2015), Creatività al potere. Da Hollywood alla Pixar passando per l'Italia (Lindau, Torino, 2013). In autunno 2015 esce il volume La comunicazione di una “Chiesa in uscita” per Vita e Pensiero. Ha curato, con Chiara Toffoletto, volumi analoghi a

Scegliere un film, ma sui programmi televisivi: Scegliere la Tv, Ares 2007, e poi per il Moige (Un anno di zapping, Magi 2008 e 2009). Per le Edizioni San Paolo ha curato, insieme a Raffaele Chiarulli, Scegliere un film 2015 (2015).

Raffaele Chiarulli (1980) è laureato in DAMS e dottore di ricerca in Culture della comunicazione presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, dove ha frequentato il Master in Scrittura e produzione per la fiction e il cinema e guida un laboratorio di Critica cinematografica e uso didattico delle fonti audiovisive. Ha pubblicato saggi su Comunicazioni Sociali, Comunicazioni Sociali on-line, Ikon e recensioni su Duellanti, Graffiti, Itinerari Mediali, Studi cattolici, Tracce e sul sito Sentieri del cinema. Nel 2012 ha partecipato, con un testo teatrale per la scuola, al progetto della fiaba multimediale Natale a Milano (Mimep) e nel 2013, con il libro Di scena a Hollywood (Vita e Pensiero), ha esplorato i rapporti fra teatro e sceneggiatura nel cinema americano classico. Tra una recensione e l'altra, si occupa anche di formazione ai media per studenti delle scuole, dove è noto, rispettivamente, come “il prof di cinema” nelle superiori, “il critico d'arte” nelle medie e “il signore del teatro” nelle elementari, non essendo nessuna delle tre cose. Insieme a sua moglie cura una rubrica di suggerimenti librari e cinematografici per il periodico per ragazzi Junior-T. Per le Edizioni San Paolo ha curato, insieme ad Armando Fumagalli, Scegliere un film 2015 (2015).