CUORI PURI

Titolo Originale: Cuori Puri
Paese: ITALIA
Anno: 2017
Regia: Roberto De Paolis
Sceneggiatura: Luca Infascelli, Carlo Salsa, Greta Scicchitano, Roberto De Paolis
Produzione: YOUNG FILMS CON RAI CINEMA
Durata: 114
Interpreti: Selene Caramazza, Simone Liberati, Barbora Bobulova, Stefano Fresi, Edoardo Pesce

Agnese è alla vigilia del suo diciottesimo compleanno; la sua vita scorre serena accanto alla madre, che accompagna spesso, assieme ad altri operatori della parrocchia, al campo nomadi, per distribuire vestiti usati e giocattoli. Stefano è un ragazzo di borgata, che ha deciso di mettere la testa a posto e svolge la funzione di guardiano al parcheggio di un supermercato. Il padre è disoccupato e i suoi genitori rischiano di venir sfrattati da un momento all’altro. Un giorno Stefano coglie in fallo Agnese: ha rubato un cellulare al supermercato e vuole portarla dalla polizia. Agnese lo supplica di lasciarla andare: lo ha fatto perché sua madre le ha sequestrato, per punizione, il telefonino. Alla fine Stefano l’accontenta. Ma i due sono destinati a incontrarsi di nuovo...…

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Un ragazzo e una ragazza, privi di solidi riferimenti, agiscono in modo amorale giustificandosi per lo stato di necessità in cui si trovano
Pubblico 
Maggiorenni
Turpiloquio continuo. Una scena prolungata di incontro sessuale con dettagli crudi. Una nudità parziale. Una scena di vendita di droga a dei minorenni. Una scena di furto con la minaccia di un coltello
Giudizio Tecnico 
 
Questo film si eleva al di sopra della media dei film italiani per il suo intenso realismo narrativo. Eccellente la recitazione dei due protagonisti

Il film è potenzialmente interessante perché tratta un tema poco presente sui nostri schermi, quello della castità. Al centro c’è una ragazza che ha da poco compiuto 18 anni, sente le pulsioni del primo vero innamoramento ma vive in un contesto sereno di ragazzi di parrocchia impegnati nel sociale, ha confidenza con don Lucio, un sacerdote simpatico della sua parrocchia che sa intrattenersi con i giovani e ha una madre che le vuole molto bene, con la quale ha un rapporto quasi da sorella, da quando il padre non è più con loro. Occorre aggiungere che nel suo ambiente si fa sentire l’influenza dell’associazione Cuori Puri , un’iniziativa (realmente esistente) per i giovani e le coppie che decidono di scegliere la castità fino al giorno del matrimonio.

Abbiamo parlato di “potenzialmente” interessante, perché i presupposti a favore di questa virtù sono tutti fasulli e il film viaggia inesorabilmente verso la prima esperienza sessuale di Agnese con il suo ragazzo. Non si può dire che l’autore abbia sviluppato un film a tesi con un finale preconfezionato, ma “non c’è partita”,  fra un sentimento forte e sincero che spinge, in modo naturale, verso la ricerca dell’intimità e un contesto, così com'è stato disegnato nel film, puramente esteriore, incapace di trasmettere valori che coinvolgano intimamente la ragazza. Il film diventa così un manifesto di: “come non realizzare la formazione sentimentale dei giovani”.

La madre, che pur vuole sinceramente bene alla figlia, si limita a ossessionarla con un’idea di verginità intesa come integrità fisica, la spingere ad aderire a Cuori Puri ma non la sentiamo mai parlare della bellezza di un amore uomo-donna fatto per durare una vita. Vive nel perenne sospetto di cosa possa fare o non fare sua figlia, andando anche a leggere i messaggi del suo cellulare e alla fine manca della sensibilità necessaria per accorgersi che la figlia si è innamorata. Il risultato è che quando Agnese sente dentro di se un sentimento assolutamente nuovo, lo protegge istintivamente e non si confida con lei.

Il simpatico don Lucio, che fa divertire i ragazzi e dice molte cose sensate, sottolinea soprattutto il perdono di Dio di fronte alle nostre debolezze (“Dio è come un navigatore satellitare: se sbagliamo strada, non ci sgrida ma ricalcola il nuovo percorso per raggiungere ugualmente la meta”). Per lui l’uomo è soprattutto una persona fragile che pecca continuamente ma che può venir continuamente perdonato. Manca ogni accenno alla bellezza della vocazione matrimoniale.  Peccato che alle orecchie di Agnese il messaggio suoni diversamente: andiamo dove ci porta l’istinto; il Signore comprenderà e perdonerà.

Stefano è più grande, ha 25 anni, vive in un contesto degradato dove i suoi compagni vivono di espedienti. E’ irruento e impulsivo, ha non pochi problemi familiari (i suoi genitori sono stati sfrattati) ma alla fine sa impegnarsi verso chi gli vuole bene.

Nell’incontro fra Agnese e Stefano, lei percepisce in lui un appiglio solido alle sue insicurezze, lui coglie in lei quella tenerezza e fragilità da proteggere che danno un senso nobile alla sua vita.  Il loro affetto  si rinforza progressivamente e sembrano due novelli Romeo e Giulietta, non certo perché le loro famiglie siano in conflitto, ma perché entrambi vivono con sofferenza all’interno dei loro rispettivi ambienti e quel sentimento è la prima cosa veramente tutta loro.

Questo film si discosta nettamente dalla media delle produzioni italiane, da molto tempo modeste.La ricostruzione dell’ambiente di borgata, il modo di agire e di parlare dei personaggi è particolarmente realistico. I dialoghi sembrano  improvvisati, nei momenti dei litigi come nei momenti di sommesso pudore ma se così non fosse, ciò andrebbe a maggior merito del regista esordiente Roberto De Paolis. Selene Caramazza nella parte di Agnese esprime molto bene le sue incertezze, la fatica per comprendere i suoi stessi sentimenti mentre Simone Liberati, nella parte di Stefano è impagabile nel suo atteggiamento burbero che però non lo porta mai ad essere veramente cattivo.

Possiamo dire che con questo Cuori puri assieme a Fiore di Claudio Giovannesi, sia nato un nuovo filone che potremmo chiamare neo-neorealismo per la sua capacità di attanagliare lo spettatore sulla realtà che rappresentano, in entrambi i casi giovani di borgata ai margini della società, alla ricerca della loro felicità.

Peccato che questa scelta realistica abbia voluto dire, per Cuori Puri, la rappresentazione prolungata, con realismo crudo, di un incontro amoroso.

Niente di nuovo, da questo film, per quel che riguarda la rappresentazione dei giovani. Sembrano solo mossi dalla necessità di rispondere alle proprie necessità o alle proprie passioni e a nient’altro.

Se Agnese è rimasta senza cellulare perché la madre glielo ha sequestrato, trova inevitabile andare a rubarne un altro in un supermercato. Se Stefano è rimasto senza lavoro, finisce per accettare di vendere la droga e la fornisce anche a dei bambini, in una scena odiosa, alla fine del film. Non c’è nessun valore da difendere e le virtù sono realtà sconosciute.  Il film finisce per diventare un manifesto del soggettivismo socialmente irresponsabile.

Autore: Franco Olearo


Share |